Batterie delle auto elettriche: quanto ci mettono a degradarsi?

Tra i motivi per cui le auto elettriche stentano a decollare c’è il timore della degradazione delle batterie, da ricaricare per fare “il pieno” di energia. Il potenziale acquirente di un’auto elettrica deve fare i conti con un costo iniziale del mezzo più elevato (e in Italia non ci sono gli incentivi presenti in altri Paesi europei), con una infrastruttura di ricarica spesso inadeguata e con lo spauracchio di dovere sostituire le costose batterie, a un certo punto della vita del veicolo.degradazione batterie auto elettriche

PERCHÉ SI DEGRADANO LE BATTERIE DELLE AUTO ELETTRICHE?

La maggior parte dei veicoli ad alimentazione elettrica usa batterie al litio perché sono quelle che oggi offrono le maggiori prestazioni. Oggi ci sono diverse alternative alla tecnologia al litio, ma non offrono le stesse performance. L’attuale tecnologia delle batterie al litio permette di ricaricare l’auto fra le 1000 e le 1500 volte.

La progressiva degradazione delle batterie non dipende né dal tempo né – strettamente – dai chilometri percorsi, ma dalla  stessa ricarica. Come spiega il ricercatore Mark Pecqueur intervistato da GlobalFleet, ogni volta che la batteria viene ricaricata si modifica la sua struttura cristallina, e questo significa indebolirla. È un po’ come continuare a piegare e ripiegare un utensile di metallo, a un certo punto si rompe.

Leggi anche: Batterie auto elettriche: corsa alle scorte di litio e cobalto

LE BATTERIE GRANDI DURANO DI PIÚ

C’è un’importante considerazione da fare: una macchina con una batteria più grande è meno soggetta alla degradazione della batteria rispetto a un’auto che ne monta una più piccola.

auto elettrica che si ricarica

Una Tesla, ad esempio, può viaggiare 300 Km con una sola ricarica. Ciò significa che, anche se il contachilometri segna già 150mila km percorsi, la batteria è stata ricaricata solo 500 volte. Ciò vuol dire che si possono fare almeno il doppio dei chilometri prima che la batteria si degradi.

Approfondisci: quali sono le auto elettriche con maggiore autonomia?

Così non sorprende che nei forum Tesla venga riportato come la Model S perda meno del 10% della capacità della sua batteria dopo 160mila Km percorsi.

AUTO ELETTRICHE: MENO O PIÚ MANUTENZIONE?

Di solito si dice che un’auto elettrica ha bisogno di meno manutenzione rispetto a un veicolo a combustione. Il che è vero, considerando che un veicolo elettrico ha molte meno parti in movimento rispetto a un veicolo endotermico. Il prezzo della batteria, però, riequilibra i costi. Per questo ha senso cercare di farla durare il più possibile. La gestione della batteria diventa quindi di fondamentale importanza: i sistemi più evoluti tengono conto di una varietà di fattori, fra cui la temperatura esterna, per evitare di andare in sovraccarico.

Tra le auto elettriche c'è la Tesla Model S

La batteria può anche essere riparata. Non tutte le cellule si rompono quando la batteria si degrada, tanto che è possibile immaginare una “seconda vita” per le batterie ormai inutilizzabili per le auto, ma che – come nel caso dell’accordo di Hyundai con Wartsila – possono diventare accumulatori statici di energia.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia