21 Gennaio 2020

Toyota lancia Kinto, il marchio per i servizi di mobilità

Kinto è il nuovo marchio di Toyota dedicato ai servizi di mobilità (anche finanziari), pensati dalla Casa giapponese per il mercato europeo: dal noleggio a lungo termine al car sharing, fino al carpooling aziendale e all’auto in abbonamento.

Arriva Kinto, il nuovo marchio di Toyota, dedicato all’offerta di servizi di mobilità: si va dal noleggio a lungo termine al car sharing di auto ibride, passando per il carpooling e altre formule, come l’auto in abbonamento. L’obiettivo è quello di intercettare nuovi clienti e, più in generale, rispondere alla domanda dell’utenza (sia privata sia aziendale) lontana dal concetto classico di possesso dell’auto o che preferisce nuove formule di trasporto.

Toyota e-Palette Woven City

Kinto fa parte della visione di Toyota, finalizzata alla trasformazione da costruttore di auto a mobility company, con la mission di fornire tutti i tipi di servizi relativi al trasporto delle persone.

IL NUOVO MARCHIO KINTO DI TOYOTA

Il marchio Kinto di Toyota (dedicato ai servizi di mobilità, anche finanziari, sviluppati dalla Casa giapponese per il mercato del Vecchio continente) sarà utilizzato per posizionare un’offerta dedicata a nuove soluzioni di modalità e sarà sinonimo di “inclusivo e affidabile”, “semplice e intuitivo” e “sostenibile”. 

Kinto Toyota serivizi mobilità

Il nome del nuovo marchio deriva dalla parola giapponese Kintoun o nuvola volante: la nuvoletta con cui Goku, protagonista del cartone animato “Dragon Ball”, si sposta da un luogo all’altro come vuole e quando vuole. La varietà di soluzioni a cui tende il colosso asiatico, quindi, si riflette nel nome del brand.

Approfondisci: CES 2020, nasce la città Toyota a misura di alta tecnologia

I SERVIZI DI KINTO

Sotto il cappello di Kinto, Toyota ha riunito quattro tipologie di servizi (che saranno attivati in Europa, Paese per Paese, sulla base delle condizioni di fattibilità e sostenibilità economica):

  • Kinto One: offerta di noleggio a lungo termine che si rivolge ai clienti business, come aziende, piccole e medie imprese, professionisti e clienti privati. A fronte del pagamento di un canone mensile, si accede a una formula all-inclusive, comprensiva di manutenzione ordinaria e straordinaria, assicurazione, assistenza stradale, cambio pneumatici e altri servizi di mobilità. Kinto One punta a diventare il prodotto di noleggio a lungo termine di riferimento sul mercato elettrificato, per la clientela sensibile alla riduzione delle emissioni.
  • Kinto Share: servizio di car sharing basato sulle auto ibride, disponibile secondo un concetto di self-service. Il car sharing Yuko, già attivo in varie città europee (Dublino, Venezia, Copenaghen e Madrid), sarà rinominato con il marchio Kinto.
  • Kinto Join: servizio di carpooling aziendale, grazie al quale i dipendenti possono condividere i viaggi casa-lavoro giornalieri. Diversi i vantaggi, sia per gli utenti sia per le aziende, a partire dalla riduzione delle emissioni.
  • Kinto Flex: servizio di noleggio basato su un abbonamento, che garantisce una più ampia flessibilità di scelta e maggiore convenienza.

Nuovo Toyota C-HR 2020 ibrido

Si sta valutando anche il lancio di altri servizi per la mobilità multimodale o il ride-hailing. I servizi previsti saranno facilmente accessibili tramite app e avranno sistemi di pagamento integrati.

Leggi anche: la gamma Toyota 2020

LA STRATEGIA DI TOYOTA

Toyota punta a potenziare la propria offerta di servizi di mobilità, che si aggiungeranno alla tradizionale fornitura di veicoli e servizi a privati e flotte, attraverso una strategia fondata su quattro pilastri:

  • l’uso di un marchio dedicato e distintivo, per raggiungere nuove categorie di utenti della mobilità, dai clienti privati alle aziende e alle comunità locali;
  • la crescita della penetrazione nel mercato del noleggio a lungo termine, attraverso un’offerta all-inclusive, per aziende, liberi professionisti e privati;
  • l’utilizzo della connettività dei veicoli, per sviluppare e lanciare servizi come il car sharing, il carpooling, o servizi in abbonamento;
  • l’integrazione dei futuri avanzamenti della guida automatizzata, per testare offerte di “mobilità come servizio” (MaaS).

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia