2 Agosto 2017

PSA e Opel: acquisizione completata, a breve il nuovo piano industriale

La procedura avviata da General Motors e PSA a ridosso del Salone di Ginevra 2017 per la cessione di Opel Automobile GmbH è stata completata.

Ora manca solo il nuovo piano industriale conseguente all’ingresso della Casa tedesca (e del marchio britannico collegato Vauxhall) all’interno del gruppo transalpino, che sarà presentato, secondo la nota diffusa dal Marchio del Fulmine, di qui a 100 giorni. L’acquisizione Opel, quindi, è ormai una realtà consolidata.

Carlos Tavares Mary Barra - PSA acquista Opel
Carlos Tavares (CEO di PSA) con Mary Barra (a.d. General Motors) ai tempi dell’avvio della procedura

Ma che cosa cambia, oltre ai rapporti di forza nel contesto del mercato auto, che consegneranno alla nuova formazione d’attacco il titolo di “vice-campione d’Europa”, con una quota di circa il 17% sul totale continentale, e la carica di primo o secondo costruttore nei mercati più importanti?

Leggi anche: L’avvio dell’acquisizione e le aspettative dei protagonisti

NUOVI DIRIGENTI NEL LEADERSHIP TEAM

Già abbiamo riferito delle dimissioni di Karl-Thomas Neumann e della contestuale nomina di Michael Lohscheller, che però è entrato in carica quale CEO di Opel Automobile GmbH solo ora, a iter concluso.

La nuove notizie riguardano l’inserimento in squadra di quattro nuovi dirigenti, a sostituirne altrettanti. Vediamo nello specifico chi sono e in quale ambito opereranno:

  • Integrazione engineering e powertrain: il nuovo vice president Engineering è Christian Müller, già vice president Global Propulsion Systems per l’area Europe. Subentrerà a William F. Bertagni.
  • Manufacturing: in arrivo dal Gruppo PSA, dove ricopriva la carica di senior vice president Group Industrial Strategy, Rémi Girardon sostituisce alla vicepresidenza Philip R. Kienle
  • Purchasing e Supply Chain: passaggio di testimone tra donne. Michelle Wen, in precedenza Group Supply Chain Management Network Director presso Vodafone Procurement, prenderà il posto, come vice president dell’area, di Katherine Worthen. La nomina diverrà però operativa solo dal 1 settembre p.v..

Infine, il ruolo di direttore finanziario (CFO) di Opel, già in capo a Lohscheller, andrà a Philippe de Rovira, che nel Gruppo PSA aveva la carica di Group Controller.

Il nuovo CEO di Opel Automobile GmbH dopo l’era Karl-Thomas Neumann: Michael Lohscheller

CHE COSA NON CAMBIA DOPO L’ACQUISIZIONE OPEL

A mutare inevitabilmente, per sostanziare l’inserimento di Opel Automobile GmbH in un portafoglio di marchi che conta già Citroën, Peugeot e DS, dovrà essere anche l’andamento economico delle due aziende.

Leggi anche: Le sfide nel mondo B2B tracciate dal Gruppo PSA

Gli obiettivi già tracciati indicano un flusso di cassa  (cash flow) operativo positivo entro il 2020 e un margine operativo, nello stesso intervallo, del 2%, a salire fino al 6% programmato per il 2026.

Di là dalla struttura di comando e dai piani finanziari, a non essere interessato da alcuna modifica sarà il DNA proprio dei due brand acquisiti, che anzi verrà valorizzato, e il radicamento al territorio di appartenenza.

“Libereremo tutta l’energia di questi marchi iconici e daremo spazio all’enorme potenziale dei loro talenti. Opel resta tedesca e Vauxhall resta britannica”, è stata la rassicurazione di Carlos Tavares, presidente del Direttorio del Gruppo PSA.

“Continueremo nel nostro percorso, volto a mettere la tecnologia ‘Made in Germany’ a disposizione di chiunque”.

(Michael Lohscheller, CEO di Opel Automobile GmbH)

UN RAPPORTO CHE STA GIÀ DANDO I SUOI FRUTTI

Opel e Vauxhall sono usciti da General Motors dopo un percorso comune durato 88 anni.

Il rapporto con PSA è invece partito dal 2012. Da allora, grazie alla collaborazione avviata, si sono poste le basi per quattro modelli contrassegnati dal logo del Fulmine – autovetture e veicoli commerciali. A cominciare si va dal Crossland X (vedi foto), arrivato alla fine dello scorso mese in concessionaria.

Nuova Opel Crossland X 2017

Il fratello di taglia più grande (media), Grandland X, è invece atteso dai dealer della rete italiana per l’autunno prossimo.

La curiosità che forse non sai: Opel Grandland X, il SUV che ti avvisa se ti addormenti

Per il 2018 si parla del successore dell’LCV Combo, mentre occorrerà pazientare un altro anno ancora per conoscere le modifiche apportate sulla nuova generazione di un’autentica bestseller, Opel Corsa.

Non si interromperanno tuttavia i contatti del nuovo potente gruppo a livello europeo con General Motors, che contemporaneamente sta proseguendo nella procedura di cessione, sempre a PSA, delle attività europee di GM Financial (stante le necessarie approvazioni da parte degli enti competenti, si parla di chiuderla nella seconda metà del 2017).

Proseguirà infatti sia lo sviluppo dei motori elettrici, sia la produzione, negli stabilimenti Opel, dei veicoli commercializzati oltreoceano con i marchi GM Buick e Holden.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia