Tom Tom Business Solutions, al servizio dei fleet manager

Le aziende oggigiorno sono sempre più propense ad adottare car policy “sostenibili”, sia per ridurre i costi che impattano sul proprio bilancio sia per garantire un maggiore rispetto per l’ambiente. Ciononostante, secondo una recente ricerca condotta da Tom Tom Business Solutions più dei tre quarti (79%) dei conducenti italiani di veicoli commerciali ammette di guidare con maggiore attenzione quando si trova al volante del proprio mezzo personale, mentre quasi la metà (48%) confessa di essere più incline a superare i limiti di velocità o ad assumere rischi alla guida dei veicoli aziendali a causa delle pressioni sui tempi di lavoro. Inoltre, secondo l’80% degli intervistati l’azienda non propone corsi di guida sicura e solo il 2% di esse impiega dispositivi tecnologici per monitorare le performance di guida e l’efficienza dei consumi. Eppure, proprio lo stile di guida dei conducenti rappresenta uno degli elementi di maggior impatto sul consumo di carburante e sulle spese di manutenzione.

A tale proposito, TomTom Business Solutions ha messo a punto una serie di soluzioni utili a supportare le aziende verso il raggiungimento di questo obiettivo, come per esempio l’applicazione web-based “WebFleet” accessibile da pc e da dispositivi mobile, che fornisce ai fleet manager tutti i dati relativi ai mezzi, ai percorsi e allo stile di guida, grazie al collegamento in tempo reale con uno strumento, Link, che può essere installato a bordo dell’automobile. Quest’ultimo dialoga direttamente con il dispositivo TomTom Ecoplus che permette di ottenere con rapidità i dati sull’efficienza dei consumi di ogni veicolo, rendendoli più ecologici.

Inoltre, direttamente dalla piattaforma WebFleet, usando uno strumento denominato OptiDrive, il fleet manager può mettere in atto dei programmi di incentivazione per gli autisti, attribuendo punteggi in  base a quattro aree di attenzione: consumo carburante, eccessi di velocità, frenate brusche e sterzate, soste a motore acceso. Infine, i driver delle vetture aziendali invece possono autocontrollarsi tramite due ausili, il dispositivo di navigazione Pro e lo strumento di supporto ActiveDrive Feedback, che forniscono informazioni relative a velocità, eventi di guida (sterzate e frenate brusche), consumo di carburante ed efficienza.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia