Wallbox: istruzioni per l’uso

Guida pratica alla wallbox, l’infrastruttura di ricarica domestica che permette di risparmiare sui consumi e usufruire degli incentivi statali ma che, tuttavia, necessità di non poche pratiche di “diplomazia condominiale”.

Gli italiani percorrono, in media, 40 km al giorno a bordo della propria automobile. Quasi tutti i modelli di auto elettriche in commercio garantiscono un’autonomia superiore ai 100 km. La cosiddetta ansia da ricarica è poco pragmatica, ma non per questo meno reale.

wallbox-come-funziona

Una ricarica casalinga, più economica e in grado di offrire la sicurezza di una presa sempre accessibile, potrebbe attenuare il problema. E di ricariche casalinghe esistono due tipologie: c’è quella da effettuare alla tradizionale presa domestica, con una comune spina schuko e quella tramite wallbox, il dispositivo di ricarica a parete appositamente studiato per la ricarica degli EV.

Approfondisci: Il nuovo standard Ue per le prese di ricarica delle auto elettriche

TUTTO QUELLO DA SAPERE SULLA WALLBOX

Perché è utile

Se per ricaricare l’auto elettrica basta una presa schuko, perché prendersi la briga di installare una wallbox? È una questione di sicurezza. L’impianto elettrico domestico non è progettato per fornire per ore l’elevata potenza necessaria alla ricarica di una vettura. La wallbox, invece, garantisce l’equilibrio del carico di assorbimento fra casa e veicolo ed è collegata al contatore tramite cavi più spessi, progettati per resistere alle varianti di calore.

La potenza necessaria

Installare una wallbox richiede, prima di tutto, un certo quantitativo di potenza elettrica a disposizione. Con i circa 3 kW di base dell’impianto monofase un’auto di medie dimensioni raggiunge una carica di 20 kW e 100 km in circa 8 ore. Per percorrenze maggiori e batterie più grandi è invece necessario un upgrade di potenza fino a 6 kW in monofase o oltre in trifase.

  • Le wallbox con potenze da 3,7 kWh richiedono tra le 6 e le 8 ore per una carica completa
  • Le wallbox con potenze da 7,4 – 22 kWh richiedono per una carica completa tra le 3 e le 4 ore

Quanto costa una wallbox

Il prezzo di una wallbox varia da venditore a venditore. Il costo è tuttavia contenuto e difficilmente supera i 600 euro – ma si trovano wallbox anche a un paio di centinaia di euro. Cui bisogna aggiungere la spesa per il connettore T2 (solitamente non di serie sulle vetture elettriche, a differenza del cavo T1, quello cioè con presa schuko) necessario a collegare l’auto alla wallbox e che, in base alla lunghezza, costa dai 200 ai 400 euro.

Leggi anche: Tutte le tipologie di colonnine e connettori per la ricarica dell’auto elettrica

Installare la wallbox

L’installazione della wallbox deve essere necessariamente eseguita dal personale specializzato che si occuperà del collegamento tra il contatore e l’infrastruttura, del fissaggio al muro con cablaggio dell’impianto elettrico esistente e del collaudo del sistema di ricarica.

wallbox

Se necessario, il personale tecnico o, in alternativo, un elettricista, dovrà prima provvedere all’adeguamento dell’impianto elettrico alla normativa DM 37/08, delle prove strumentali di funzionamento della nuova parte impiantistica e della relativa dichiarazione di conformità.

Come si pagano le ricariche alla wallbox

I consumi della wallbox vengono addebitati direttamente in bolletta, sia in caso di collegamento al contatore domestico, sia in caso di un proprio contatore indipendente. Soluzione, quest’ultima, decisamente più conveniente. Utilizzando uno spot dedicato è possibile, infatti, accedere alle tariffe dedicate che quasi tutti i fornitori di energia dedicato alla ricarica delle auto e che, a volte, prevedono anche un tot di kWh gratuiti da utilizzare per la carica.

wallbox-installazione

A questo proposito è da tenere d’occhio l’iniziativa sperimentale di Arera, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, per cui, dal 1° luglio 2021 fino al 2023, la potenza dell’impianto verrà aumentata a 6 kW nella fascia notturna/festiva per tutti coloro che dispongono di contratti specifici per la ricarica dell’auto, senza che ciò comporti un aumento dei costi in bolletta.

Scopri anche: Ecco quanto la ricarica dell’auto elettrica, a casa o alle colonnine pubbliche

A chi chiedere il permesso

La wallbox domestica è una questione privata e non necessita di autorizzazioni da parte delle amministrazioni locali. In caso di viletta monofamiliare, si può dunque procedere in completa autonomia.

In condominio, invece, è obbligatorio rivolgersi all’assemblea. Non serve il suo benestare, ma è necessario informare l’amministratore in caso si abbia intenzione di installare una wallbox nel proprio box privato. Azione da eseguire a proprie spese, aggiornando quando necessario il certificato di prevenzioni incendi del garage e rispettando i limiti imposti dagli altri condomini per le parti comuni.

wallbox-quanto-costa

Bisogna avere un’autorizzazione ufficiale dell’assemblea tramite atto formale in forma scritta quando, invece, si voglia installare il punto di ricarica su parti comuni del condominio, già destinate al parcheggio o no. Anche in questo caso, le spese sono a carico dei soli condomini richiedenti l’intervento, che dovranno provvedere al ripristino delle parti sede dei lavori.

Detrazione e Superbonus

La Legge di Bilancio 2019 prevede una detrazione fiscale del 50%, ripartita in 10 anni, sull’acquisto e la posa in opera di infrastrutture di ricarica a uso privato avvenute tra il 1° marzo 2019 e il 13 dicembre 2021, per un massimo di 2.000 euro di spesa a unità.

Se invece l’installazione del punto di ricarica è eseguita congiuntamente ad altri interventi strutturali che garantiscano il miglioramento di almeno due classi energetiche o il raggiungimento della classe massima, è possibile usufruire del SuperBonus 110%.

FOLLOW US

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità di Fleet Magazine seguici sui nostri canali social. Siamo su Facebook, Linkedin, Instagram e Google News. Iscriviti al canale Youtube ufficiale e non perderti tutti i Test Drive e gli altri video della nostra redazione.

Leggi anche
Consigliati per te
Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia