Hyundai, tetto solare in arrivo: si parte delle auto ibride

Nel 2019 la prima applicazione su auto ibride, poi sarà la volta del tetto panoramico con celle siliconiche, destinato alle auto benzina o diesel

L’idea in sé non è nuova, lo è il raggio d’applicazione. In origine ci ha pensato Toyota, adesso tocca a Hyundai e Kia sviluppare una soluzione di tetto solare, ovvero, con celle siliconiche che trasformano i raggi solari in energia utile per essere reimpiegata a bordo dell’auto.

QUANTO VALE L’APPORTO DEL TETTO SOLARE

Il punto centrale è nel “quanto”, l’incidenza reale in termini di ricarica della batteria o sgravio del lavoro altrimenti demandato all’alternatore ottenuta dal fotovoltaico integrato nel tetto.

Tetto solare auto ibride Hyundai

Dai test condotti, Hyundai dichiara una capacità di ricarica della batteria di un’auto ibrida da un valore del 30% a un massimo del 60% nell’arco di una giornata, oscillazioni frutto delle condizioni meteo.

Leggi anche: Mercato, crescono elettriche e ibride in un ottobre negativo

TETTO PANORAMICO FOTOVOLTAICO, SARÀ UNA PRIMA

Se l’integrazione del pannello solare nel tetto non è una prima mondiale in abbinamento a un veicolo ibrido, lo è l’offerta – prevista solo in una seconda fase – del tetto solare semitrasparente.

I vantaggi di un tetto panoramico senza privarsi dell’efficienza superiore frutto della ricarica della batteria mediante l’energia ottenuta dai raggi solari (batteria che è una delle componenti del sistema insieme all’elettronica di gestione, un controller che regola il flusso d’energia raccolto dalle celle e destinato all’accumulatore), pensato per le auto benzina e diesel. 

PRIMI MODELLI LE IBRIDE 2019

Hyundai pannelli solari sul tetto

Il piano stilato da Hyundai, che verrà esteso anche al marchio Kia, prevede nel 2019 il debutto della prima generazione di tetto solare, pensato per le auto ibride, poi sarà la volta della seconda generazione, il semitrasparente per le auto esclusivamente con motore termico, infine, la frontiera più affascinante, di pannelli solari – e qui, il plurale, è d’obbligo vista la duplice possibilità prospettata dal gruppo Hyundai – dedicati ai veicoli elettrici a batteria: in questo caso si va a ricercare la più ampia superficie possibile, direttamente funzione dell’energia che è possibile ottenere dall’auto. Tetto solare o cofano motore solare. La terza generazione è attualmente in fase di test.

Approfondisci: Quali sono le ibride più noleggiate in ambito flotte?

I valori di laboratorio dicono che il tetto solare, equipaggiato da un pannello da 100 watt, è ingrado di generare 100 watt/ora di energia nelle condizioni di irraggiamento solare di 1000 watt per metro quadro e incidenza dei raggi verificata in condizioni di prova estive a mezzogiorno.

L’AUTO GENERA ENERGIA

L’elettricità generata dal pannello solare e gestita dal controller viene trasformata per l’impiego diretto sui sistemi di bordo o stoccata nella batteria. “In futuro, diverse soluzioni tecnologiche di generazione di elettricità saranno collegati ai veicoli, compreso il sistema di ricarica solare.

Leggi anche: 7 giorni con Hyundai Kona, il test

Questo consentirà ai veicoli di svilupparsi, da un dispositivo passivo che consuma energia a una soluzione che attivamente la genera”, ha dichiarato Jeong-Gil Park, vice presidente della divisione progettazione ingegneristica Hyundai Motor Group, responsabile dello sviluppo del tetto con pannelli solari.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia