Toyota Mirai al Giro Hybrid 2019: dall’ibrido all’idrogeno [VIDEO]

Toyota Mirai, vettura con tecnologia ad idrogeno, presentata al Giro d'Italia 2019. Ci ha accompagnato nel corso dell'ultima tappa del Giro Hybrid, che come la corsa rosa si è concluso domenica scorsa a Verona.

Durante l’ultima tappa del Giro d’Italia 2019 e della quinta tappa del Giro Hybrid 2019 è stata presentata al pubblico la nuova Toyota Mirai. Siamo partiti all’inzio del giro con la tecnologia Full Hybrid Electric con Toyota RAV4 e Toyota Corolla per concludere con la tecnologia ad idrogeno, perché il percorso verso una mobilità sostenibile non può concludersi solo con l’ibrido.

Mirai, un progetto Toyota iniziato oltre 20 anni fa, è la prima berlina alimentata ad idrogeno e prodotta in serie, con oltre 8 mila veicoli già venduti a livello globale.

Leggi Anche: gli ostacoli dell’Idrogeno in Italia

Abbiamo avuto il piacere di accompagnare il Giro con la nostra flotta di RAV4 e Corolla Touring Sports dotate di un sistema ibrido di quarta generazione che fino ad ora sono state in grado di viaggiare in modalità zero emissioni per oltre il 50% del tempo. Per questo importante evento finale – conclude Mauro Caruccio, AD Toyota Motor Italia –  non potevamo che scegliere la Toyota Mirai, un cuore ibrido ma alimentato questa volta ad idrogeno che anticipa letteralmente il futuro

TUTTI I SEGRETI DI TOYOTA MIRAI

TOYOTA MIRAI: REALTÀ, NON FUTURO

Nonostante il nome che porta, Mirai vuol dire “futuro“, è oramai una realtà a livello globale, con oltre 8.000 vetture vendute nel mondo. Mirai, prodotta nell’impianto di Motomachi Plant in Giappone, sfrutta il Toyota Fuel Cell System (TFCS), un sistema che adotta le celle a combustibile, basato sulla piattaforma Full Hybrid Electric.

Toyota_Mirai

Il TFCS risulta molto più efficiente rispetto ai tradizionali motori a combustione interna e produce acqua come unica emissione. Nessuna emissione di CO2, né di altri gas inquinanti.

Approfondisci: idrogeno come soluzione di mobilità per il futuro

Nonostante il nome che porta, Mirai vuol dire “futuro“, è oramai una realtà a livello globale, con oltre 8.000 vetture vendute nel mondo.

IDROGENO: COME FUNZIONA

L’idrogeno è il più abbondante elemento chimico presente nell’universo, ma non in forma naturale, per questo non è una fonte propriamente rinnovabile e va prodotto con diversi sistemi, alcuni rispettosi dell’ambiente altri meno. 

Approfondisci: pro e contro auto ad idrogeno

l processo consiste in una corrente a basso voltaggio che attraversa l’acqua per rilasciare in forma gassosa ossigeno e idrogeno.

Toyota_Mirai_Idrogeno

L’energia chimica ottenuta, fa muovere il motore in due modi:

  • Bruciando in un motore a combustione interna come per i razzi che vengono spediti nello spazio;
  • Facendo reagire l’ossigeno in una pila a combustibile – fuel cell – per produrre elettricità. I veicoli con questa tecnologia sono chiamati Fuel Cell Electric Vehicle. Questa tecnologia non prevedendo combustione termica ma una corrente elettrica produce come unico scarto l’acqua per nulla alterata.

La seconda tecnologia è quella che sta alla base della Toyota Mirai.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia