18 Settembre 2019

Anteprima Mini Clubman 2020, la nostra prova su strada

Mini Clubman si rinnova con interessanti dettagli di stile, che la contraddistinguono fra le Segmento C. Il design è ora più pulito e lo si apprezza particolarmente nel posteriore.

L’abbiamo vista al Salone di Francoforte 2019 e ora l’abbiamo provata, in un percorso fra Milano e la Brianza. Mini Clubman si è fatta un restyling di metà carriera, con dettagli che la rendono una delle vetture più stilose del segmento C. Ce ne ha parlato Cristiana Lattuada, responsabile PR Mini Italia:

La versione station wagon della classica Mini si rinnova con dettagli di stile: calandra ridisegnata e le luci posteriori a led con il design Union Jack, i fari adattivi a led con la funzione Matrix per gli abbaglianti e i nuovi fendinebbia a led.

MINI CLUBMAN LA NOSTRA PROVA

Siamo partiti dalla Mini Clubman house, nel cuore di Milano. Una sede su misura di Mini, in via Tommaso da Cazzaniga, dove la Mini Clubman si è insediata per una intera settimana, con caffetteria e bistrot, cocktail bar, area di co-working, terrazza e attività di test drive. Un luogo glamour come è nel Dna Mini che, non a caso, gode di una larghissima fanbase sui social (65 milioni fan Instagram, 12 su Facebook, oltre agli “analogici” 1500 iscritti al Club Mini italiano).

Abbiamo provato la versione Mini Cooper SD Clubman con cambio automatico. Un diesel brioso, che si muove agilmente nel traffico della fashion week milanese grazie alle sue dimensioni compatte. Ottima la posizione di guida, sufficientemente sportiva senza essere “sdraiata”, grazie al buon posizionamento della pedaliera. Sufficientemente insonorizzata, all’interno si gode di tutti i dettagli: dalla Union Jack che fa capolino un po’ ovunque alla cura attenta dei materiali e delle rifiniture. Bene l’head-up display, un po’ più “confusionario” come impatto grafico il navigatore. La Mini Clubamn ha una guida fluida, sia sui tratti autostradali sia nei percorsi extraurbani con qualche curva in più. Il rinnovamento lo si apprezza soprattutto guardando il retro della vettura, con la caratteristica apertura a libro che permette di accedere facilmente al bagagliaio (non amplissimo: 360 litri fino a 1.250 litri) e i fari posteriori che ricalcano la Union Jack.

DETTAGLI DI STILE

La carrozzeria della compatta premium si arricchisce da elementi di design caratteristici del brand: pronunciato cofano a cupola, fari circolari – i cui bordi sono cromati di serie e opzionalmente in Piano Black – griglia anteriore di nuova concezione, che ora si estende su tutto il paraurti. I profili fortemente modellati e una nuova presa d’aria dell’aria conferiscono alla vista frontale un aspetto distintivo. Anche il paraurti è ridisegnato così come gli specchietti, per un desing più pulito.

Leggi anche: Mini Clubman restyling 2020, Matrix led e calandra rinnovano la wagon

Union Jack

Quando i fari posteriori si accendono compare, stilizzata, la bandiera britannica. Orientati orizzontalmente, presentano un nuovo design che sottolinea le origini britanniche del brand: la struttura grafica delle loro sorgenti luminose traccia il modello astratto di Union Jack. Lo stilema compare anche sui poggiatesta e con piccole citazioni sul volante e negli interni.

Nuovi colori

Sono disponibili tre nuove varianti di colore tra cui scegliere in termini di finiture della carrozzeria: Indian Summer Red metallic, British Racing Green metallic o Mini Yours Enigmatic Black metallic (un nero intenso tendente al blu). In alternativa al colore della carrozzeria, il tetto e le calotte degli specchietti esterni possono essere anche rifiniti in nero, bianco o argento. Inoltre, l’elenco di articoli opzionali offre ulteriori possibilità di personalizzare il design esterno.

Personalizzazione con Mini Yours

Le opzioni del programma Mini Yours offrono la possibilità di personalizzare la nuova Mini Clubman. Oltre alla già citata finitura della carrozzeria nella variante Enigmatic Black metallic  e ai cerchi in lega leggera del design Mini Yours British Spoke bicolore, ci sono varianti di design degli interni. Ad esempio, i sedili acquisiscono un tocco eccentrico grazie a un motivo Union Jack sui poggiatesta. Possibilità anche di illuminare le cornici delle portiere insieme alla cornice dell’abitacolo, tappetini dedicati e varianti di rivestimento del sedile.

Mayfair edition

Con braccioli e side scuttle personalizzati, stripes laterali, logo Mayfair sul montante, la Mayfair edition è disponibile solo sul mercato italiano. Offre cerchi da 18, cruise control, pacchetto comfort, luci al Led.

NUOVI CERCHI E SOSPENSIONI

A seconda della variante del modello, la Clubman  monta come standard i cerchi in lega leggera da 16 o 17 pollici. Come opzione, sono disponibili cerchi in lega leggera da 18 pollici e 19 pollici.

Un’altra offerta completamente nuova in termini di equipaggiamenti opzionali sono le sospensioni sportive con un abbassamento della vettura di 10 millimetri. Questa opzione rende la guida più agile e con un tocco sportivo.Sono disponibili anche come optional le sospensioni adattive, che offrono la possibilità di scegliere tra due modalità alternative per l’assetto degli ammortizzatore: orientata al comfort o diretta e sportiva.

SICUREZZA E TECNOLOGIA

Oggi tutte le Mini Clubman montano una Sim 4G, questo permette una integrazione massima col proprio smartphone. L’emergency call è di serie e  c’è la sincronizzazione dell’App con l’agenda. I remote services permettono ai guidatori di aprire portiere, fare partire la ventilazione, suonare il clacson anche da remoto. Ci sono tutti i servizi di sicurezza attivi e passivi:

  • forward collision warning con frenata di emergenza
  • pedestrian collision warning
  • riconoscimento segnali stradali
  • controllo automatico degli abbaglianti

MOTORI

Le caratteristiche del marchio sono garantite grazie all’offerta della moderna gamma di motori ed alla tecnologia delle sospensioni di alta qualità della Nuova Mini Clubman. Sono disponibili tre motori a benzina e tre motori diesel con potenza compresa tra 75 kW/102 CV e 141 kW/192 CV (consumo combinato: 6,5 – 4,0 l/100 km, emissioni combinate di CO2: 147 – 105 G/km). Inoltre, i clienti possono scegliere di combinare il sistema di trazione integrale ALL4 con i più potenti motori a benzina e diesel. La gamma di modelli sarà completata in una fase successiva con la Nuova edizione della MINI John Cooper Works Club estremamente sportiva.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia