2 Maggio 2018

Nuova Seat Arona, la prova della 1.0 EcoTSI 95 CV Style

La nuova Seat Arona è moderna, giovanile e con i suoi 4,14 metri di lunghezza si colloca perfettamente nel mondo dei B-Suv, un segmento che sta vivendo un momento di grande euforia.

La mano di Alejandro Mesonero-Romanos, responsabile del design Seat, ha fatto di nuovo centro. Come successo per l’ibiza, anche l’Arona piace subito.

LA NUOVA SEAT ARONA 2018

L’essenza della Seat Arona può essere racchiusa in tre concetti: lifestyle, tecnologia e dinamismo. Un crossover accattivante anche per le flotte aziendali e le pmi.

Seat Arona 2018

Si tratta di un’auto piacevole da guidare, versatile, confortevole e spaziosa, che vanta tecnologie all’avanguardia e che vale la pena di prendere in considerazione pure per il prezzo (il listino parte da 16.950 euro).

Approfondisci: L’anteprima al Salone di Francoforte 2017

GLI ESTERNI

La Seat Arona 2018 condivide lo stesso dna della Seat Ateca (leggi qui la nostra prova). Dopotutto, è la sorella minore e rappresenta il secondo pilastro della gamma Suv del marchio, che si amplierà a fine anno con la Seat Tarraco (a 7 posti).

Nuova Seat Arona 2018 esterni

Con belle proporzioni, un carattere distintivo, un look possente e agile al contempo, la nuova Seat Arona è un esempio di design fresco, funzionale e avventuroso.

Il porta-targa sul portellone permette una maggiore robustezza del paraurti, innalzando visivamente la vettura. E, mentre i fari triangolari sul frontale della vettura spiccano e rendono l’Arona immediatamente riconoscibile, dietro le doppie luci conferiscono un aspetto più largo al modello, enfatizzando la presenza su strada. La “X” impressa sul montante posteriore, poi, sottolinea il carattere da crossover.

Tante, inoltre, le possibilità di personalizzazione della nuova Seat Arona 2018: in totale, ci sono ben 68 combinazioni di colori possibili.

LE MISURE

La Seat Arona nasce dalla stessa piattaforma MQB A0 portata a battesimo dalla Seat Ibiza (leggi qui il nostro test drive), ma con 11 centimetri in più d’altezza che si ripercuotono sulle dimensioni dell’abitacolo e sulla posizione di guida. Al volante si sta seduti cinque centimetri più in alto rispetto all’Ibiza: quanto basta per salire e scendere dall’auto con più facilità e godere di una visuale privilegiata. I sedili anteriori sono confortevoli e sostengono bene.

Nuova Seat Arona bagagliaio

I centimetri in più consentono alla Seat Arona di offrire non solo una maggiore altezza da terra per le avventure in fuoristrada leggero, ma anche più spazio per la testa dei passeggeri anteriori e posteriori e, soprattutto, un bagagliaio più ampio (con una capacità di 400 litri, contro i 355 dell’Ibiza). Il piano di carico è regolabile su due altezze.

Nuova Seat Arona sedili posteriori

Dietro in due si sta comodi, la larghezza del divano sconsiglia di viaggiare in tre per lunghi tratti. Nessun problema, invece, in altezza. Anche per le gambe c’è agio in abbondanza.

Leggi anche: Seat lancia il nuovo brand Cupra

GLI INTERNI

L’abitacolo si distingue per le proporzioni orizzontali che enfatizzano e aumentano le dimensioni della Seat Arona (regalando una sensazione di maggiore spaziosità all’interno) e per l’attenzione ai dettagli, alzando il livello della qualità percepita. Passi avanti pure per quanto riguarda l’ergonomia (con il concetto di “High Console”).

Nuova Seat Arona 2018 interni

La plancia, con la grande fascia centrale in contrasto, dà tono e colore a tutto l’abitacolo. Al centro, integrato in modo esemplare, fa bella mostra di sé lo schermo del sistema multimediale. Si comanda attraverso due manopole e otto tasti a sfioramento, annegati nella cornice dello schermo, che danno accesso ad altrettanti menu semplici e intuitivi. Ci si muove tra icone di generose dimensioni, quindi facili da raggiungere e azionare. Il tutto si traduce in una minore distrazione alla guida.

I comandi vocali funzionano piuttosto bene. È sufficiente pronunciare l’indirizzo, partendo dalla via, per attivare il navigatore.

ALLESTIMENTI

Funzionale e pratico, l’allestimento Style è quello più indicato per le flotte. Gli schienali dei sedili posteriori si ripiegano asimmetricamente in 60:40, mentre il sedile conducente è regolabile in altezza. In più, specchietti retrovisori esterni regolabili elettricamente, climatizzatore manuale, cerchi in lega da 16”, fendinebbia con funzione cornering, fari posteriori e luci diurne a Led, maniglie portiera e specchietti esterni in tinta carrozzeria, volante multifunzione, pomello del cambio e leva del freno a mano rivestiti in pelle.

Di serie pure il Media System Touch con schermo da 5”, Bluetooth e presa Usb. Sul fronte della sicurezza (il modello ha ottenuto 5 stelle Euro NCAP), spiccano il Front Assist con sistema di frenata di emergenza automatico e riconoscimento pedoni, l’Hill Hold Control, i sensori di parcheggio posteriori, il riconoscimento della stanchezza e il Cruise control.

Nuova Seat Arona 2018 infotainment

L’allestimento Xcellence alza l’asticella: mancorrenti al tetto e finiture dei finestrini cromati, modanature dei paraurti in argento, doppio colore (bianco e rosso) delle luci ambiente a Led, battitacco della porta e griglia frontale cromata, bracciolo centrale anteriore, cassetto portaoggetti sotto i sedili anteriori, climatronic bi-zona, interni dedicati, touch screen 8” a colori, Bluetooth con comandi vocali, Seat Full Link, sensore pioggia e luci, sistema di accesso e avviamento senza chiave (Kessy).

COME VA

La motorizzazione più indicata per il mondo Business è quella turbodiesel TDI da 1.6 litri (disponibile in due livelli di potenza: 95 o 115 CV). Noi abbiamo provato la 1.0 EcoTSI 95 CV tre cilindri (in abbinamento al cambio manuale a cinque rapporti), una versione interessante per il mondo Business in considerazione dei provvedimenti ambientali nei confronti del diesel e della ripresa delle alimentazioni a benzina. Entro fine anno, poi, arriverà la versione a metano (1.0 TGI 90 CV) su cui la Casa spagnola punta molto anche nelle flotte. L’Arona sarà il primo crossover disponibile a metano e così la gamma Seat spinta a gas naturale compresso diventa la più ampia del mercato (con Mii, Ibiza, Leon e infine Arona).

Nuova Seat Arona B-Suv

Compatto quanto leggero, il 1.0 tre cilindri a benzina (che si sposa bene con il cambio manuale a cinque marce) è efficiente: alla fine del nostro test abbiamo registrato una media di 16 km/l. Merito anche di uno Start&Stop particolarmente efficace e per nulla fastidioso.

L’assetto rappresenta un buon compromesso tra le ragioni del comfort e quella della guidabilità. Le sospensioni isolano bene l’abitacolo dalle sconnessioni stradali. Il tre cilindri fa ben poco rumore. Su strada, l’Arona infonde subito sicurezza (non mette mai in difficoltà). Nella guida di tutti i giorni si apprezza lo sterzo, pronto e preciso. Agile in città, buona viaggiatrice fuori.

SICUREZZA E INFOTAINMENT

La nuova Seat Arona 2018 (configura qui il modello) è equipaggiata con i sistemi di assistenza alla guida e di infotainment già presenti sugli altri modelli della Casa di Martorell: Front Assist, Cruise control adattivo, Hill Hold Control, rilevamento della stanchezza del conducente, sensori pioggia e luce, sistema di frenata anticollisione multipla (Multi Collision Brake), telecamera posteriore, schermo tattile premium, caricabatteria wireless per smartphone con amplificatore del segnale GSM, compatibilità con gli standard Apple Car Play, Android Auto e MirrorLink, Rear Traffic Alert, Blind Spot Detection e assistenza al parcheggio (funziona sia per i parcheggi paralleli, sia trasversali).

Manca, anche tra le dotazioni a richiesta, il sistema che avvisa/corregge quando si abbandona la corsia di marcia.

LA SCHEDA DI SEAT ARONA

Versione provata  Seat Arona 1.0 EcoTSI 95 CV Style
Cilindrata (cc)  999 (3 cilindri)
Coppia max (Nm)  175
Potenza (CV)  95
Trazione  Anteriore
Cambio  Manuale a cinque parce
Accelerazione 0-100 km/h (sec.)  11,4
Consumo medio (km/l)  16
Emissioni CO2 (g/km)  111
Capacità serbatoio (litri)  40
lunghezza/larghezza/altezza (metri)  4,14/1,78/1,55

 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia