6 Giugno 2019

Test drive della nuova Volkswagen T-Cross 2019, come va su strada il B-Suv

La nuova Volkswagen T-Cross 2019 è un B-Suv versatile, pratico e flessibile, che amplia l’offerta di Suv e crossover Volkswagen. Motori a benzina o diesel. Solo trazione anteriore. Tanti gli Adas a bordo. Ecco il nostro primo contatto su strada.

Sono solo 12 centimetri di lunghezza che separano la nuova Volkswagen T-Cross dalla più grande Volkswagen T-Roc. Il B-Suv della Casa tedesca rientra a pieno titolo nella categoria dei Suv urbani, con i suoi 4,11 metri di lunghezza e 1,58 metri di altezza.

La nuova Volkswagen T-Cross 2019 è un modello versatile, pratico, flessibile e va ad ampliare l’offerta di Suv e crossover Volkswagen. Condensa tutti i desiderata del momento: forme accattivanti, posizione di guida dominante e spazio interno ben sfruttato, capace cioè di far sembrare molti di più i 4,11 metri da un paraurti all’altro.

Con queste carte la Volkswagen T-Cross rappresenta un’interessante proposta nel segmento delle compatte. Motori sia benzina sia diesel. La trazione è anteriore. L’abbiamo provata nei dintorni di Verona.

Anteprima Volkswagen T-Cross

La gamma della Volkswagen T-Cross è declinata in tre allestimenti: Urban, Style e Advanced, caratterizzati da una dotazione di serie completa e da ampie possibilità di personalizzazione. In particolare, la Volkswagen T-Cross vanta 11 diversi colori per la carrozzeria ed equipaggiamenti di sicurezza da categoria superiore. Il listino parte da 19mila euro (prezzo promozionale di lancio: 17.900 euro).

TEST DRIVE NUOVA VOLKSWAGEN T-CROSS 2019

DIMENSIONI E DESIGN

La nuova Volkswagen T-Cross 2019 nasce sullo stesso pianale modulare trasversale Mqb, lo stesso della Volkswagen Polo. Entrambe sono prodotte nello stabilimento Volkswagen di Navarra.

Rispetto alla Polo, la nuova Volkswagen T-Cross è più lunga di 5,4 centimetri e più alta di quasi 14 centimetri. Il passo, invece, è lo stesso: 2,55 metri.

Design esterni Volkswagen T-Cross

Sarebbe un errore considerare la T-Cross una Polo gonfiata. Il nuovo B-Suv di Wolfsburg ha una personalità stilistica propria, robusta e mascolina. L’aspetto è caratterizzato da un cofano motore dominante, un’ampia calandra del radiatore con proiettori integrati alle estremità e caratteristiche linee orizzontali sulle fiancate.

Dietro, la zona posteriore muscolosa sottolinea il carattere energico della Volkswagen T-Cross, con la banda riflettente (incorniciata da una mascherina nera) che si estende trasversalmente ed esalta visivamente la larghezza del veicolo. Anche i grandi archi passaruota sottolineano l’aspetto grintoso.

Leggi anche: il test drive della Volkswagen T-Roc

INTERNI 

La nuova Volkswagen T-Cross 2019 offre un comodo accesso dalle quattro ampie porte: un vantaggio fondamentale offerto dal pianale modulare trasversale, che permette il posizionamento dell’assale anteriore molto più in avanti. Grazie al passo di 2,55 metri, l’abitacolo presenta dimensioni generose (soprattutto se rapportate alle misure esterne) e accoglie fino a cinque persone. 

Interni Volkswagen T-Cross

L’impostazione della plancia è razionale, con strumentazione digitale (di serie sull’allestimento Advanced) e infotainment allineati, posizionati in alto. Il touchscreen da 8 pollici è intuitivo e connesso. 

Meno appagante la qualità dei materiali usati per il rivestimento di plancia e portiere, rigidi e austeri. Come sulla Polo, poi, mancano le maniglie di appiglio

BAGAGLIAIO DELLA NUOVA VOLKSWAGEN T-CROSS 2019

Il volume del bagagliaio va da 385 a 455 litri. Ma la Volkswagen T-Cross sfrutta due assi nella manica: il divanetto posteriore scorrevole (può essere fatto scorrere longitudinalmente di 14 centimetri, in modo da ampliare lo spazio per i passeggeri o il volume del vano bagagli, a seconda delle esigenze) e il piano di carico posizionabile su due livelli. Così la capacità di carico può arrivare fino a 1.281 litri.

Approfondisci: la nuova Volkswagen T-Cross in anteprima al Fleet Motor Day 2019

Interno bagagliaio Volkswagen T-Cross

SICUREZZA E ADAS

La nuova Volkswagen T-Cross 2019 è equipaggiata di serie con numerosi sistemi di assistenza alla guida che fino a poco tempo fa erano riservati ad auto di segmenti superiori. Insieme alle ottime caratteristiche strutturali in caso d’impatto e all’alto livello di protezione degli occupanti, questi Adas migliorano la sicurezza, riducono il rischio di collisioni e aumentano il comfort di guida del nuovo B-Suv della Volkswagen.

Anche il modello più compatto e recente della T-Family Volkswagen si è aggiudicato le cinque stelle Euro NCAP, guadagnandosi valutazioni molto elevate in tutte le categorie da parte degli esperti indipendenti. La Volkswagen T-Cross, quindi, rispetta i più severi requisiti in materia di sicurezza stradale.

Volkswagen T-Cross si presenta in 11 colorazione

La Volkswagen T-Cross offre, di serie: limitatore di velocità, rilevatore di stanchezza del guidatore Fatigue Detection, sistema di monitoraggio della distanza Front Assist con riconoscimento pedoni e funzione di frenata di emergenza City, assistente al mantenimento della corsia Lane Assist, assistenza alla partenza in salita e sistema proattivo di protezione degli occupanti, assistente di cambio corsia con rilevamento dell’angolo cieco Blind Spot Detection e assistente di uscita dal parcheggio Rear Traffic Alert.

In Italia, a questi si aggiunge già dall’allestimento intermedio Style il cruise control adattivo ACC, che grazie a sensori radar è in grado di accelerare e frenare automaticamente per mantenere la distanza di sicurezza dal veicolo davanti. A richiesta, il dispositivo di parcheggio automatico Park Assist.

MOTORI DELLA NUOVA VOLKSWAGEN T-CROSS 2019

La nuova Volkswagen T-Cross offre due motori a benzina a tre cilindri, entrambi da 1 litro, con potenze di 95 CV o 115 CV. Nella primo caso, cambio manuale a 5 marce. Il 1.0 più potente, invece, è abbinabile al cambio manuale a 6 marce o al cambio automatico doppia frizione DSG

Motorizzazioni della nuova Volkswagen T-Cross

La gamma della Volkswagen T-Cross si completa con il motore turbodiesel 1.6 TDI con catalizzatore SCR da 95 CV e 250 Nm, disponibile associato al cambio manuale a 5 rapporti o automatico DSG a 7 rapporti, che promette prestazioni versatili, consumi ridotti ed emissioni contenute. Niente ecotassa, comunque, per tutte le motorizzazioni.

IMPRESSIONI DI GUIDA

Appena seduti a bordo, si apprezza la comodità dei sedili, morbidi ma efficaci nel contenere il corpo. La posizione di guida, rialzata e ben accessibile, è quella che ci si attende da un B-Suv. L’altro aspetto positivo è la chiara percezione di ciò che c’è attorno alla vettura, grazie alle ampie superfici vetrate e ai montanti laterali che non ostruiscono la visuale laterale.

In generale, si ha la percezione di essere dentro un’auto più grande e accogliente rispetto a quello che potrebbero suggerire le dimensioni esterne. 

Il piccolo 1.0 tre cilindri a benzina ha carattere: elastico, pronto e, se stuzzicato, anche brillante. Erogazione regolare, non vibra ed è abbastanza silenzioso. La trasmissione DSG ne esalta le doti di spunto e ripresa, ottimizzando le qualità di marcia. Anche il cambio manuale, comunque, lavora molto bene ed è piacevole da utilizzare.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia