Citroen C3 restyling, il comfort extra inizia dai sedili

L’aggiornamento 2020 di Citroen C3 incrementa le opzioni di personalizzazione, conferma i motori benzina e diesel e introduce gli Advanced Comfort Seats

La cifra del modello è nei mille volti che può assumere. Anzi, 97. Tante sono le possibilità di personalizzazione di Citroen C3 restyling. L’utilitaria si prepara al debutto sul mercato a metà anno, quando si presenterà con motorizzazioni confermate.

Citroen C3 restyling 2020

Dai benzina PureTech – aspirato da 1.2 litri e 83 cavalli, turbo da 110 cavalli, offerto anche con cambio automatico EAT6 marce – al diesel, altro campione nella specialità bassi consumi: il BlueHdi 1.5 litri 100 cavalli, con cambio manuale 5 marce.

Approfondisci: Le novità Citroen in arrivo nel 2020

Citroen C3 2020 rinnova lo stile e incrementa le possibilità di rendere unica la piccola da città.

CITROEN C3 2020

Le 36 combinazioni esterne possibili con le quali ha esordito il modello diventano 97, grazie anzitutto all’introduzione di tre decori applicabili al tetto, due nuove tinte carrozzeria – rosso Elixir e blu Spring -, quattro pacchetti di ambiente interno.

INTERNI DI CITROEN C3 RESTYLING

Interni di Citroen C3 restyling 2020

Ed è nell’abitacolo che Citroen C3 restyling propone interessanti soluzioni. Anzitutto, l’offerta degli Advanced Comfort Seats: le sedute si caratterizzano per un’ampiezza e spessore dei rivestimenti superiore, come delle schiume di riempimento.

Inoltre, il supporto lombare lato guida e la presenza del bracciolo aiutano sulle lunghe distanze. Dopo il lancio su modello come Citroen C5 Aircross (scopri come va il suv, leggi il test), il comfort extra sale a bordo di C3. 

Seconda novità, stilistica, l’offerta della finitura in plancia Techwood, ripresa sugli schienali dei sedili. Bel tocco di ricercatezza, ispirato al design d’interni delle abitazioni. 

DESIGN, FRONTALE RIVISTO

Il rinnovamento dell’utilitaria giunge a 4 anni dal debutto e interessa anche l’aspetto esterno. Sarà immediatamente riconoscibile il restyling per due elementi: gli Airbump e il trattamento riservato alla calandra, di ispirazione CXPerience concept.

Uscita Citroen C3 restyling 2020

Detto dell’offerta dei fari a led su tutti gli allestimenti, C3 andrà su strada sfoggiando Airbump – le protezioni applicate alle portiere – in tre elementi anziché la serie di quadrati adottata finora. Un dettaglio che passa in secondo piano se confrontato con le cromature sul frontale. Dal logo Citroen si sviluppa una linea che va a “incorniciare” la griglia e collegarsi ai fari. 

ADAS DI C3 2020, AVANTI I SENSORI

ADAS di Citroen C3 restyling 2020

Al capitolo prettamente estetico si somma un’offerta migliorata sulla dotazione di sistemi di assistenza alla guida. Tra gli Adas, Citroen C3 già offre il cruise control con limitatore di velocità, la frenata automatica d’emergenza, l’automatismo sui fari abbaglianti, l’alert al superamento di corsia involontario, il riconoscimento della segnaletica.

Leggi anche: C3 formato crossover, le soluzioni di noleggio

Mancavano – e  il restyling recupera la lacuna – i sensori di parcheggio anteriori, per manovre semplificate. In retromarcia, oltre ai sensori si può contare sulla retrocamera. 

INFOTAINMENT, TRE PACK CONNESSI

Il capitolo infotainment vede la conferma dello schermo da 7 pollici con comandi vocali, posto al centro della plancia, centrale di comando dalla quale utilizzare i servizi connessi. Sono racchiusi in tre pacchetti, differenziati tra funzioni legate alla navigazione, all’assistenza, alla multimedialità. 

Caratteristiche di Citroen C3 restyling 2020

Non manca la chiamata d’emergenza, eCall attivata autonomamente in caso di incidente ed esplosione dell’airbag, né il navigatore TomTom connesso. Per 3 anni si avranno gratuitamente i servizi di info sul traffico in tempo reale e l’avviso sulla presenza di postazioni autovelox e tratti di strada pericolosi.

Apple CarPlay e Android Auto realizzano l’integrazione smartphone-auto con l’interfaccia dedicata sul display. 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia