6 Settembre 2018

Volvo 360c Concept, l’autonomia di volare su strada on demand

Il 360 non è un numero casuale, su Volvo 360c Concept. Riassume la versatilità di un concept che guarda ai decenni a venire, quando l’automazione sarà sempre più diffusa su strada e sotto forma di livelli avanzati, fino alla completa irrilevanza (inutilità?) del guidatore un carne e ossa. Automazione di Livello 5 che offrirà nuovi sbocchi e modi di interpretare il trasporto “su gomma”.

Guida autonoma Volvo 360c

L’automobile come servizio, pertanto, utilizzabile on demand: sottoscrivi un abbonamento (approfondisci le caratteristiche della formula Care by Volvo) e Volvo 360c arriva a domicilio per offrire ben più di uno spostamento.

INTERNI, AUTOMAZIONE FA RIMA CON RIVOLUZIONE

L’idea, consequenziale alla stessa automazione completa della guida, è di riprogettare lo spazio dell’abitacolo per creare ambienti diversi dalla classica configurazione alla quale siamo abituati oggi. Chiunque, tra le case automobilistiche, si sia cimentato in prove visionare di show car completamente autonome ha offerto un’impostazione degli interni unica. Volvo 360c Concept è un salotto o uno spazio di intrattenimento, un ufficio o una cabina con i comfort di una prima classe. E non è un caso che il marchio svedese abbia richiamato il settore aereo.

Leggi anche: Volvo lancia M, nuovo marchio per la mobilità

Volvo 360c Interni

VOLVO 360C, ALTERNATIVA AGLI SPOSTAMENTI AEREI

Un veicolo elettrico e autonomo come 360c può diventare una concreta alternativa agli spostamenti aerei su corto raggio: niente check-in, né file per l’imbarco né controlli di sicurezza. Può diventare un’opzione concorrenziale secondo Volvo: un interessante business alternativo per marchi che sempre meno saranno costruttori di automobili e andranno sempre più verso i servizi alla mobilità.

DALLA CINTURA ALLA COPERTA DI SICUREZZA

Coperta di sicurezza Volvo

Dell’automobile per come la conosciamo oggi, 360c Concept conserva appena le ruote e una motorizzazione elettrica. L’intera impostazione progettuale ruota intorno a nuove esigenze. Se la prospettiva di un servizio del tutto autonomo, prenotabile dall’utente solo quando necessario, multi-ambiente per i diversi interni: dal modo riposo all’ufficio al lounge. Riposo sarà farsi cullare a bordo, come foste nel letto di casa. Con un risvolto sulla sicurezza non secondario: la cintura di sicurezza a tre punti non potrà proteggervi come fa solitamente su una seduta convenzionale. Quindi? Ecco l’idea di una coperta, avvolgente, che in caso di incidente si comporta come una cintura classica, e assicura protezione al passeggero.

Leggi anche: Volvo On Call, come funziona la piattaforma di connettività

AUTOMAZIONE, VOLVO PROPONE UNO STANDARD DI INTERFACCIA GLOBALE

Caratteristiche Volvo 360c

Un altro interessante risvolto dell’automazione avanzata riversata sulle strade di tutti i giorni, quando lo scenario sarà realtà, è legato alla necessità di creare uno standard di comunicazione tra diversi veicoli con diversi gradi di automazione: dall’automobilista sul proprio veicolo privo di sistemi di assistenza al mezzo di Livello 3, fino a veicoli come 360c, il processo verso l’automazione totale sarà assolutamente graduale e porterà a una convivenza da gestire.

Leggi Anche: cosa significano i livelli della guida autonoma?

Volvo con 360c Concept propone uno standard globale, che renda uniformi le indicazioni trasmesse dall’auto autonoma a pedoni e altri automobilisti. Indicare le intenzioni di “guida” del veicolo mediante colori, suoni e motivi grafici, per consentire a tutti di avere chiare le manovre che andrà a compiere un veicolo senza un soggetto in carne e ossa con il quale interfacciarsi.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia