Nuova Hyundai i20, utilitaria lo è solo nelle dimensioni

La nuova generazione di Hyundai i20 svela un design molto più coinvolgente, interni ad alta tecnologia con due schermi da 10,25 e Adas avanzati

Introduce quel “di più” in termini di appeal che manca all’attuale generazione. Nuova Hyundai i20 si presenta al Salone di Ginevra 2020 con un design dalle linee decisamente personali.

Nuova Hyundai i20

NUOVA HYUNDAI I20

Dopo aver rinnovato la proposta citycar, i10, traghettandola verso contenuti avanzati su Adas e Infotainment, per l’utilitaria i20 gli interventi sono di portata ancor più ampia.

Va a confrontarsi con progetti agguerriti, tutti recentissimi. Dalle piccole del Gruppo PSA (Opel Corsa e Peugeot 208, in primis), alla nuova Toyota Yaris, passando per nuova Clio, e il duo Volkswagen Polo e Seat Ibiza. Proposte che hanno spostato in alto l’asticella dei contenuti e standard qualitativi.

Da Hyundai i20 2020 scopriamo un profondo cambiamento estetico, riassunto dal frontale, con l’ampia calandra integrata ai gruppi ottici, una carrozzeria “movimentata” da spigoli sapientemente applicati alla fiancata e in coda, dove la principale novità è nei fari a led raccordati da un profilo luminoso. Non passerà inosservata, è certo. Interessante l’introduzione dell’opzione di cerchi da 17 pollici.

DIMENSIONI DI NUOVA HYUNDAI I20

Dimensioni di Nuova Hyundai i20

Un cambiamento radicale al quale non corrisponde uno stravolgimento delle dimensioni di Hyundai i20. Cambiano alcune quote, particolarmente importante l’incremento in larghezza e la riduzione dell’altezza complessiva, insieme a un bagagliaio reso ancor più capiente. Tuttavia, restiamo su ingombri da “pieno” segmento B spazioso, con i 4,04 metri di lunghezza.

Dimensioni

Lunghezza

Larghezza

Altezza

Passo

Bagagliaio

 

404 cm

175 cm

145 cm

258 cm

351 lt

Variazione

+0,5 cm

+3 cm

-2,4 cm

+1 cm

+25 lt

Approfondisci: Le novità Hyundai in arrivo nel 2020

Caratteristiche di Nuova Hyundai i20

INTERNI DI HYUNDAI I20

L’evoluzione degli interni è ancor più interessante. Perché si inizia dalla presenza di una strumentazione virtuale con schermo da 10,25 pollici, affiancata a un infotainment di pari dimensioni – con la proposta alternativa di un sistema “base” da 8 pollici – ma è solo la punta più in vista delle novità a bordo.

Infatti, spazio a una plancia all’insegna di un’integrazione assoluta tra superfici e bocchette del clima, proseguendo con un volante quattro razze sul quale potremmo ritrovare anche tasti a sfioramento. Migliora la qualità percepita, anche con l’offerta – per la prima volta su una Hyundai in Europa – di un impianto stereo premium firmato Bose.

Interni di Nuova Hyundai i20

Presenza certa, i contenuti connessi Hyundai Live, offerti gratuitamente per un periodo di 5 anni e parte della connettività Hyundai BlueLink (scopri come funziona il sistema Bluelink Connected Hyundai).

Non mancano i comandi vocali con riconoscimento del linguaggio naturale, la navigazione TomTom con info sul traffico in  tempo reale, sui parcheggi disponibili, sul meteo, sulla presenza di autovelox lungo il percorso. La specifica top di gamma dell’infotainment, con schermo da 10,25 pollici, permette l’utilizzo del display in modalità split-screen, offrendo la possibilità multitasking con funzioni differenziate tra guidatore e passeggero.

In aggiunta, attraverso la app per smartphone, sarà possibile controllare l’auto, dalla posizione all’apertura/chiusura delle portiere, fino all’invio di una destinazione specifica al navigatore.

ADAS DI HYUNDAI I20

Quel che può apparire scontato, per il livello tecnologico raggiunto nel segmento B, è la presenza di Adas avanzatissimi, che nuova Hyundai i20 propone sotto forma, soprattutto, di un cruise control intelligente. La specifica di tipo adattivo è dotata anche dell’integrazione dei dati ricavati dal navigatore, così da adeguare la velocità in base al percorso. Lo Smart Cruise Control Navigation based permette di variare l’andatura preventivamente in presenza di curve, incroci, rotonde. 

Motori di nuova Hyundai i20

Fa parte di un pacchetto di sistemi di assistenza alla guida che rientrano nel Hyundai Smart Sense, dotato di frenata automatica d’emergenza con riconoscimento di pedoni e ciclisti, Blind Spot Monitor con anticollisione integrato, Lane Following Assist per il mantenimento del centro-corsia, Rear Cross Traffic Collision Assist alert – avvisa se si è a rischio incidente durante le manovre in retromarcia – e l’aggiunta del sistema “attivo”, in grado di frenare autonomamente in tali frangenti.

Completano l’ampissima dotazione di Adas, l’automatismo di trasformazione abbaglianti/anabbaglianti e il parcheggio automatizzato. 

Leggi anche: Hyundai lavora al cruise control con AI

C’è, poi, un Adas sui generis, forse un po’ “invadente”. Si tratta del Leading Vehicle Departure Alert. Interviene per segnalare quando l’auto davanti inizia a muoversi, immaginiamo lo scenario di una coda al semaforo. Ecco, allo stress del clacson di altri automobilisti si sostituisce l’alert sonoro e visivo dell’assistente che “sollecita” a ripartire.

MOTORI DI NUOVA HYUNDAI I20

Il profondo cambiamento dell’utilitaria continua al capitolo motori, dove nuova i20 introduce il mild-hybrid in abbinamento al turbo benzina 1.0 T-GDi da 100 e 120 cavalli. Potenze diverse, trasmissioni differenti, come anche la coppia.

Conta, soprattutto, dire come il mild-hybrid a 48 volt sia abbinato di serie al 120 cavalli, mentre la motorizzazione 100 cavalli è offerta anche priva dell’assistenza del generatore-starter alimentato a 48 volt. Il ruolo di questo dispositivo è noto, permette di estendere le fasi di coasting disaccoppiando il motore termico dalla trasmissione – possibile anche su i20 100 cavalli con cambio manuale 6 marce iMT, automatizzato per disconnettere motore e cambio al sollevamento del piede dal gas -, recuperare energia e supportare il motore benzina nelle fasi di ripartenza e accelerazione.

Motore

Potenza

Coppia

Cambio

1.0 T-Gdi

1.0 T-Gdi MHEV

100 cv

100 cv

172 Nm

172 Nm

6 marce M o 7DCT

6 marce iMT o 7DCT

1.0 T-Gdi MHEV

120 cv

200 Nm

6 marce iMT o 7DCT

1.2 Mpi 

84 cv

118 Nm

5 marce M

Sul fronte dei consumi e delle emissioni di CO2, il miglioramento dell’unità con mild-hybrid rispetto alla specifica priva vale tra il 3 e 4%. Dove i turbo benzina sono dei tre cilindri, la terza opzione 1.2 Mpi è un quattro cilindri aspirato.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia