20 Giugno 2019

I 5 motivi per scegliere una station wagon nell’epoca dei SUV

Piacere di guida, equipaggiamenti, e quella voglia di distinguersi dalla massa che non guasta mai: ecco alcuni dei motivi per scegliere una station wagon nell’epoca che vede i SUV assoluti protagonisti. Scopriamoli tutti in queste pagine…

I SUV, lo sappiamo, sono i veri e propri padroni del mercato. Ma anche le station wagon sono ancora in grado di conquistare i favori dei driver. Specie le ammiraglie, come la nuova PEUGEOT 508 SW, un grande classico all’interno della gamma del Leone che si è rinnovato proprio con l’obiettivo di restare al passo con i tempi.

Perché scegliere una station wagon nell’epoca dei Suv? La domanda è ancora più interessante, se si pensa che la maggior parte delle Case oggi fa delle Sport Utility il cuore della gamma e dell’offerta. Ma, come dimostra il caso di PEUGEOT, non vuole allo stesso tempo rinunciare alle familiari di grandi dimensioni. Per approfondire l’argomento abbiamo incontrato Gianmarco Ottolini, marketing director di PEUGEOT Italia.

Esterni statici nuova Peugeot 508 SW

Approfondisci: come distinguere le diverse categorie di auto

I 5 MOTIVI PER SCEGLIERE UNA STATION WAGON

1) VOGLIA DI DISTINGUERSI

Scegliere un SUV è trendy. Specie se si tratta di un SUV compatto per la città (un segmento, secondo i dati Anfia, cresciuto del 23% anche nel mese di maggio). Ma di conseguenza optare per una station wagon significa prima di tutto distinguersi dalla massa. E puntare sull’eleganza delle linee e sui motori tipici delle vere stradiste.

nuova Peugeot 508 SW frontale

“Si tratta di una scelta apparentemente controcorrente – spiega Ottolini – Ma se è vero che le familiari in passato hanno un po’ stancato il pubblico, è altrettanto vero che lo hanno fatto perché non sono riuscite a rinnovarsi nella maniera giusta.  In questo senso, la nuova 508 SW ha una linea shooting brake mozzafiato, che offre grande appagamento estetico”.

Leggi anche: i 10 segreti del nuovo modello del Leone

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia