10 novità del facelift di Mercedes-Benz Classe C

Dal punto di vista stilistico, Mercedes Classe C non è cambiata molto con l'ultimo facelift 2018. Il rinnovamento, però, c'è stato: soprattutto a livello tencologico, nei motori, nell'assistenza alla guida.

Siamo stati alla presentazione italiana del facelift di nuova Mercedes-Benz Classe C, nella campagna romana. il modello campione di vendite si è aggiornato, soprattutto sottopelle, pronto per affrontare il suo quinto anno di produzione. Sono ben 6.500 i nuovi elementi introdotti e riguardano soprattutto la tecnologia a bordo e i nuovi motori.Facelift 2018 Classe C

Classe C ha una gamma varia: due sportive a due porte (il coupé e la cabriolet) e due decisamente più orientate al business: la berlina e la station wagon. Nel 2017 sono stati oltre 415.000 gli esemplari venduti tra berline e station-wagon. In Italia, dal 2014, ne sono state vendute 30mila. Ma quali sono le novità introdotte dal restyling 2018? Andiamo a scoprirlo.

IL DEBUTTO DEL MILD HYBRID

Su Mercedes Classe C debutta l’elettrificazione leggera: per le versioni da 1,5 litri C 200 e C 200 4MATIC è previsto un sistema a 48 volt supplementare (consumo di carburante combinato 6,8-6,3 l/100 km, emissioni di CO2 combinate 154-144 g/km). La combinazione tra il sistema a 48 volt e l’EQ Boost concorre a ridurre ulteriormente il consumo di carburante e a incrementare l’agilità e il comfort.

Leggi anche: Motori mild hybrid, come funziona l’ibrido leggero

In fase di accelerazione l’EQ Boost supporta il motore da 135 kW (184 CV) con 10 kW (14 CV) aggiuntivi, colmando il ritardo del turbocompressore nel mettere a disposizione la piena pressione di sovralimentazione. L’assistenza fornita dal boost è utilizzata anche nei cambi marcia, per raggiungere più rapidamente il regime di rotazione idoneo del motore e accorciare i tempi di innesto delle marce. In fase di decelerazione l’alternatore-starter recupera l’energia cinetica e carica la batteria.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia