1 Febbraio 2018

Ricalibratura degli Adas: come si fa e perché è indispensabile

Ricalibratura degli Adas e parabrezza dell’auto: un legame molto stretto. Forse non tutti lo sanno, ma di norma le telecamere e i sensori dei sistemi avanzati di ausilio alla guida, che vi abbiamo presentato in carrellata settimana scorsa, vengono posizionati proprio sul vetro anteriore, dietro lo specchietto retrovisore.

ricalibratura adas

Di conseguenza, la sostituzione del cristallo, in caso di crepatura o incidente, oggi determina un aspetto aggiuntivo rispetto al passato: la necessità di ricalibratura dei componenti che consentono agli Adas di funzionare correttamente.

RICALIBRATURA DEGLI ADAS: COME SI FA

I riparatori di vetri, negli ultimi, anni hanno profuso grandi sforzi, in termini di tecnologia e formazione dei tecnici, per rendere la ricalibratura degli Adas un processo collaudato all’interno dei loro punti sul territorio nazionale.

Occorre tener presente, infatti, che, a seconda della marca e del modello del veicolo, la ricalibratura avviene in modo diverso. In particolare, ci sono due tipologie di operazioni possibili.

Approfondisci: i sistemi avanzati di ausilio alla guida promossi dall’Unione Europea

La prima tipologia di ricalibratura è quella “statica” e viene effettuata direttamente in officina: il veicolo viene posizionato davanti ad un pannello di calibratura (personalizzato a seconda del marchio dell’auto) e uno strumento di diagnostica, che – una volta collegato alla presa OBD dell’auto – si interfaccia con la centralina elettronica per dialogare con telecamere e sensori, effettua la “messa a fuoco”.

Quattro i parametri che hanno necessità di essere settati con precisione per un corretto funzionamento degli Adas: distanza, altezza, parallelismo e centratura.

La seconda tipologia di ricalibratura è quella “dinamica”, che, a differenza della prima, non richiede il pannello, ma avviene su strada, con lo strumento di diagnosi “attaccato” alla vettura.

Ricalibratura Adas statica

IL DATABASE DEGLI ADAS NELLE OFFICINE

La scelta tra le due metodologie avviene a seconda della marca del veicolo sul quale viene effettuata la riparazione.  I dati della ricalibratura sono forniti da ciascuna Casa auto per ciascun singolo modello e riportati sul libretto di istruzioni, che l’officina solitamente custodisce in un database.

Il tecnico specializzato, sempre attraverso il database, è in grado di stabilire con certezza prima dell’intervento se il parabrezza del modello in questione è dotato o meno di Adas.

Leggi anche: sicurezza, una priorità per i gestori dei parchi auto aziendali

PERCHÈ È INDISPENSABILE LA RICALIBRATURA DEGLI ADAS

Per i privati e le flotte aziendali, la ricalibratura degli Adas è indispensabile paladina della sicurezza di chi guida.

Le aziende, infatti, hanno la grande responsabilità di fornire ai loro utilizzatori una vettura perfettamente a punto e gli Adas, che cominciano a essere presenti anche su modelli dei segmenti A, B e C, sono ormai parte integrante della sicurezza a bordo. Alcuni di essi, come la frenata d’emergenza assistita con riconoscimento di pedoni e ciclisti, diventeranno a breve obbligatori su tutti i veicoli di nuova produzione.

A spingere la crescita degli Adas, ormai, sono gli stessi Governi, unitamente agli automobilisti, al regolamento dell’Euro Ncap, alla competizione crescente tra le Case auto e ai costi della tecnologia, che sono destinati a diminuire sempre più. Un coro unanime a favore della sicurezza sulle strade.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia