7 giorni con Jeep Compass: ecco il nostro Test Drive

Abbiamo provato Jeep Compass in un Test Drive lungo un’intera settimana, per la nostra rubrica “7 giorni con…”.

Partiamo col dire che non è così semplice portare quel marchio sul cofano. Perché scegliere una Jeep significa aspettarsi qualcosa in più rispetto a uno dei tanti Suv in circolazione: una lunga e comprovata tradizione di efficacia e versatilità.

E poi quella tipica atmosfera dei prodotti americani che sa di grandi spazi, avventura e, perché no, benessere. Allora la nuova nata deve esserne all’altezza, superando di netto il modello precedente, collocandosi tra la più spiritosa Renegade e la crossover-wagon Cherokee e lasciando senza interferenze,  benché le assomigli parecchio in fatto di stile, il ruolo di ammiraglia luxury alla Grand Cherokee. La nuova Jeep Compass, insomma, sembra la taglia giusta per il nostro mercato.

Leggi Anche: tutta la gamma Jeep 2018

IL TEST DRIVE DI JEEP COMPASS

IL DESIGN

Lunedì

Eccola qui, dunque, l’interprete dello stile Jeep contemporaneo. Mi aspettavo una Business, invece per questa Prova su strada è arrivata una sontuosa Jeep Compass allestimento Limited in livrea bianco perlato e tetto Gloss Black a contrasto, con porzione centrale in cristallo apribile (un optional da 1.500 euro).

Test Drive Jeep Compass

Aspetto qualche istante più del solito prima di salire a bordo, perché me la figuro come company car: è una station alta e compatta? Oppure una fuoristrada classica ma più elegante, più aerodinamica? In ogni caso l’aspetto migliore è il rapporto tra la dimensione delle ruote e il corpo vettura, la linea di cintura alta, la superficie vetrata rispetto alla lamiera. Evocativa.

La linea non ha incertezze e c’è “premiumness” nei dettagli, come la modanatura cromata intorno al lunotto posteriore e ai cristalli laterali. Le luci posteriori trasmettono compattezza e robustezza. Dentro mi accoglie una selleria completamente in pelle (1.300 euro, altrimenti il rivestimento è misto) con regolazione elettrica a 8 vie delle poltrone anteriori.

Quindi l’Infotainment Pack (impianto BeatsAudio a 9 altoparlanti + UConnect touch display da 8.4” + navigatore, il tutto a 1.150 euro) e il Parking Pack, ricco rispetto al prezzo di 850 euro perché contiene retrocamera, sensori anteriori e posteriori, Blind Spot Detection e parcheggio automatico. Insomma, un abitacolo di un certo tono.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia