10 Settembre 2020

Quando usare la guida automatizzata? TomTom lancia RoadCheck

TomTom ha lanciato RoadCheck, una funzionalità che consente alle Case auto di tracciare le aree dove è considerato sicuro l'utilizzo dei sistemi di guida automatizzata.

La guida automatizzata garantisce comfort e sicurezza, ma non sempre può essere utilizzata. Condizioni come cantieri stradali, incidenti, mancanza di adeguata segnaletica rendono sconsigliabile la guida assistita.

Per questo TomTom ha lanciato una nuova funzionalità, dedicata alle case costruttrici, che consente ad ogni produttore di tracciare aree e perimetri dove considera sicuro l’utilizzo dei sistemi di guida automatizzata.

Il sistema si chiama RoadCheck e funziona tramite la mappa HD ad alta risoluzione di TomTom.

COME FUNZIONA ROADCHECK

RoadCheck permette di definire il “dominio di progettazione operativa” (operational design domain o ODD), ovvero decidere dove la guida assistita o autonoma può essere utilizzata.

Consentendo alle case automobilistiche di controllare dove possono essere attivate le funzioni di guida automatizzata, TomTom sta affrontando una sfida fondamentale del settore che è stata evidenziata dai nostri partner e clienti. TomTom RoadCheck, una tecnologia all’avanguardia nel settore, renderà più veloce il processo per una guida autonoma sicura“.
Willem Strijbosch, capo dell’Autonomous Driving di TomTom

Si tratta del primo servizio di questo genere, che le Case auto potranno personalizzare per ogni modello o ogni categoria di veicolo, anche singolarmente se necessario, appoggiandosi sempre sull’infrastruttura cloud.

Leggi anche: TomTom lancia Asset Tracking per monitorare gli asset alimentati elettricamente

I programmatori di TomTom potranno modificare la mappa, in base alle zone non sicure, incidenti, lavori in corso o altri parametri, e inviare i dati alla flotta di veicoli collegati a RoadCheck.

LA GUIDA AUTOMATIZZATA

Con la guida parzialmente automatizzata, vale a dire il livello 2 di guida autonoma (il massimo consentito in Italia) l’automobilista può affidare al sistema il controllo dell’auto in determinate situazioni, ma deve rimanere sempre attento e subentrare in caso di bisogno. Il passo successivo (livello 3) è la guida altamente automatizzata: il guidatore non è più tenuto ad assumere in modo permanente il controllo longitudinale e laterale della vettura e può quindi svolgere ulteriori attività a bordo.

Leggi anche: I limiti legislativi delle auto a guida autonoma

In un’ottica di implementazione della guida autonoma, strumenti come RoadCheck saranno sempre più utili per garantire la sicurezza.

TomTom ha dichiarato che RoadCheck sarà implementato già nel 2021, da una importante casa automobilistica (ancora non se ne conosce il nome) a partire dagli Stati Uniti, dove la guida autonoma al momento è più liberamente utilizzabile.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia