2 Ottobre 2020

EuroNCAP, Adas Highway Assist alla prova: così si valutano i migliori

L'EuroNCAP ha introdotto un nuovo protocollo di test e valutazione degli Adas che assistono nella guida in autostrada. Quattro giudizi, da Entry a Very Good, tre modelli premium ottengono i migliori punteggi

Come orientarsi e valutare correttamente il funzionamento degli Adas, oramai imprescindibili sistemi di assistenza alla guida diffusi su ogni tipologia di auto e, in forme differenti, su tutti i segmenti? L’ente EuroNCAP ha rinnovato i test e il protocollo di valutazione di tali sistemi, nello specifico gli Adas del tipo Highway Assist, ovvero, in grado di migliorare comfort e sicurezza di marcia in condizioni di guida autostradale.

EuroNCAP Adas Highway Assist

EURONCAP, ADAS HIGWAY ASSIST ALLA PROVA

Sappiamo come il funzionamento di tali sistemi venga assicurato essenzialmente dalla sinergia di due Adas: il controllo adattivo della velocità e della distanza da altri veicoli; il mantenimento attivo della corsia e del suo centro. I sensori – radar, ultrasuoni, camere frontali, camere a 360 gradi – sono gli occhi fondamentali per il corretto operato dell’elettronica.

Approfondisci: Calibrare gli Adas è fondamentale, i servizi Adas Mobile

ASSISTENZA NON GUIDA AUTONOMA

Sensori Adas

Gli Highway Assist è bene ricordare come siano un ausilio alla guida e non vadano considerati come forme di guida autonoma. Il discrimine fondamentale è nell’attenzione che il guidatore deve rivolgere alla guida mentre tali Adas sono operativi: mantenendo il contatto con il volante e sorvegliando quanto accade intorno al veicolo. E’ l’abc del loro corretto utilizzo.

IL GIUDIZIO DA ENTRY A VERY GOOD

L’EuroNCAP ha esaminato 10 modelli nella tornata di test che ha inaugurato il protocollo e nuovo sistema di classificazione. Quest’ultima prevede che le auto testate sulla guida assistita in autostrada possano ottenere una valutazione in quattro giudizi: Entry, Moderate, Good, Very Good. Cosa viene valutato e come si ottiene l’uno o l’altro giudizio?

EQUILIBRIO TRA TECNICA, SICUREZZA E COINVOLGIMENTO DEL GUIDATORE

Il focus nell’esame finisce su due aree: l’Idoneità dell’assistenza e le funzioni di Safety Backup, per complessivi 200 punti assegnati.

mantenimento di corsia Adas

Nel primo caso si giudica l’equilibrio tra l’idoneità tecnica dei sistemi – l’assistenza offerta dal veicolo quindi – e il grado di coinvolgimento del guidatore: dall’avviso di un malfunzionamento al controllo dell’interazione (ad esempio, il mantenimento di almeno una mano sul volante).

Approfondisci: Gli Adas al Fleet Motor Day 2020

Il Safety Backup, invece, esamina la “rete di sicurezza” offerta dall’auto in caso di malfunzionamento dei dispositivi o di emergenza, in una condizione critica. Vuol dire essere in grado di intervenire ed evitare una collisione, offrire un’informazione chiara su un eventuale malfunzionamento di un sensore e il mancato funzionamento di un Adas, intervenire per fermare l’auto nel caso in cui il guidatore non risponda agli avvisi di ripresa del controllo dell’auto.

Nell’assegnare un punteggio a ciascuno di questi fattori, è l’equilibrio dei voti a contare. Infatti, se nel giudizio tra Assistenza del veicolo e Coinvolgimento del guidatore si ha uno squilibrio di punteggio, è il punteggio più basso a concorrere, sommarsi, al punteggio assegnato al Safety Backup.

ADAS, LA COMUNICAZIONE È CHIARA

Driver Assist autostrada Adas

Un passaggio ulteriore, su cosa voglia dire il Driver Engagement che fa parte dell’Idoneità dell’assistenza (Assistance Competence), interessa quanto bene il costruttore spiega il funzionamento dell’assistenza nella marcia autostradale ai consumatori, se specifica in modo chiaro i limiti al funzionamento, se informi il guidatore dello status attivo o disattivo, se i sensori (e come) valutano il coinvolgimento del guidatore, fino al supporto durante le manovre, che dev’essere “collaborativo” e non “oppositivo” a quanto fa il guidatore

HIGHWAY ASSIST, CLASSIFICAZIONE IN PUNTI

Gli Highway Assist si caratterizzano per dichiarare il loro funzionamento in autostrada nel controllo della velocità, della distanza da altri veicoli e nel mantenimento della corsia di marcia. Ma come operano, davvero, sul campo? L’EuroNCAP ha messo alla prova l’Adas e classificato l’efficacia in quattro livelli. Il giudizio Entry equivale alla presenza di un cruise control adattivo basilare, con sistema Lane Centering, in grado di operare in scenari meno sfidanti. L’apporto delle funzioni Safety Backup è limitato e si rileva una differenza marcata di valori tra i giudizi assegnati all’Assistenza del Veicolo e il Coinvolgimento del driver. Il punteggio ottenuto è tra 100 e 119 punti.

EuroNCAP Adas guida assistita autostrada

Lo step Moderate vede l’ACC e il mantenimento del centro corsia lavorare bene in scenari meno sfidanti – tra i test, ad esempio, si verifica il comportamento al taglio di corsia da parte di un altro veicolo, l’efficacia in curva con un veicolo fermo – e le caratteristiche di Safety Backup sono migliori. Il punteggio ottenuto è tra 120 e 139 punti.

Il giudizio Good è assegnato ad ACC e Lane Centering in grado di operare in gran parte delle situazioni di guida dell’Highway Assist. Il sistema coinvolge il guidatore e propone sistemi aggiuntivi di assistenza, oltre a una buona valutazione delle funzioni Safety Backup. Il punteggio ottenuto è tra 140 e 159 punti.

Infine, Very Good è l’assegnazione attribuita ai sistemi allo stato dell’arte, in grado di gestire scenari complessi durante la guida, con un alto livello di Safety Backup (pensiamo allo stop autonomo dell’auto a bordo strada se manca l’intervento del guidatore). Il punteggio ottenuto è uguale o superiore a 160 punti.

HIGHWAY ASSIST, I MODELLI TESTATI

Dei 10 modelli testati, in tre staccano il massimo risultato, Very Good: Audi Q8 (78% nell’Idoneità dell’assistenza; 84% sul Safety Backup: 162 punti), BMW Serie 3 (82% Assistance Competence; 90% Safety Backup: 172 punti), Mercedes GLE (85% Idoneità dell’assistenza; 89% Safety Backup: 174 punti).

Approfondisci: GLE ibrida plug-in, scopri com’è andata nel nostro test

Adas Highway Assist Mercedes

Differenze sostanziali sull’idoneità dell’assistenza si rilevano con un modello giudicato comunque Good: Ford Kuga (66% Assistance competence; 86% Safety Backup: 152 punti).

Leggi anche: Nuova Kuga, tutti gli Adas a bordo

Classificato Moderate l’Highway Assist di Tesla Model 3 (36%; 95% 131 punti), Volkswagen Passat (75%; 61%: 137 punti), Nissan Juke (52%;72%: 124 punti), Volvo V60 (71% Assistance Competence; 50% Safety Backup: 120 punti).

Entry, infine, il giudizio assegnato ai modelli come Peugeot 2008 (61% Assistance Competence; 40% Safety Backup:101 punti), Renault Clio (62% Assistance Competence; 43% Safety Backup: 105 punti).

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia