Speciale Costruttori 2024

Speciale Costruttori 2024

Sommario

Come tutti gli anni apriamo il 2024 con il consueto Speciale Costruttori. Le case auto, i produttori di LCV e le aziende specializzate nella micromobilità tracciano un bilancio dell’anno passato e delineano le strategie per i prossimi mesi, comprese tutte le novità in rampa di lancio!

LEGGI LA DIGITAL EDITION

<

I numeri non sempre dicono tutta la verità. Ma in questo caso ne dicono molta. Si vendono meno auto rispetto agli anni d’oro di fine anni ’90 e dei primi anni Duemila, anni in cui si è rimasti sempre stabilmente sopra i due milioni di unità immatricolate, con l’anno record del 2007, a quota 2,49 milioni.

2007 che è anche l’anno in cui gli italiani hanno speso di più per comprare un’autovettura, quasi 45 miliardi di euro, cifra incredibilmente superata quest’anno ma con “solo” 1,6 milioni di auto nuove immesse sul mercato. Sottolineando che, se mai ce ne fosse bisogno, negli anni i listini delle auto sono esplosi. Soprattutto nel post-Covid. E, quindi forse visto anche i costi, viene scelto sempre di più il Noleggio a lungo termine, arrivato al 23,97% del totale delle immatricolazioni.

E se, al quale si aggiungono il breve, gli acquisti diretti o in leasing delle aziende, e le auto-immatricolazioni delle Case e dei concessionari, si arriva a ben il 43,9% del mercato.

Insomma, come detto sopra, le auto si vendono sempre di meno ma si noleggiano sempre di più. E lo riconosce anche il Governo che per gli annunciati incentivi – annuncio che, però, ha praticamente congelato il mercato a inizio anno… – “vede un deciso passaggio verso la modalità del noleggio: è l’atteso segnale della sempre maggiore consapevolezza del Governo dei vantaggi economici e sociali offerti dal settore” commenta per noi il dossier incentivi Pietro Teofilatto Direttore Area Fisco ed Economia di Aniasa, che prosegue: “Quanto previsto dalla bozza del futuro DPCM dovrà però essere concretizzato il prima possibile, compresa l’attivazione della piattaforma del Mimit gestita da Invitalia. Il rischio è che nel primo trimestre si verifichi una vera e propria frenata delle nuove immatricolazioni. Inoltre è necessario un immediato confronto con le Istituzioni per definire bene le caratteristiche del così detto leasing sociale, il noleggio a lungo termine per le persone fisiche con ridotto ISEE: un potenziale volano per garantire a tutti libertà di circolazione, sostituendo vetture antiquate con altre più sicure ed ecocompatibili”.

Buona lettura

Alberto Vita

Resta sempre aggiornato

Con la newsletter di Fleet Magazine ricevi anteprime, news e approfondimenti dal mondo della Mobilità

Consenso Privacy(Obbligatorio)
Offerte e promozioni