Telematica: si va verso un’offerta sempre più evoluta [WEBINAR]

La telematica è un ambito di fondamentale importanza per i Fleet Manager. L’offerta è in crescita, ma ci sono ancora diverse potenzialità inespresse. Affronteremo questo argomento all’interno del quinti appuntamento con il nostro ciclo di Webinar del progetto Fleet & Charity

L’offerta telematica sta crescendo in maniera esponenziale, accogliendo nuovi importanti servizi, anche se ci sono ancora tante potenzialità inespresse. Ne abbiamo parlato ieri nel corso del webinar Sicurezza a bordo: telematica e cyber security, quinto appuntamento del nostro  progetto Fleet & Charity.

L’evento on-line, come quelli che lo hanno preceduto, è stato pensato per fornire un supporto concreto ai Fleet Manager e, al tempo stesso, per dare un contributo, con l’aiuto delle aziende nostre partner in questa iniziativa, alla Caritas Italiana.

TELEMATICA: UN’ALLEATA DELLA SICUREZZA E DEL WELFARE

Due player del settore della telematica (Geotab e Texa) e un rappresentante di una società di noleggio che ha puntato tantissimo negli ultimi anni sull’offerta della black-box (LeasePlan) si sono confrontati con la platea dei Fleet Manager su come si sta evolvendo l’utilizzo della telematica nelle realtà corporate.

I temi del webinar sono stati introdotti dai risultati della nostra inchiesta La telematica sale a bordo, effettuata quest’anno su un campione di 82 aziende, per un totale di 81.882 veicoli gestiti. Uno studio che ha fatto emergere la crescita della black-box a bordo dei veicoli negli ultimi anni, ma allo stesso tempo due velocità diverse da parte delle aziende clienti: ci sono quelle che utilizzano i dati e quelle che invece non li utilizzano ancora (o lo fanno parzialmente). Inoltre, se fino a qualche anno fa la telematica veniva vista dai Fleet Manager soprattutto come uno strumento di ottimizzazione, oggi il 35% del campione identifica la sicurezza dei propri driver come principale vantaggio.

Un aspetto, quello della safety, che è stato evidenziato anche da Andrea Algeri, general manager Telemobility di Texa, Fabio Saiu, director leasing and rental Europe di Geotab e Salvatore Mozzillo, operations director di LeasePlan Italia. La sicurezza (del driver e del veicolo) e la necessità di servizi sempre più sofisticati, in ottica di welfare aziendale, sono i trend principali che guideranno il futuro della telematica nelle flotte aziendali.

L’EVOLUZIONE DELL’OFFERTA

Quello di telematica è un concetto sempre più ampio, che va oltre il semplice concetto di black-box. “Nel momento in cui si vuole aumentare il livello della sicurezza – ha spiegato Algeri – bisogna creare una telematica dotata di una serie di dispositivi, periferiche e accessori in grado di recuperare tutte le informazioni necessarie. Così come occorrono altre funzionalità sofisticate per servizi di condivisione come il corporate car sharing e il car pooling”.

In altre parole, occorrerà puntare su dispositivi che raccolgano uno spettro sempre più ampio di funzionalità. Un concetto ribadito anche da Saiu, che ha fornito la visione internazionale di Geotab. “Nel resto d’Europa, c’è una sensibilizzazione particolare per il tema della sicurezza e della telematica evoluta: questo ha facilitato un’apertura verso servizi come la telematica di tipo predittivo, ad esempio per quel che riguarda l’analisi preventiva del grado di degradazione e di esaustività delle batterie elettriche. Un ‘salto’ ulteriore, che possiamo portarci a casa per migliorare l’efficienza delle flotte”.

Telematica auto

Mozzillo, invece, ha riportato il punto di vista della società di noleggio. “Inizialmente, quando abbiamo iniziato ad offrire i servizi telematica, analizzavamo le informazioni legate ai crash e ai furti. Quindi abbiamo promosso un up-selling continuo, che ha incluso altri servizi, come il monitoraggio dei point of interest, la geolocalizzazione in tempo reale e il driving behaviour”.

Geofencing, controllo dei point of interest, gestione del car pooling e, in generale dell’auto condivisa, certificazione della sanificazione (un aspetto, quest’ultimo, sul quale si sta lavorando proprio in queste settimane): sono questi, secondo gli speaker del webinar, alcuni servizi evoluti che la telematica è e sarà in grado di offrire dopo l’avvento del Covid. Dopo questa fase di stallo, dunque, la crescita dell’offerta, oltre che quantitativa, dovrà essere soprattutto qualitativa.

Leggi anche: i 5 falsi miti sulla scatola nera in auto

CYBER SECURITY

Un tema introdotto dall’evoluzione della telematica è quello della cyber security. Più l’auto è connessa e in grado di trasmettere dati, più è hackerabile dall’esterno. Un tema che abbiamo affrontato con il contributo di Alessandro Fossato, CEO di Interlogica.

“Stiamo entrando in un’epoca in cui l’automotive si sta trasformando in un sistema a dominanza digitale e, quindi, il settore inizia ad avere i problemi di sicurezza tipici del digital”. In questo contesto, non esiste una forma di difesa universale, ma la via per essere un po’ meno vulnerabili, secondo il manager, è quella di “costruire processi di gestione della sicurezza e dividere i budget della security da quelli dell’IT”.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia