15 Dicembre 2017

Vacanze in auto: le 10 cose da fare quando si parte d’inverno

Vacanze in auto, ultimo atto del 2017. Si avvicinano le Feste Natalizie e, per molti, è tempo di staccare la spina. Come è già accaduto nella stagione estiva, tra una settimana (o poco più) parecchi italiani prenderanno la vettura per raggiungere le classiche mete del relax invernale.

Vacanze in auto

Montagna o mare, città d’arte o semplicemente, per chi vive lontano da casa, il ritorno dai propri cari. I luoghi possono essere molteplici, ma, tra i vari mezzi di trasporto, la macchina sembra essere ancora la regina incontrastata: secondo una recentissima indagine di AutoScout24, infatti, chi viaggerà nell’arco temporale dal 22 dicembre al 7 gennaio lo farà prevalentemente su quattro ruote, per non avere vincoli di tempo e orari.

Partendo da questa premessa, proviamo a rispondere a una domanda che, in questo caso, è d’obbligo porsi: quali sono le 10 cose da fare quando si parte in questa stagione per le vacanze in auto? Ecco gli accorgimenti, a nostro avviso fondamentali. Alcuni, in particolare quelli da adottare prima di mettersi al volante, li avevamo già segnalati quest’estate, al momento dell’esodo di agosto.

10 CONSIGLI PER LE VACANZE IN AUTO 

 

1) ADOTTARE PNEUMATICI INVERNALI E CONTROLLARE LA PRESSIONE

L’appello è stato rivolto in questi giorni anche da Assogomma: quando si parte per le vacanze in auto è fondamentale, prima di tutto, controllare lo stato degli pneumatici della propria auto, in particolare la pressione. Quindi, l’ultimo giorno di lavoro, o comunque il giorno prima della partenza, un salto dal proprio gommista di fiducia per un check è assolutamente consigliato.

In questa stagione, poi, specie se la meta prescelta è la montagna, è obbligatorio (non solo per la legge, ma anche e soprattutto per la sicurezza) adottare le gomme invernali, o comunque avere le catene a bordo.

Approfondisci: ecco perchè adottare gli pneumatici invernali

 

2) CONTROLLARE LO STATO DEI FRENI 

Un’altra operazione che fa parte della categoria “controlli di sicurezza” è la verifica dello stato dei freni prima di mettersi in strada. Ovvero, recarsi nella propria officina di fiducia per constatare l’usura di dischi e pastiglie, le componenti che influiscono maggiormente sull’efficacia della frenata.

 

3) CONTROLLARE I LIVELLI DEI LIQUIDI

Acqua e olio, tutto a posto? Ricordarsi di un vecchio proverbio, a volte, può essere molto utile per evitare l’inconveniente dell’auto che rimane in panne durante il viaggio per raggiungere la meta delle vacanze. Anche qui, una controllata da parte dell’officina di fiducia porta via poco tempo, ma può essere decisiva ai fini della sicurezza.

 

4) AGGIORNARE IL NAVIGATORE

Sembra una banalità, ma non lo è. Quando si parte per le vacanze in auto, in particolare verso mete mai raggiunte prima d’ora, occorre fare un bell’aggiornamento delle mappe del proprio navigatore, se si usa quello integrato nella vettura.

sicurezza flotte aziendali navigatore Skoda Octavia

Come è successo a molti driver, infatti, un dispositivo non aggiornato comporta il rischio di sbagliare percorso e, soprattutto, di condurre il veicolo in strade chiuse, strette e pericolose. La presenza di neve o tempo brutto, poi, ovviamente, renderebbe una situazione di questo genere ancora più difficile. Meglio, quindi, risolvere il problema alla radice….

 

5) PORTARE UN CARICABATTERIA DA VIAGGIO PER LO SMARTPHONE

A tutti noi driver è capitato almeno una volta di avere la batteria del cellulare scarica quando si guida. Specie da quando gli smartphone sono entrati nelle nostre vite: mille funzioni (telefonate, sms, mail, ecc.), utilizzo pressoché continuativo e autonomia del dispositivo che si esaurisce in poche ore.

Avere il cellulare spento mentre si è in auto, però, può essere potenzialmente un grosso pericolo, soprattutto quando si viaggia da soli. Per questo, è importante avere sempre in tasca, o nella borsa, un caricabatteria da viaggio da collegare alla presa USB della vettura, oppure semplicemente da appoggiare sul sedile per “rimettere in vita” lo smartphone.

 

6) RISPETTARE I LIMITI DI VELOCITÀ E NON AVERE FRETTA

Come abbiamo visto nella classifica delle multe più frequenti in città stilata da Ubeeqo, l’eccesso di velocità e, in generale, la fretta sono i comportamenti più rischiosi e sanzionati.

Quando si parte per le vacanze in auto, dunque, è importante non avere premura e tenere sempre d’occhio i cartelli che segnalano i limiti e l’eventuale presenza di autovelox. Sulle vetture di ultima generazione, la tecnologia è in grado di dare una grossa mano in questo senso.

Se nevica, o in presenza di fondo innevato e ghiacciato, diventa ancora fondamentale guidare con prudenza e evitare di frenare bruscamente.

 

7) EVITARE DI USARE LO SMARTPHONE MENTRE SI GUIDA

La distrazione è uno dei comportamenti più rischiosi quando si guida. Come abbiamo visto nella presentazione di SafeDrivePod, quest’ultima, spesso, è determinata dall’utilizzo improprio del proprio smartphone per mandare sms, email, guardare i social o semplicemente per telefonare senza viva voce.

Statistiche incidenti stradali cause uso cellulare

Aldilà delle possibili sanzioni, che vengono comminate quando si viene “beccati” in fragranza, è una questione di sicurezza. Bisogna sempre evitare l’uso improprio dello smartphone mentre si è al volante. Quindi, utilizzare sempre il Bluetooth per telefonare.

 

8) EVITARE DI MANGIARE MENTRE SI GUIDA

Sembra quasi assurdo, ma, anche in questo caso, non lo è. Se il viaggio è lungo, spesso, i morsi della fame si fanno sentire e, in tale circostanza, è sempre consigliato fare una sosta.

Mangiare in auto, mentre si è al volante, come spesso si vede fare (le statistiche testimoniano che è un comportamento molto diffuso sui veicoli a noleggio in Europa), è molto pericoloso, sempre per un discorso legato alla distrazione.

 

9) FARE SPESSO PAUSE DURANTE IL VIAGGIO

A proposito di soste, se il viaggio in auto dura tante ore e, soprattutto, si parte di sera, con una giornata lavorativa alle spalle, è opportuno farne tante. Magari brevi, ma almeno una ogni due ore. Anche qui, su molti modelli di ultima generazione la tecnologia aiuta a segnalare la stanchezza del driver.

Leggi anche: stanchezza al volante, occhio ai colpi di sonno

 

10) NON TENERE IL CLIMATIZZATORE TROPPO ALTO

D’inverno, lo sappiamo, fa freddo e, quindi, si tende ad accendere subito il riscaldamento quando si viaggia. Il tepore, però, è tanto piacevole sulla pelle, quanto pericoloso quando si è stanchi. Il caldo, infatti, favorisce il torpore.

Prima di partire per le vacanze in auto, è quindi utile regolare il climatizzatore per stabilire nell’abitacolo una temperatura corretta. Nè troppo caldo, nè troppo freddo. Anche questo ultimo piccolo accorgimento diventa fondamentale per garantire ai driver e alle loro famiglie un viaggio sicuro.

[SLIDESHOW ?]Ormai ci siamo. Le vacanze di #Natale sono alle porte, e per molti italiani questo significa anche viaggiare. Prima di mettersi al volante, però, forse è meglio ripassare alcune regole di base…

Posted by Fleet Magazine on Wednesday, 20 December 2017

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia