Come prendere una vettura: dall’acquisto “in contanti” ai tipi di finanziamento auto

Ecco una piccola guida per districarsi tra i diversi modi di ottenere un finanziamento auto. L'obiettivo è quello di capire quello che è maggiormente adatto alle esigenze degli automobilisti.

Quanti modi ci sono per prendere un’auto? Oggi la possibilità di scelta è sempre più variegata, dal noleggio fino all’acquisto e al finanziamento auto. Tradotto: non esiste una formula universale valida per tutti, ma è il singolo acquirente (privato, professionista o Fleet Manager che sia) a valutare come acquistare una vettura, a seconda delle sue esigenze, delle normative fiscali e dell’utilizzo che fa dell’auto.

finanziamento auto

È il bello della “multiple choice”, un concetto sempre più diffuso nel mondo delle quattro ruote (e non solo). Anche quando si parla di un’auto aziendale o di un veicolo commerciale, il noleggio, che come sappiamo è una formula in grande ascesa, non è l’unica soluzione.

COME ACQUISTARE UN’AUTO

Andando in ordine, troviamo l’acquisto “puro”, le varie tipologie di finanziamento, il leasing, che si divide in leasing finanziario e full-leasing, per poi arrivare al renting vero e proprio. Che oggi è caratterizzato da confini sempre meno marcati tra il breve, il medio e il lungo termine.

Leggi Anche: il Noleggio a lungo termine per privati conviene?

Per cominciare, prendiamo in considerazione le formule più vicine al concetto di proprietà: dall’acquisto “puro” ai finanziamenti.

L’ACQUISTO

Chi dice che l’acquisto dell’auto, nell’era dello sharing, è una formula ormai obsoleta, sbaglia. Ovviamente, stiamo parlando dell’acquisto “puro”, caratterizzato dall’intera somma del listino del veicolo versata dal compratore al momento della firma del contratto.

Certo, complice la crisi, ormai questa soluzione sta passando in secondo piano (specie tra i privati), ma non possiamo certo celebrarne l’uscita di scena. Anzi. L’agevolazione fiscale del superammortamento al 140% (poi diventato al 130%), rimasto in vigore fino allo scorso anno, ha spinto parecchi Fleet Manager e professionisti a scegliere l’acquisto.

La classica proprietà, però, lo sappiamo, comporta l’esborso di una cospicua somma di denaro in un solo colpo, nonché la gestione “in casa” di tutti gli oneri legati all’utilizzo della vettura (manutenzione, scadenze legate al bollo e all’assicurazione, ecc.). Le alternative per alleggerire questo carico, di certo, non mancano.

IL FINANZIAMENTO CLASSICO

La soluzione più semplice e più “vicina” all’acquisto puro è il finanziamento classico. Che comporta il pagamento del veicolo attraverso un piano a rate mensili di importo costante.

Una formula che esiste da tempo, ma che oggi, rispetto al passato, offre un numero maggiore di servizi assicurativi (dalla classica RCA, alla polizza Furto/Incendio, fino ad arrivare alla Kasko) e la possibilità di inserire direttamente nella rata il piano di manutenzione programmata.

I diversi tipi di finanziamento auto

IL FINANZIAMENTO CON LE MAXI-RATE

Al fianco del credito classico, c’è anche il finanziamento auto con maxi-rata: una soluzione ideale per “calmierare” le rate mensili intermedie, attraverso il versamento di un anticipo (di valore variabile) e la presenza di maxi-rata finale o “balloon”. Con quest’ultimo che può essere rifinanziato.

Sempre più spesso, tra l’altro, tale prodotto finanziario comprende anche l’opzione di restituzione del veicolo, ideale per chi non percorre molti km e usa la vettura prettamente in ambito cittadino (il chilometraggio in eccesso, infatti, in questo caso comporta penali, ndr.) e, allo stesso tempo, sceglie di guidare un mezzo sempre nuovo o, comunque, con poca strada compiuta alle spalle.

IL FINANZIAMENTO AUTO SI SCEGLIE ON-LINE

Per completare questa nostra prima panoramica, è d’obbligo sottolineare che la scelta dei finanziamenti si svolge sempre più on-line, comodamente seduti alla propria scrivania.

Ci sono siti web legati alle Case automobilistiche, come ad esempio Toyota pay per drive, che consentono di scegliere – da pc o da Mobile – il modello, l’allestimento, la motorizzazione e di “simulare” il piano d’ammortamento a seconda della durata del finanziamento. Con la possibilità di selezionare l’entità dell’anticipo e di modificare gli importi da versare nei singoli mesi. Con questa tipologia di finanziamento auto, in particolare, si può scegliere il chilometraggio preventivamente, ma anche in corso d’opera. Grazie al dispositivo telematico, Pay per Drive rileva i chilometri percorsi in tempo reale e aggiorna automaticamente il Valore Futuro Garantito dell’auto. In questo modo si può rimodulare il piano dei pagamenti: se si fanno meno km, il valore della vettura aumenta e le rate diminuiscono (e viceversa).

Ormai chi acquista la vettura, in definitiva, può stipulare l’accordo per il finanziamento direttamente da casa, o dall’ufficio. Per completare il cerchio della “smaterializzazione”, manca soltanto la fase di consegna della vettura, che oggi avviene ancora attraverso la concessionaria.

Ma su questo punto, il “contatto fisico” è tuttora indispensabile. Se non altro perché l’acquirente, prima di concludere la trattativa, vuole ancora toccare con mano il veicolo e, perché no, provarlo. Quando si parla di quattro ruote, d’altronde, l’aspetto emozionale rimane sempre una componente essenziale…

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia