Veicoli commerciali Arval: servizi ad hoc sugli allestiti

Arval punta molto sul settore dei veicoli commerciali, in particolare sul business degli allestiti. Per approfondire le strategie della società di noleggio abbiamo incontrato Riccardo Miuccio, LCV Manager di Arval Italia.

Da una parte un focus acceso sui veicoli commerciali allestiti. Dall’altra un interesse sempre più forte per i veicoli commerciali elettrici. Son queste le strategie principali di Arval nel comparto degli LCV.

La società di noleggio, in vista del futuro, ha in mente un chiaro obiettivo: quello di differenziare sempre più i servizi sui veicoli commerciali rispetto a quelli erogati sulle vetture. Perché si tratta di due mondi completamente diversi.

Approfondisci: il progetto della società di noleggio per l’educazione stradale

I RISULTATI DI ARVAL NEL SETTORE DEI VEICOLI COMMERCIALI

Sono numeri importanti quelli di Arval nel comparto dei veicoli commerciali. “Oggi i veicoli commerciali pesano all’incirca il 25% sul totale del nostro business. Nel 2019 abbiamo ottenuto le stesse performance dello scorso anno, che si è chiuso con circa 11mila ordini, e attualmente abbiamo in flotta 50mila veicoli commerciali leggeri” esordisce Riccardo Miuccio, LCV Manager di Arval Italia.

noleggio concessionari Arval

Risultati frutto di un’organizzazione interna meticolosa e in continua evoluzione. “Negli ultimi due anni il team LCV è cresciuto, sia numericamente sia in termini di figure professionali. L’obiettivo è quello di affiancare la forza vendita per dare un valore aggiunto ai clienti, che sono tanto grandi aziende quanto piccole e medie imprese” osserva Miuccio. Un obiettivo che riguarda, in particolare, un settore cruciale come quello dei veicoli commerciali allestiti, che rappresentano “circa l’80% dell’attività di supporto e consulenza del team”.

LE STRATEGIE

VEICOLI COMMERCIALI ALLESTITI

Non è un caso, quindi, che le strategie di Arval riguardino, in primis, questa tipologia di veicoli. Ormai all’interno del canone di noleggio Arval non è incluso solo il mezzo, ma anche il suo allestimento. Una novità che nell’ultimo periodo, sta convincendo anche i clienti che ancora gestiscono in autonomia l’allestimento, in quanto consente all’azienda cliente di avere meno pensieri e di dedicarsi al proprio business trovando ulteriori spazi di ottimizzazione ed efficientamento”.

Veicoli commerciali allestiti Arval

“Da quest’anno, poi, abbiamo lanciato servizi ad hoc sui veicoli commerciali trasformati: un esempio su tutti è la manutenzione proattiva dell’allestimento. Ovvero, abbiamo iniziato a contattare direttamente i clienti per effettuare un tagliando annuale sull’allestimento stesso, che va ad aggiungersi a quello tradizionale” spiega Miuccio.

L’offerta verrà arricchita nel corso del 2020. “Un altro servizio che riteniamo molto importante è la messa a disposizione del veicolo commerciale sostitutivo allestito, per evitare ai clienti i disagi determinati dal fermo” prosegue l’LCV Manager di Arval Italia.

Leggi anche: tutto quello che c’è da sapere sul noleggio dei veicoli commerciali

VEICOLI COMMERCIALI ELETTRICI

Arval crede inoltre molto nel trend dei veicoli commerciali elettrici. “Nel 2019, gli LCV a zero emissioni hanno rappresentato il 5% sul totale ordinato. Un fenomeno spinto, in particolare, dalle grandi flotte e dall’universo nascente dell’e-commerce. E, considerata la crescita dell’offerta da parte dei Costruttori, prevediamo un ulteriore sviluppo”.

Sulle alimentazioni, in generale, la strategia di Arval prevede una consulenza sempre più puntuale al cliente. “Il nostro obiettivo è far sì che le aziende scelgano le alimentazioni più adatte alle loro esigenze di utilizzo” conclude Miuccio.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia