26 Novembre 2021

Quali sono le auto più antiche del mondo?

Le auto più antiche del mondo hanno segnato gli albori della motorizzazione delle persone a cavallo tra la fine del diciannovesimo e l'inizio del ventesimo secolo. Ecco una carrellata sui modelli più vecchi, gloriosi e indimenticati.

Le auto più antiche del mondo. Un universo certamente affascinante, che affonda le sue radici in un passato ormai lontano, ma che è stato indispensabile per raggiungere la successiva motorizzazione del nostro Paese (e di tutto il Continente). 

auto piu antiche

Tutti, o quasi, ricordano ancora (o hanno visto in fotografia) le mitiche vetture degli anni Sessanta. In realtà le auto più antiche risalgono a quasi un secolo prima. E oltre. Citiamo, per fare un esempio, il carro del francese Joseph Cugnot, progettato nel 1769, che finì la sua breve carriera contro un muro ma che gli appassionati di storia identificano ancora oggi come la prima antesignana delle auto.

Noi qui non parleremo di lei, ma di auto più recenti (si fa per dire). Le prime vere auto costruite nella storia. Ecco, quindi, una carrellata sulle auto più antiche del mondo.

Leggi Anche: cosa succede se un’auto degli anni 90 si scontra con una moderna?

LE AUTO PIÚ ANTICHE DEL MONDO

VETTURA BERNARDI

L’ingegner Enrico Bernardi fu il primo a sperimentare il motore a combustione interna, sfruttando un derivato del petrolio. Fu il primo motore benzina ed era il 1884. La prima vettura con motore a benzina, Bernardi la progettò nel 1889

Vettura Bernardi 1892

Ma la prima circolante, invece, risale al 1892: una vettura a tre ruote che iniziò a girare sulle strade due anni dopo. In totale, un centinaio di vetture Bernardi furono vendute e circolarono nell’Italia dell’epoca. 

BENZ PATENT MOTORWAGEN

Aveva tre ruote anche la Benz Patent Motorwagen, primo modello di automobile con motore a scoppio firmato dall’ingegnere Karl Benz. Era luglio 1886, e il veicolo fu prodotto dalla Casa tedesca Benz Cie. 

Benz Patent Motorwagen

Benz voleva realizzare un veicolo per il trasporto persone che si potesse muovere senza essere trainato dai cavalli, con accensione elettrica, uno sterzo e un carburatore. La stampa, per le sue caratteristiche, lo chiamò Velociped.

Leggi Anche: le bizzarre innovazioni che non vedremo mai su un’auto moderna

PEUGEOT TYPE 2

La prima auto a tutti gli effetti prodotta da Armand Peugeot (e, quindi, prima auto della Casa francese) è stata la Peugeot Type 2, prodotta tra il 1890 e il 1891. Una vettura a tutti gli effetti, con 565 cc di cilindrata e una potenza massima di 2 cavalli.

Peugeot Type 2

Un veicolo in grado di raggiungere una velocità massima di 18 km/h e, per questo, rivoluzionario per l’epoca.

RENAULT VOITURETTE

Renault Voiturette Type A fu la prima auto della Losanga (scopri invece quale è l’attuale gamma del brand): prodotta tra il 1898 e il 1903 e frutto dell’evoluzione di un triciclo De Dion – all’epoca uno dei veicoli più diffusi in Francia -, aveva un Cv e doti di trasportare le persone e comodità tali da far diventare popolari negli anni successivi i modelli del neonato marchio francese.

Renault Voiturette

MERCEDES 35PS

La prima vettura di lusso prodotta dalla Casa della Stella. Fu la Mercedes 35PS, prodotta nel 1901 da Daimler con il neonato brand Mercedes. All’epoca segnò una vera e propria rivoluzione nell’energia automobilistica.

Mercedes 35 ps 1901

Il motore, infatti, era un antenato dei moderni 4 cilindri in linea, con una potenza di 35 Cv e una velocità massima di 75 km/h.

FIAT 3,5 HP

Non poteva mancare la prima Fiat (scopri invece quali sono le Fiat del prossimo futuro) nelle nostra carrellata sulle auto più antiche del mondo. Stiamo parlando precisamente della Fiat 3.5 hp, realizzata alla fine del 1899 a pochi mesi dalla nascita della Fabbrica Italiana Automobili Torino. 

Fiat 35 hp

Il motore era un 2 cilindri in linea benzina da 679 cm³, con una potenza di 4,2 cavalli e una velocità massina di 35 km/h. Una curiosità: è stata costruita in 26 esemplari, di cui alcuni sono disponibili ancora ai giorni nostri.

FOLLOW US

Per rimanere sempre aggiornato seguici sul canale Telegram ufficiale e Google News. Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderti le ultime novità di Fleet Magazine.

Leggi anche
Consigliati per te
Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia