Nuova Volkswagen Golf GTD: 200 CV e 400 N/m per un gran comfort nei lunghi viaggi

La nuova Volkswagen Golf GTD è la proposta turbodiesel per chi viaggia molto, per svago e per lavoro, ma non vuole rinunciare alle prestazioni: il suo motore turbodiesel è infatti il più potente mai costruito su una Golf, e offre 200 CV e ben 400 N/m di coppia, per una velocità massima di 245 km/h. A questo si unisce il cambio automatico doppia frizione DSG a 7 rapporti, unito a una dotazione di serie di tutto rispetto!

L’ottava generazione della Golf è stata presentata in diverse varianti e allestimenti, dal benzina, all’ibrido plug-in fino alla più cattiva e potente R. Ma la Golf è anche la berlina compatta usata da chi viaggia, sia per lavoro, sia per svago, per cui la casa tedesca ha voluto lasciare il diesel, potenziandolo in questa nuova Volkswagen Golf GTD.

L’auto, infatti, dispone di un motore TDI 2.0 da ben 200 CV (147 kW), divenendo la più potente Golf diesel mai prodotta, con tra l’altro motori efficienti e minori emissioni rispetto al passato. A questo, inoltre, si aggiungono ben 400 N/m di coppia, che tolgono qualsiasi impedimento nelle riprese e nei sorpassi autostradali.

Leggi anche: I 10 segreti di Volkswagen Golf 2020

VOLKSWAGEN GOLF GTD: UN DESIGN DEDICATO

L’estetica della Golf GTD naturalmente richiama quella di tutte le altre Golf presentate. Ma anche in questo caso, la casa tedesca ha voluto creare un allestimento specifico e distintivo per la nuova ammiraglia diesel della categoria.

I fari sono a LED di serie e posizionati in basso, uniti alla calandra. Il frontale è poi attraversato e da una striscia cromata, spezzata solo da logo Volkswagen centrale e che unisce i due gruppi ottici principali, contenenti anabbaglianti, abbaglianti e indicatori di direzione. 

Volkswagen Golf GTD: una linea dedicata

La calandra è inoltre illuminata da una fascia a LED, che percorre il muso in tutta la sua larghezza. Tra gli altri elementi specifici della nuova Volkswagen Golf GTD troviamo i fendinebbia integrati nella griglia inferiore, a formare una sorta di X.

Anche sul profilo troviamo elementi distintivi che Volkswagen ha pensato per la Golf GTD. L’auto, infatti, presenta di serie cerchi in lega da 17 pollici, con le pinze dei freni a vista e di colore rosso. I minigonne sono ben visibili ed evidenti, a maggior ragione perché di colore nero, e confluiscono all’anteriore nel piccolo spoiler frontale, e al posteriore nel diffusore. Il tetto, infine, è come esteso dallo spoiler posteriore, piccolo ma utile per migliorare l’aerodinamica. 

Il grintoso posteriore della Volkswagen Golf GTD

Il posteriore, infine, si distingue per il grande logo GTD posto al centro del portellone, sotto il simbolo dell’azienda, come a evidenziare la riconoscibilità della Golf. Anche i fari posteriori sono LED di serie, mentre specifici della GTD sono gli indicatori di direzione dinamici.

Leggi anche: Nuova Volkswagen Golf Variant, l’extra-spazio

INTERNI E TECNOLOGIA

Anche gli interni mantengono la classica nuova impostazione vista su tutti gli allestimenti della Golf, sempre con tocchi unici per la GTD. I sedili sono molto sportivi, con i loro poggiatesta integrati, mentre è piacevole la rielaborazione della texture a quadri che in Volkswagen chiamano scalepaper. 

Volkswagen Golf GTD: interni misti tra grigio e nero

Gli interni GTD sono stati progettati da Volkswagen in una continua alternanza tra grigio del tartan e nero delle plastiche e dei rivestimenti della plancia, oltre al blu della grafica del sistema di infotainment e dei vari LED sparsi per illuminare alcune parti funzionali degli interni.

Leggi anche:  Nuova Volkswagen ID.3: l’elettrica che strizza l’occhio alle flotte aziendali

Di serie, sulla Golf GTD troviamo il cockpit digitale, e il pulsante di avvio Engine Start&Stop. L’allestimento tecnologico è molto completo, e tra le altre cose prevede:

  • Selezione del profilo di guida.
  • Sterzo progressivo.
  • Blocco elettronico del differenziale.
  • Riconoscimento dei segnali stradali Dynamic Road Sign Display
  • Travel Assist 2.0 con cruise control, mantenimento di corsia, frenata automatica, sensore di angolo cieco, sensori di parcheggio, di riconoscimento dei pedoni, e telecamera a 360°.

Inserti LED sulla nuova Golf GTD

IL POTENTE TURBODIESEL DELLA VOLKSWAGEN GOLF GTD

La nuova Volkswagen Golf GTD monta il motore turbodiesel più potente di sempre. La coppia, come detto di 400 N/m, è costante tra i 1750 e i 3500 giri, e tra l’altro permette alla Golf un’accelerazione 0-100 in soli 7,1 secondi. Ottima anche la velocità massima di 245 km/h. Di serie è presente il cambio doppia frizione DSG a 7 rapporti (chiamato DQ381).

Volkswagen Golf GTD: una linea filante

Come tutti i turbodiesel della nuova Golf, anche il motore della nuova Golf GTD è equipaggiato con due catalizzatori SCR (Selective Catalyct Reduction) di serie. Inoltre, è presente il nuovo sistema twin dosing SCR a doppia iniezione AdBlue, che riduce radicalmente le emissioni di NOX rispetto alla vecchia generazione.

A proposito di consumi ed emissioni, quelli che dichiara Volkswagen sono molto promettenti: un consumo di appena 5,2-5,5 litri su 100 km secondo ciclo WLTP, per emissioni di 137-143 grammi di CO2 al km.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia