23 Luglio 2019

Super Ammortamento 2019: tutto ciò che c’è da sapere

Il super ammortamento è stato reintrodotto dal Decreto Crescita, si tratta di una misura fiscale che favorisce le aziende che investono in beni strumentali nuovi. Le auto, però, non sono comprese.

Lo diciamo subito: non riguarda le auto. Tuttavia, il super ammortamento è stato reintrodotto dal Decreto Crescita, fino al 31 dicembre 2019.

Si tratta di un maxi sconto per le aziende che investono in beni strumentali nuovi. Parlando di veicoli, ciò riguarda esclusivamente la categoria immatricolata come N1, cioè gli autocarri, oltre a trattori stradali,  autoarticolati, autotreni, autoveicoli per trasporto specifico e per uso speciale, mezzi d’opera.

Leggi anche: Col ritorno del super ammortamento crescono del 38% gli autocarri

SUPER AMMORTAMENTO 2019

La proroga stabilita dal Decreto Crescita lascia invariate le regole per beneficiare del super ammortamento nel 2019. Le aziende che investono in beni strumentali nuovi potranno quindi ammortizzare fiscalmente il bene al 130%.

L’unica novità è il limite massimo del costo complessivo dell’investimento, pari a 2,5 milioni di euro. Per la quota di spesa eccedente non sarà possibile fruire del super ammortamento. Vengono stanziati 130 milioni nel 2020, 200 milioni nel 2021 e 147 milioni nel 2022. La misura è a beneficio di piccole e medie imprese.

Cosa significa

Super ammortamento significa la possibilità di abbattere con una maggiorazione del 30% il costo di acquisto di beni materiali strumentali nuovi, purché riferiti all’attività dell’impresa. In pratica, se l’azienda acquista un N1 (o un altro bene previsto) e lo paga 100, il costo deducibile al fine dell’ammortamento diventa di 130.

Potranno beneficiare del re-introdotto super ammortamento gli acquisti di beni strumentali nuovi effettuati dal 1 aprile al 31 dicembre 2019, con possibilità di estensione fino al 30 giugno 2020 purché, entro la fine del 2019 l’ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di un acconto del 20%.

Come in passato, l’agevolazione ricomprende i veicoli quali autocarri, trattori stradali, autoarticolati, autotreni, autoveicoli per trasporto specifico e per uso speciale, mezzi d’opera. Non sono ricompresi nel nuovo super ammortamento i veicoli non strumentali all’impresa, vale a dire autovetture, ciclomotori e motocicli, aeromobili da turismo, navi da diporto e autocaravan.

Gli autocarri

La categoria N1 fa riferimento a una classificazione internazionale dei veicoli e indica i veicoli progettati e costruiti per il trasporto di merci, aventi massa massima non superiore a 3,5 t. La definizione di autocarro del Codice della Strada viene dall’art. 54 c.1 che recita: “veicoli destinati al trasporto di cose e delle persone addette all’uso o al trasporto delle cose stesse”.

Leggi anche: Attenzione ai finti autocarri, per la legge non sono LCV

Sono esclusi dagli incentivi gli autocarri con codice di carrozzeria F0, con quattro o più posti e con un rapporto tra potenza (espressa in kW) e portata (differenza tra massa complessiva e tara) uguale o superiore a 180. Senza tralasciare l’inerenza del veicolo all’attività dell’azienda.

STORIA DEL SUPER AMMORTAMENTO

Il super ammortamento è stato introdotto dalla Legge di bilancio 2016, rimanendo valido fino a dicembre 2018. In questo lasso di tempo ha dato la spinta necessaria per accompagnare la crescita del comparto delle quattro ruote. Tra le agevolazioni fiscali per l’acquisto dell’auto, il super ammortamento spicca per la sua capacità di favorire le imprese.

Super ammortamento 2018

Nel corso degli anni si è ridotto, passando dal 140% al 130%.  Anche la tipologia di veicoli cui è applicabile il super ammortamento si è ristretta con gli anni: Dal 2017 il super ammortamento (ancora al 140%) ha riguardato solo gli investimenti in veicoli nuovi ad uso strumentale, escludendo quindi le auto acquistate in proprietà o in leasing finanziario per uso non direttamente strumentale all’esercizio di attività, così come le auto aziendali utilizzate in modo promiscuo (come fringe benefit), o date in uso ai dipendenti.

Dal 2018 non comprende più le autovetture. Il super ammortamento in vigore adesso non è stato prorogato con la Legge di bilancio 2019, ma reintrodotto dal DL n. 34/2019 (DL Crescita) fino al 31 dicembre 2019.

 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia