Toyota RAV4: prova su strada del SUV ibrido [VIDEO]

Abbiamo guidato la quinta generazione di Toyota RAV4 BUSINESS AWD-I in compagnia di Paolo Randazzo, pilota e istruttore Toyota Driving Academy. Ecco la nostra prova.

Abbiamo guidato la quinta generazione di  Toyota RAV4 in compagnia di Paolo Randazzo, pilota e istruttore Toyota Driving Academy. Nel dettaglio siamo sull’allestimento BUSINESS AWD-I di colore BLACK MET.

La quinta generazione del Suv più venduto al mondo (con 8,5 milioni di unità, oltre 215.000 in Italia) cambia molto rispetto al modello uscente nel design esterno, interno ma sopratutto nel powertrain.

TOYOTA RAV4 BUSINESS AWD-I IN PROVA

Toyota RAV4: rottura con il passato

La nuova Toyota RAV4 ha rotto con il passato: nuova piattaforma TNGA-K che garantisce una distribuzione dei pesi ant/post 51/49%, powertrain + efficiente e una più elevata qualità percepita.

La lunghezza è sempre a quota 4,6 metri, come la versione precedente, ma le linee sono molto più decise e taglienti donandole un aspetto più importante.

Toyota_RAV4

Soprattutto l’adozione della nuova piattaforma permette una struttura più rigida e sicura, e con baricentro più basso che consente una guida piacevole e dinamica pur mantenendo una confortevole taratura delle sospensioni.

Interni: più spazio e qualità percepita

La zona living della nuova Toyota RAV4 accoglie i passeggeri con maggior agio rispetto a prima, sia all’anteriore che al posteriore per i passeggeri.

Toyota_RAV4_interni

Tutto questo è reso possibile grazie ad un sostanziale passo avanti nelle aumentate possibilità di escursione del sedile di guida e del volante (+50%) che consente a chiunque di trovare la posizione ideale, e ad un aumento dello spazio abitabile ai posti posteriori in senso trasversale e longitudinale (rispettivamente +40 e +49mm).

Leggi anche: sicurezza per tutti con RAV4

Balzo in avanti anche nella qualità percepita. La rinnovata plancia, ad esempio, appaga il tatto e la vista con dettagli quali le manopole della climatizzazione rivestite con morbida gomma, al pari dei fondi dei vani portaoggetti per non far scivolare gli oggetti e per evitare rumori.

Toyota_RAV4_Plancia

Il vano bagagli, invece, non è rifinito con la stessa cura: è completamente rivestito di plastiche rigide, soggette a usura, e l’attrezzatura è risicata. Il volume però è aumentato di ben 79 litri per un totale di 580 litri, posizionandosi ai vertici.

Toyota RAV4: su strada e consumi 

Per quanto riguarda il powertrain, che è lo stesso adottato per la Lexus ES, l’unità termica è rappresentata dal 4 cilindri 2.5 a ciclo Atkinson con sistema doppia iniezione diretta/indiretta, poi ci sono due unità elettriche per una potenza totale di sistema di 222 cavalli (197 in precedenza).

Nella versione 4×4, un terzo motore elettrico da 40 kW al retrotreno si occupa di muovere le ruote posteriori.

Toyota_RAV4_Profilo_Posteriore

Con questi valori di potenza e coppia la guida è sempre fluida e rilassante. Soltanto quando le si chiede il massimo, allora il 4 cilindri inizia a far sentire la sua voce quando lavora al regime fisso imposto dalla trasmissione E-Cv

Approfondisci: come si guida l’ibrido in città

Su strada, si traduce in prestazioni superiori alla precedente generazione, ma soprattutto i consumi sono ancor più contenuti rispetto ai gia ottimi della serie precedente: il meglio di sé, ovviamente, lo offre in città.

Toyota_RAV4_cerchi

Toyota Rav4 Awd-i nel nuovo e più realistico ciclo di rilevazioni consumi ed emissioni WLTP percorre mediamente quasi 18 km/litro, con percorrenze che in urbano /extraurbano anche superiori ai 20km/lt, e con un -12% rispetto alla precedente in autostrada, è arrivata a livello della migliore concorrenza a gasolio, però con emissioni di nox e pm del 90% inferiori.

Conclusioni : perché comprarla e perché no

Secondo Paolo i principali motivi che lo spingerebbero ad acquistare un RAV4 sono:

  • Toyota RAV4 è un vero SUV e in particolare la versione provata AWD può cimentarsi in fuori strada anche impegantivi
  • Ha un eccellente confort di marcia e grazie al nuovo powertrain dei consumi minimi nella categoria, sempre che lo si guida in modo efficiente;
  • L’abitacolo è accogliente e con le giuste personalizzazioni che non ha niente da inviare ai diversi competitor.

Toyota_RAV4_faro_posteriore

L’unico motivo che lo spingerebbe verso altri acquisti ha un solo nome, Toyota Supra, sportività e grinta da 340 cv.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia