Telepass acquisisce Urbi, la piattaforma integrata di car sharing
 

Nuova mobilità: Telepass acquisisce Urbi


Telepass acquisisce Urbi e entra anche nel mondo del car sharing. La nota azienda di pedaggi autostradali, infatti, ha annunciato di aver inglobato la maggioranza di questa start-up innovativa, che aggrega in un’unica piattaforma i diversi servizi di auto, scooter e biciclette in condivisione.

Telepass acquisisce Urbi car sharing

Una schermata della app di Urbi, che consente di visualizzare le proposte di vari operatori di auto condivisa. L’esempio è riferito a Milano.

La direzione è chiara: seguire sempre più la strada del digitale, come dimostrano anche altri recenti progetti di Telepass, come la app Pyng per il pagamento dei parcheggi.

TELEPASS ACQUISISCE URBI: GLI OBIETTIVI

Il costo dell’operazione non è pubblico, ma stando ai rumors dovrebbe aggirarsi attorno ai 3 milioni di euro. Urbi, che racchiude dentro di sé (in un’unica app) le offerte e le auto messe a disposizione dai vari operatori del car sharing (da Car2Go, recentemente sbarcato anche a Fiumicino, a EnJoy), consentirà a Telepass di aggiungere anche le varie declinazioni dello sharing al suo ecosistema di servizi.

Approfondisci: Il digital payment, la nuova frontiera del rifornimento di carburante

Un ecosistema in grado di rendere più semplici gli spostamenti quotidiani di privati e aziende, grazie all’ausilio di soluzioni veloci e innovative. Allo stesso modo, Urbi, che rimarrà comunque una app autonoma, potrà aumentare esponenzialmente la sua popolarità.

Leggi anche: I progetti dell’azienda di pedaggi presentati al Fleet Motor Day 2017 

LA STORIA DI URBI

Nata tre anni fa a Milano da un’intuizione di Emiliano Saurin e Serena Schimd e successivamente finanziata da Lastminute.com (che prima ne deteneva l’80% del capitale e ora ne manterrà il 20%), Urbi si è espansa in 15 città europee, raggiungendo quota 200mila download complessivi. Oltre ai vari servizi di car sharing, la app aggrega anche i servizi di bike sharing e scooter sharing per fornire all’utente una visione completa delle varie modalità di mobilità condivisa presenti nella sua città.

Related Posts

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*