Gli smartphone degli automobilisti potrebbero “salvare” i ponti

Può uno smartphone prevenire la caduta di un ponte? No. Ma tanti smartphone che lavorano insieme probabilmente sì. Dopo il crollo del Ponte Morandi di Genova ci si interroga su come prevenire una simile tragedia e come verificare lo stato di salute dei ponti.Crollo del Ponte Morandi

Una possibilità viene da una ricerca del MIT di Boston, pubblicata nel marzo 2018 e ripresa sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che si propone di utilizzare le possibilità tecnologiche dei nostri smartphone. Un normale telefonino, infatti, contiene gli strumenti in grado di misurare le vibrazioni dei ponti, un dato rivelatore del loro stato di salute strutturale.

MONITORARE LA SICUREZZA DEI PONTI

La ricerca del Massachusetts Institute of Technology di Boston, cui hanno partecipato anche due italiani, si basa sul fatto che uno smartphone contiene tre accelerometri in grado di misurare lo spostamento del telefonino in altezza, lunghezza e profondità.

Leggi Anche: come un parco auto circolante più giovane potrebbe prevenire gli incidenti

A contare sono i big data: se si riuscissero a raccogliere in modo sistematico i dati raccolti dagli smartphone di tutti gli automobilisti che percorrono un ponte sarebbe possibile monitorare con costanza lo stato di salute di un ponte.

big data dallo smartphone

DALLO SMARTPHONE ALLA MANUTENZIONE

La precisione offerta dai telefonini non è alta, ma i dati sono comunque significativi. Facendo un paragone, è come provarsi la febbre in casa per capire se si è malati e se consultare il medico o il farmacista. Il flusso di dati continuo fornito dagli smartphone è pensato per affiancarsi ai dati rilevati da altri sensori appositi su rete fissa. Naturalmente niente sostituisce le ispezioni fatte sul posto da personale qualificato.

Il problema della sicurezza dei ponti non è certo solo italiano. La ricerca del MIT è stata pensata negli Stati Uniti, dove il 40% dei ponti ha più di 50 anni e dove ogni giorno gli americani compiono 188 milioni di viaggi su ponti che strutturalmente hanno qualche problema.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia