26 Gennaio 2017

Texa Care compie un anno: ecco i numeri delle auto connesse

Dieci milioni di chilometri percorsi a bordo delle auto connesse e oltre 650 chiamate d’emergenza gestite: sono i numeri di Texa Care, innovativo servizio d’assistenza lanciato un anno fa dalla società veneta.

I NUMERI DI TEXA CARE

Questi i numeri principali resi noti da Texa: dando ragione alle strategie attuate dall’azienda trevigiana, le auto connesse con il dispositivo hanno percorso circa 10 milioni di km nel corso del 2016. E oltre 400 installatori ufficiali sul territorio italiano hanno fornito assistenza tecnica in tempo reale agli automobilisti (flotte aziendali comprese), offrendo consigli e interventi tempestivi. In totale Texa Care ha segnalato qualcosa come 500mila tra allarmi spie e errori captati dalle centraline.

Team Texa Care 2017
Il team di Texa Care

Il vantaggio? In primis, riguarda la sicurezza, dato che lo strumento previene il crearsi di situazioni potenzialmente pericolose per il driver, in secondo luogo il soccorso rapido e tempestivo in caso di sinistro. Più di 650, infatti, sono state le chiamate di emergenza gestite dalla Centrale Operativa della società veneta nel corso dell’anno e inviate automaticamente dagli smartphone degli automobilisti in seguito alla rilevazione di un’incidente, o manualmente dai guidatori in difficoltà.

COME FUNZIONA TEXA CARE

Texa Care, come abbiamo scritto lo scorso anno presentando il dispositivo, grazie alla piccola scatola (meno di 5 cm) collegata alla presa OBD della vettura, è in grado di rilevare automaticamente un eventuale incidente e, tramite il telefonino del driver, attivare immediatamente i soccorsi grazie alla centrale Texa, operativa H24, 7 giorni su 7.

Lo strumento svolge anche altre funzioni utili all’azienda. Qualche esempio? Gestire le scadenze di bollo, assicurazione, revisione, patente e monitorare lo stato dell’auto. Inoltre, attraverso le informazioni sulla vettura stessa, è possibile monitorare attentamente gli stili di guida. Non ultimo, il sistema offre anche la funzione di geo fencing (che permette di impostare l’area geografica all’interno della quale è consentito al veicolo di muoversi liberamente) per controllare dove si trova l’auto o ritrovarla all’interno di un grande parcheggio.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia