Al via in Italia i distributori di idrogeno per le auto

Con l'eliminazione dei limiti alla pressione di carica, finalmente sarà possibile costruire anche in Italia i distributori di idrogeno per autovetture. Una svolta per le auto fuel-cell nel nostro Paese.

Importante passo in avanti per l’auto a idrogeno in Italia: al via i distributori anche per le auto. Con la pubblicazione del decreto ministeriale del 23 ottobre 2018 (in Gazzetta Ufficiale il 5 novembre) sono eliminati i  limiti alla pressione di carica. rifornimento auto a idrogeno Bolzano

La vecchia normativa limitava l’erogazione di idrogeno a una pressione di 350 bar: l’innalzamento a 700 bar è fondamentale per la ricarica veloce delle vetture. La pressione più bassa consentiva il rifornimento degli autobus, ma non delle nuove auto idrogeno, recentemente immesse sul mercato.

LA SVOLTA PER LE AUTO A IDROGENO

Con questo provvedimento, l’Italia si adegua agli standard internazionali per la costruzione delle stazioni di rifornimento idrogeno per autotrazione. Questo è un primo passo per rendere effettivamente fruibile la mobilità a idrogeno, uno dei pilastri dell’e-Mobility, insieme alle auto elettriche e alle auto ibride.

La precedente regola tecnica per la prevenzione degli incendi impediva la creazione di stazioni di rifornimento pubbliche, mentre ora è possibile progettare gli impianti di distribuzione di idrogeno per autotrazione secondo norme tecniche internazionali riconosciute, quale la norma ISO 19880-1.

Leggi anche: Quali sono i paesi pionieri dell’auto a idrogeno?

Soddisfazione espressa da Assogastecnici, l’Associazione nazionale dei produttori di gas tecnici che fa parte di Federchimica , come dichiara il presidente Giovanni Pavesi: “Finalmente un passo concreto per lo sviluppo, anche in Italia, dell’idrogeno come vettore energetico per la mobilità sostenibile, che avrà importanti ricadute anche sul nostro settore”.auto a idrogeno

I CENTRI IDROGENO IN ITALIA

Il Centro H2 Alto Adige di Bolzano rappresenta l’eccellenza dell’idrogeno in Italia, oltre che collegamento tra il nostro Paese e il resto d’Europa, dove il Fuel-Cell è decisamente più sviluppato. Questo distributore, con idrogeno prodotto tramite energie rinnovabili,  è frutto di una partnership fra pubblico e privato, e rifornisce mezzi del trasporto pubblico e una piccola flotta di auto aziendali a noleggio.

A Milano San Donato c’è un distributore di idrogeno in funzione per rifornire gli autobus elettrici alimentati a idrogeno della ATM in circolazione a Milano (linea 84), che ora potrebbe essere usato anche per le auto. Durante il convegno “Quali motorizzazioni per le flotte aziendali?”, tenuto a Rimini in occasione di “Ecomondo4Fleet”, Massimiliano Loconzolo, Fleet&Used Senior Manager di Toyota Italia, ha annunciato la volontà di portare la Toyota Mirai in Italia nel 2019 e, quindi, un centro di rifornimento funzionante, molto probabilmente a Milano.Esenzione bollo auto idrogeno

L’idrogeno è inserito tra i carburanti puliti nel piano strategico nazionale e punta a realizzare un numero adeguato di stazioni entro il 2025.

PERCHÈ L’AUTO A IDROGENO

L’auto Fuel-Cell è a zero emissioni, ma ha due grandi vantaggi rispetto alle auto elettriche: una autonomia molto più ampia, di circa 600 chilometri con un pieno. In più, è possibile fare rifornimento in soli 3 minuti, senza i tempi biblici delle ricariche elettriche. Il pieno costa all’incirca come la benzina, a Bolzano l’idrogeno è venduto a circa 11 euro/kg + IVA e la grandezza del serbatoio di un’auto Fuel-Cell è di poco superiore ai 5 kg.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia