12 Luglio 2019

Toyota RAV4, ibrido integrale e Toyota Safety Sense evoluto nei 25 anni dal debutto

Lo sviluppo dello sport utility giunge alla tappa della quinta generazione. L’ibrido si affina ulteriormente, la sicurezza poggia sul Toyota Safety Sense 2.0 di serie, la tecnica beneficia dell’architettura TNGA-K

Correva l’anno 1994, l’ibrido sarebbe arrivato pochi anni più tardi con la rivoluzione Prius, i SUV non erano ancora tali per definizione. Col senno di poi, lo erano per concetto. Toyota RAV4 a scrivere le prime pagine della metamorfosi del fuoristrada in auto civilizzata.

Nuova Toyota RAV4-2

NUOVA TOYOTA RAV4 2019 

In 25 anni di storia, cinque generazioni del SUV nipponico hanno venduto 8,5 milioni di esemplari. Generazioni passate dall’essere un progetto dalle dimensioni di un’utilitaria, SUV tre o cinque porte, alla nuova Toyota RAV4, sport utility di taglia media che, all’ibrido quattro ruote motrici, sposa la nuova architettura TNGA-K.

SICUREZZA DI SERIE CON TOYOTA SAFETY SENSE 2.0

Procede nel solco dell’evoluzione leggendo le pagine dei sistemi di assistenza alla guida, Toyota Safety Sense di serie su tutte le versioni.

Il sistema anticollisione rileva la presenza di pedoni e ciclisti anche in condizioni di bassa luce ambientale, rilevamento operativo tra i 10 e gli 80 km/h, al quale subentra la frenata automatica d’emergenza nel caso in cui il guidatore non intervenga prontamente: 40 km/h, è la differenza di velocità che la frenata automatica riesce a produrre dall’attivazione.

Approfondisci: tutti gli adas del Toyota Safety Sense 2.0

Il cruise control adattivo è dotato di funzione stop&go, utile per le ripartenze dopo fasi di stop nel traffico. Unitamente al Lane Tracing Assist, sistema che permette a RAV4 di restare all’interno della propria corsia con micro-correzioni al volante (in autostrada e oltre i 50 km/h), la guida sulle lunghe distanze autostradali risulta più comfortevole e rilassata.

Del pacchetto di ADAS di serie, da segnalare il riconoscimento della segnaletica stradale – con possibilità di adeguamento del cruise control – e il rilevatore della stanchezza del guidatore, nonché l’automatismo di conversione dei fari abbaglianti/anabbaglianti e l’avviso del superamento di corsia con correzione sul volante inclusa.

STILE TUTTO SPIGOLI

Sceglie, correttamente, un approccio di deciso rinnovamento, invece, Toyota RAV4 sul design.

Nuova Toyota RAV4-9 

Linee scolpite e imponenti, il frontale è un inseguirsi di poligoni, dai fari full led – di serie dall’allestimento Style, intermedio prima del top di gamma Lounge – all’ampia griglia e al trapezio della parte inferiore del paraurti. Convince anche al posteriore, nelle scelte adottate sui gruppi ottici.

Leggi Anche: i vantaggi del Full Hybrid Toyota

Forma e funzione, al retrotreno, portano al portellone dalle linee regolari, scelta ideale per facilitare le operazioni di carico nel vano da 580 litri, con doppio fondo reversibile e pavimento piatto dalla superfice estesa (+60 mm) a sedili posteriori abbattuti. Un movimento del piede al di sotto del paraurti è sufficiente per aprire e chiudere il portellone.

NUOVA ARCHITETTURA

Non solo evoluzione del design. Cambiano i presupposti. La tecnica dell’architettura TNGA-K, grazie alla quale la rigidità strutturale incrementa del 57%, il baricentro si abbassa e molti componenti si alleggeriscono.

Nuova Toyota RAV4-7 

Il cofano motore risulta più basso di 15 mm e, unitamente a montanti anteriori meno ingombranti, a beneficiarne è la visibilità, da un posto guida ottimizzato grazie a un punto d’anca più basso di 15 mm. L’equilibrio è la cifra di nuova RAV4, lunga 4,60 metri, con sbalzi ridotti e un’altezza di 1,66 metri.

RAV4 HYBRID, LE CARTE VINCENTI DELL’IBRIDO

Equilibrio delle masse e del powertrain.

Efficienza ibrida, due o quattro ruote motrici, sviluppata intorno al motore termico a Ciclo Atkinson  da 2.5 litri di cilindrata completato dalla componente elettrica. Il classico schema Toyota, con i motogeneratori dell’e-CVT due ruote motrici, oppure, il raddoppio della componente elettrica sull’asse posteriore.

Nuova Toyota RAV4-1 

Toyota RAV4 4×4, che arriva a trasmettere fino all’80% della potenza del sistema al retrotreno, all’estremo opposto di una condizione al 100% due ruote motrici, anteriori, in presenza di aderenza perfetta.

Il sistema ibrido sviluppa 218 o 222 cavalli, a seconda della scelta 2 o 4 ruote motrici, con un dato di coppia comune a 221 Nm.

Il contributo arriva dai 155 cavalli del motore termico e dai 120 cavalli del motogeneratore elettrico anteriore, ai quali si aggiungono 54 cavalli dell’elettrico posteriore su RAV4 AWD. Potenze differenziate, come il dato di coppia, del 30% superiore la quantità erogabile al retrotreno rispetto al passato. Complessivamente, la componente elettrica anteriore esprime fino a 202 Nm, quella posteriore fino a 121 Nm.

I VANTAGGI SUI CONSUMI

L’efficienza è tale che, rispetto alla precedente generazione di RAV4, le perdite legate alla trasmissione sono inferiori del 25%.

Nuova Toyota RAV4-8 

Il perfezionamento dello schema ibrido ha portato a ottenere un rendimento termico del 41%, valori da Prius, per intenderci, mentre il compattamento degli ingombri dell’unità di controllo della potenza e del pacco batterie al nickel-metallo-idruro si traduce anche in una riduzione delle masse in gioco.

Leggi Anche: come funziona la trazione integrale AWD-i

I consumi sono bassissimi, 4,4 litri/100 km il dato dichiarato, a fronte di prestazioni adeguate, con 180 km/h di velocità massima e un’accelerazione rapida, in 8”1, sullo zero-cento orari.

IN OFF-ROAD AIUTA IL TRAIL MODE

Due o quattro ruote motrici, per disimpegnarsi in fuoristrada, RAV4 offre una funzione Trail Mode ulteriore rispetto alle modalità di guida Normal, Eco e Sport. Trail Mode frena la ruota che dovesse essere in crisi di aderenza, senza presa sul terreno, per trasmettere la coppia motrice sulla ruota dell’asse con la maggior presenza di aderenza.

INTERNI, LO SPECCHIETTO DIVENTA SCHERMO

Vivere a bordo di RAV4 è uno sfruttare le dimensioni di un passo di 2,66 metri, vivere un ambiente con rivestimenti in materiale morbido estesi su plancia e portiere.

Nuova Toyota RAV4-4 

E’ beneficiare del tetto panoramico, utilizzare i servizi connessi dell’infotainment, con schermo da 8 pollici già dall’allestimento Active, dotato di cerchi in lega da 17” dove l’offerta Style prevede i 18” e la tinta bicolore della carrozzeria.

Nuova Toyota RAV4-3 

La sicurezza alla guida passa dal pacchetto Toyota Safety Sense come da soluzioni che migliorano le condizioni di guida.

Lo specchietto retrovisore può trasformarsi in uno schermo ad alta risoluzione, sul quale sono riprodotte le immagini riprese dalla telecamera posteriore.

Dettaglio utile, in particolare, in presenza di un bagagliaio carico oltre la cappelliera, che limita la visuale posteriore. Anche l’angolo di copertura risulta superiore rispetto al classico specchio.

Nuova Toyota RAV4-5 

Per una visione totale, non manca la rappresentazione panoramica a 360° dell’esterno, riprodotta sul display dell’infotainment grazie alle immagini riprese dalle telecamere esterne.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia