1 Settembre 2017

Tesla Model X: Test Drive dell’elettrica per famiglie [VIDEO]

Se dici Tesla pensi al futuro, pensi al visionario Elon Musk che twitta qualche messaggio rivoluzionario, e pensi ad auto (Tesla Model X e Model S) diverse dalle altre, quelle elettriche con grande autonomia che possono sostituire i veicoli di oggi anche in ambito aziendale aziendale. La curiosità e il fascino che gravita intorno al marchio americano è tanto ma in pochi conoscono realmente e sanno come vanno su strada tutti i giorni questi veicoli.

Noi abbiamo avuto tra le mani una Tesla Model X per un test drive, il crossover “ad ali di falco” che si è affiancato da poco meno di anno alla Model S. Vi raccontiamo la nostra esperienza sulle strade di Milano.

DESIGN: ARCO BOMBATO IPER-AERODINAMICO

La Tesla Model X è innanzitutto un grande crossover, basta guardarlo anche da lontano per accorgersene. La scheda tecnica dice 5,04 metri di lunghezza ma quello che è speciale del design Model X è la forma iper-aerodinamica del “bestione” elettrico. La carrozzeria sembra un arco bombato che parte dalla parte frontale per arrivare fino al posteriore senza interruzioni e “fronzoli” (le maniglie delle portiere sono a scomparsa). Il coefficiente CX dichiarato è di appena 0.24.

Tesla-Model-X-test-drive

Durante il test drive di Tesla Model X sono stai i dettagli a catturare particolarmente la nostra attenzione: cerchi in lega da 22 pollici e soprattutto le falcon wings, le portiere posteriori che si aprono ad ali di falco.

Il vantaggio funzionale è che grazie all’apertura verticale che solleva un pezzo del tetto (consigliamo di vedere il video e foto) si può accedere alle file posteriori stando quasi in piedi. I molteplici sensori sulle porte modificano l’apertura rispetto allo spazio a disposizione. Le portiere anteriori si aprono da sole quando ci si avvicina e quella del guidatore si chiude automaticamente non appena si preme il pedale del freno.

Leggi anche: service Tesla più grande del sud Europa

Salendo a bordo abbiamo trovato subito una diretta corrispondenza con le dimensioni esterne. Lo spazio è tanto e l configurazione a salottino con poltroncine singole garantisce agli ospiti maggior libertà di movimento. Tutti i sedili si possono azionare elettricamente.

Il bagagliaio in configurazione 5 posti (senza la terza fila) è grande e ben sfruttabile con vani dentro ai quali possono trovare posto non solo i cavi e gli adattatori per la ricarica. Se poi non dovesse bastare c’è il secondo bagagliaio ricavato dal muso dell’auto dove solitamente c’è il motore endotermico, ma non qua. La Model X è elettrica con il parco batterie sotto il pianale.

Model-X-test-display

Per questo veicolo si può coniare il termine “arredamento tecnologico” visto la presenza di un enorme schermo da 17 pollici che domina la plancia e anche l’auto. Da qua si governa tutto: navigatore, media player, telefono e soprattutto tutte le regolazioni di ogni funzione dell’auto. Dall’apertura delle portiere, al setting delle sospensioni, passando per la programmazione del riscaldamento dell’abitacolo e così via. Il sistema è semplicissimo da utilizzare.

SU STRADA SEMBRA UN’ASTRONAVE

Di solito parliamo di cavalli, prestazioni, coppia, consumi ma sinceramente trasmettere l’esperienza di guida durante un test drive di Tesla Model X P100D è una cosa completamente diversa e speciale per tante ragioni. Salire su un’auto che ti riconosce e quindi ti apre e chiude la porta automaticamente ti fa sentire come un bambino al parco giuochi.

La visione iper panoramica della strada (Model X monta il parabrezza più grande al mondo) e la non presenza di pulsanti di accensione ti confondono, pensi di essere su un’astronave. L’auto è già accesa quando entri e per partire basta puntar ela leva del cambio sulla D e poi via, “più veloci della luce”. Si perché la Model X P100D è veloce, maledettamente veloce. Il crossover raggiunge i 100 km/h in 3,4 secondi attivando il ludicrous mode e ci arriva in silenzio.

Tesla-Model-X-test-drive-falcon-wings

Nonostante gli oltre 2400 chili tra le curve si muove molto bene, sembra incollata su due binari preferenziali. Il baricentro basso, la posizione centrale delle batterie, le sospensioni a controllo elettronico e la gommatura extra large aiutano nel renderla agile e dinamica.

L’autonomia della Tesla in test sulla carta è dichiarata circa 470 chilometri, tanti se si pensa alla concorrenza. In ogni caso si può viaggiare senza l’ansia di rimanere a piedi visto che Tesla sta sviluppando una rete dedicata ai clienti con i cosiddetti Supercharger che in 20 minuti di carica, garantiscono 250 km di autonomia.

Il computer di bordo insieme al navigatore forniscono tutte le informazioni per capire dove e come ricaricare l’auto in funzione della destinazione da raggiungere sfruttando eventualmente anche i cosiddetti destination charging, punti di ricarica convenzionati all’interno di esercizi commerciali.

PREZZI SA SUPERCAR

I prezzi della Tesla Model X sono da supercar. Si parte da 105.100 euro per la versione “base” 75D e si arriva ai 160.600 euro della P100D. In base alla versione cambiano la potenza, le prestazioni e l’autonomia della batteria. La garanzia limitata a 4 anni o 80 mila chilometri mentre la batteria è garantita per 8 anni a chilometraggio illimitato.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia