5 Febbraio 2020

Come misurare il degrado della batteria delle auto elettriche

Geotab presenta una nuova soluzione per misurare il degrado della batteria dei veicoli elettrici. Lo strumento sarà utile ai fleet manager per valutare le prestazioni della batteria in base alle reali condizioni d'uso e gli consentirà di acquistare il veicolo più adatto alle esigenze dell'azienda.

Geotab, azienda leader in ambito di IoT e veicoli connessi, ha creato uno strumento che permette di misurare il degrado della batteria dei veicoli elettrici.

Geotab: una nuova soluzione per misurare il degrado della batteria dei veicoli elettrici

PERCHÉ È UTILE MISURARE IL DEGRADO DELLE AUTO ELETTRICHE?

La realizzazione dello strumento si è concretizzata grazie all’analisi dei dati provenienti da una flotta costituita da 6.300 vetture appartenenti a 64 modelli di case automobilistiche e anni diversi, di proprietà di privati e aziende.

Queste informazioni consentono di confrontare e valutare la salute della batteria e rendono lo strumento, presentato in anteprima all’evento Geotab Connect 2020, molto utile per i fleet manager.

Perché è utile misurare il degrado della batteria dei veicoli elettrici?

I responsabili delle flotte, ma anche tutti coloro che sono in procinto di comprare un nuovo veicolo, possono infatti utilizzarlo per valutare le prestazioni reali della batteria in base all’utilizzo delle vetture e quindi indirizzare l’acquisto verso la soluzione più adatta alle proprie esigenze.

Leggi anche: cosa succede alla batteria dei veicoli elettrici quando si esaurisce?

QUALI RISULTATI SONO EMERSI DALL’ANALISI?

Dall’analisi si è scoperto che la maggior parte delle batterie potrebbe continuare a funzionare più a lungo del previsto, se i tassi di degrado rimanessero costanti.

Dall'analisi sono emersi dei risultati per quanto riguarda il degrado della batteria dei veicoli elettrici

Ecco le sei constatazioni principali emerse dall’analisi:

  1. Essendo il calo medio dell’accumulo di energia del 2,3% all’anno, un veicolo con un’autonomia di 240 chilometri, perde 27 chilometri di autonomia dopo cinque anni.
  2. Il degrado delle batterie che presentano una buona gestione termica è più lento.
  3. Le batterie più durature sono quelle ricaricate con buffer di ricarica più estesi.
  4. All’utilizzo intensivo del veicolo non corrisponde necessariamente un degrado più rapido della batteria.
  5. Le temperature elevate di utilizzo del veicolo portano a un deterioramento più rapido della batteria.
  6. L’uso dei caricatori a corrente provoca un maggior degrado della batteria, anche se non c’è una differenza visibile tra la prestazione della batteria dei veicoli caricati a 120 V e quelle caricate a 240 V.

Approfondisci: dopo quanto tempo si degrada una batteria? 

“Dal punto di vista del ciclo di vita, la salute della batteria è fondamentale poiché è il componente più costoso di un veicolo elettrico e influisce sul parco mezzi. Con il nostro strumento per misurare il degrado della batteria dei veicoli elettrici i fleet manager, i primi conducenti di veicoli elettrici e coloro che stanno valutando l’acquisto di un veicolo elettrico avranno le informazioni di cui hanno bisogno per prendere decisioni più consapevoli sulla guida, sulla manutenzione e sull’acquisto” 
Matt Stevens, VP Electric Vehicles di Geotab.

 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia