21 Novembre 2018

Mazda CX-5, il Test Drive della 2.2 turbodiesel da 184 CV

La Mazda CX-5 è il modello della Casa giapponese più venduto in Europa. Spaziosa, piacevole da guidare e sicura in ogni situazione. Adesso l’offerta degli allestimenti si amplia con la versione Business dedicata alle flotte aziendali e ai clienti professionisti. Motori più potenti.

Mazda CX-5 è stato il precursore del Kodo design, la cifra stilistica inconfondibile del marchio orientale. Il Suv medio della Casa nipponica si presenta sul mercato con molti assi nella manica: piacere di guida, comfort e ricchi equipaggiamenti.

La nuova CX-5 si è affinata dal punto di vista estetico, cambiando molto di più “sottopelle”. Ben 698 i particolari rivisti rispetto alla versione uscente. Risultato: migliorano la dinamica di guida, la silenziosità, il comfort e la sicurezza.

Leggi Anche: al Salone di Los Angeles la “prima” di Mazda3

IL TEST DRIVE DI MAZDA CX-5

DESIGN

Il frontale è stato ridisegnato, il cofano motore è più lungo di 10 centimetri e i montanti anteriori sono stati arretrati, a beneficio della visibilità.

design mazda cx5

Così cambiano i volumi e le proporzioni di Mazda CX-5, che adesso sfoggia un’aria più imponente e personale. Le linee scolpite proseguono poi lungo la fiancata.

INTERNI DELLA MAZDA CX-5

All’interno di Mazda CX-5 il colpo d’occhio è notevole, non c’è che dire: evidente l’attenzione alla qualità dei materiali e la cura per i dettagli. Dal punto di vista dell’accuratezza costruttiva, d’altronde, le Mazda di oggi non deludono.

interni mazda cx5

La plancia, sviluppata su linee orizzontali, ha un andamento semplice e lineare. Il display (da 7 pollici) del sistema multimediale è stato spostato più in alto (sporge sulla parte superiore ed è molto più visibile che in passato), mentre i comandi, facili e semplici da usare, si trovano dietro la leva del cambio automatico.

Leggi Anche: i 10 segreti di Mazda CX-3

La strumentazione, chiara e ben visibile, è completata dall’head-up display di ultima generazione, su cui confluiscono tutti i dati più importanti, compresi quelli di navigazione e assistenza alla guida. Non mancano, infatti, gli Adas a bordo: dal cruise control adattivo al monitoraggio degli angoli ciechi, dal rilevatore di stanchezza al mantenimento della corsia, fino al riconoscimento dei segnali stradali e al monitor 360°.

Il bagagliaio offre un volume di carico di 506 litri (si arriva a 1.620 litri con i sedili posteriori abbattuti).

MOTORI

Al top della gamma diesel c’è il 2.2 da 184 CV e 445 Nm (a trazione integrale), omologato secondo le normative vigenti, con 9 CV in più rispetto al passato: assicura prestazioni elevate e una buona vivacità, il tutto senza apparente sforzo. Poi è anche silenzioso. Chi punta al risparmio può scegliere lo Skyactiv-D da 2.2 litri, nella versione da 150 CV e trazione anteriore.

motorizzazioni mazda cx5

La Mazda CX-5 propone, poi, due motorizzazioni a benzina: 2.0 Skyactiv-G da 165 CV e 2.5 da 194 CV con sistema di disattivazione dei cilindri e di recupero dell’energia in frenata i-Eloop.

Approfondisci: quale sarà il carburante del futuro?

Su tutte le alimentazioni, si può optare per la trazione integrale on demand i-Activ AWD di tipo attivo: il sistema si basa su 27 sensori che monitorano 200 volte al secondo le condizioni di guida, per ripartire la trazione tra l’assale anteriore e quello posteriore in maniera ottimale e garantire il massimo livello di motricità in ogni situazione.

COME VA SU STRADA

L’abitacolo della Mazda CX-5 è molto ben isolato. Il rumore esterno rimane lontano e la scocca offre una bella sensazione di solidità e compattezza. Merito anche dei doppi cristalli anteriori “silence”. Si viaggia bene davanti, ma anche dietro. Così i chilometri scorrono via senza problemi. L’assetto è più votato al comfort che all’handling. Le sospensioni assorbono in modo adeguato le asperità della strada.

mazda cx-5 su strada

Al volante ci si trova subito bene: si sta seduti in alto, senza eccessi, su un sedile comodo e ben conformato. Guida dinamica e divertente, oltre che prestazioni di tutto rispetto. L’abbinamento con il cambio automatico a sei rapporti è riuscito, anche se una o due marce di riposo in più non avrebbero guastato.

Tra le novità della Mazda CX-5, da segnalare i nuovi fari a Led a matrice e l’esclusivo sistema G-Vectoring per il controllo dinamico dell’auto (il meccanismo regola la coppia motrice del motore in base agli input dello sterzo, gestendo in maniera ottimale i trasferimenti di carico tra retrotreno ed avantreno e viceversa, sia in ingresso sia in uscita di curva).

La CX-5, in definitiva, è un’auto stimolante da guidare e un luogo piacevole dove passare le ore. Alla guida o anche come passeggeri. Dalla sua ha anche una meccanica di prim’ordine. Sulla strada, poi, la sport utility nipponica sta proprio bene ed è quello che conta davvero. Per le flotte, c’è anche la versione Business, dedicata ad aziende, PMI e liberi professionisti. Il listino parte da 28.650 euro.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia