14 Settembre 2020

La stampa 3D per l’automotive: versatilità, risparmio e personalizzazione

Nella maggior parte dei casi, la stampa 3D è usata per realizzare prototipi dei veicoli. Ma i campi di applicazione del 3D nel settore auto sono svariati e consentono maggiore personalizzazione, versatilità e risparmio di tempo.

Il settore automotive sta diventando uno dei principali utilizzatori della stampa 3D. Quali sono i vantaggi? Non servono stampi, non ci sono limitazioni di design e si risparmia 10 volte tempo, rispetto al metodo standard.

UN SETTORE IN ASCESA

Secondo le stime Global Market Insight, il mercato globale della stampa 3D nel settore automotive dovrebbe superare gli 8 miliardi di dollari entro la fine del 2024.

Nel report “Opportunità emergenti per i nanomateriali stampati in 3D” pubblicato da SmarTech nel 2019, entro il 2028 quasi il 60% dell’attività dei nanomateriali stampati in 3D verrà dall’elettronica e dal settore medicale, seguito dal settore odontoiatrico, tessile, robotica, dispositivi per lo stoccaggio di energia, aerospaziale e automobilistico.

Già nel 2015, il report di Wohlers preannunciava grandi progressi nell’industria automotive, con un mercato della stampa 3D costituito per il 16,1% dagli autoveicoli.

I VANTAGGI DEL 3D PER L’AUTOMOTIVE

La stampa 3D aumenta la flessibilità e velocità in tutte le fasi di sviluppo e produzione di un veicolo. Grazie alla stampa 3D è possibile abbattere costi e tempi di consegna, dal momento che non è necessario realizzare gli stampi. Questo dà più libertà ai progettisti e offre una più ampia possibilità di personalizzazioni.

Leggi anche: Dalla Cina arriva XEV: Auto Elettriche Low Cost realizzate con Stampanti 3D

Questa tecnologia riesce a gestire geometrie complesse utilizzando materiali leggeri (contribuendo, quindi, ad alleggerire il peso complessivo del veicolo) cosa impossibile con i metodi tradizionali.

Altro vantaggio è la possibilità di realizzare un unico pezzo stampato, anziché combinare varie parti. Questo permette di ridurre i tempi totali e gli scarti. Inoltre, è possibile riprodurre pezzi di ricambio che non si trovano più sul mercato.

UN ESEMPIO DI VERSATILITÀ

Possiamo applicare infinite geometrie e creare qualsiasi pezzo con altissima precisione, per quanto complicato possa sembrare, e con tempi impossibili da ottenere con i normali processi“, spiega Norbert Martín, responsabile del laboratorio di stampa 3D di Seat.

Versatilità e velocità sono i vantaggi principali di questa tecnologia. Prendiamo un esempio concreto: uno specchietto. Adottando il processo standard, bisognerebbe prima creare lo stampo: il procedimento richiede settimane e non è modificabile, a meno di realizzare un altro stampo. Con la stampa 3D la fase preliminare si dimezzano i passaggi: il file con il disegno viene mandato direttamente in stampa, come se fosse un documento e in 15 ore il pezzo è pronto.

 

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia