14 Novembre 2019

Come si riconoscono gli pneumatici invernali?

Domani scatta l'ora degli pneumatici invernali. Scopriamo qui come riconoscerli dalle altre gomme, cosa dice la normativa, come e dove si applica.

L’ora sta scoccando anche quest’anno. Da domani, 15 novembre, su strade e autostrade, laddove previsto da una specifica ordinanza, gli automobilisti dovranno dotarsi di pneumatici invernali o catene a bordo. Come si riconoscono gli pneumatici invernali dalle altre gomme? Nei prossimi paragrafi approfondiremo questo argomento. 

pneumatici invernali cose da sapere

Prima, però, vediamo cosa dice la normativa, dove si applica, se esistono deroghe e quale è la tolleranza. E ricordiamo che, secondo le statistiche di Assogomma, quando la temperatura dell’asfalto scende sotto i 7 gradi dotare il veicolo di pneumatici invernali correttamente gonfiati significa diminuire lo spazio di frenata fino al 15% su fondo bagnato e fino al 50% su fondo innevato

Approfondisci: perché conviene adottare le gomme winter

COSA DICE LA NORMATIVA SUGLI PNEUMATICI INVERNALI

La normativa, che fa fede alla Direttiva del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 16 gennaio 2013, prevede che l’Ente proprietario o gestore della strada possa “prescrivere che i veicoli siano muniti ovvero abbiamo a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve e su ghiaccio”. La legge di applica fuori dai centri abitati (quindi in città non è vigente), nel periodo compreso tra il 15 novembre e il 15 aprile

La norma consente di estendere questo periodo in tratti stradali che presentano condizioni climatiche particolarmente rigide, come le strade di montagna. Questo è il caso della Val D’Aosta, regione nella quale l’obbligo scatta dal 15 ottobre. Esiste anche una deroga, come ormai tutti sappiamo, che consente di montare le gomme winter un mese prima (dal 15 ottobre) e tenerli fino a un mese dopo (15 maggio). Deroga che vale per quei veicoli che montano gomme con un codice di velocità inferiore a quello previsto sulla carta di circolazione (quest’ultimo, comunque, non deve mai essere inferiore a Q, ovvero 160 km/h). 

COME SI DISTINGUONO GLI PNEUMATICI INVERNALI

Gli pneumatici invernali, in questa stagione, sono sinonimo di sicurezza sulle strade, come abbiamo visto nel nostro approfondimento sui trend futuri delle gomme. Si distinguono dagli altri per il disegno del battistrada caratterizzato da fitte lamelle che permettono una migliore aderenza alla carreggiata. Sono identificati dalla marcatura M+S sul fianco della gomma (a volte anche M.S o M&S) e dall’eventuale pittogramma alpino (una montagna a tre picchi, con un fiocco di neve al suo interno), che indica il superamento di un test di omologazione sulla neve. Ovviamente, quest’ultimo è sinonimo di elevate prestazioni certificate.

E gli pneumatici 4 stagioni? Aldilà dell’offerta dei singoli brand, la legge dice che gli pneumatici con marcatura M+S possono circolare tranquillamente ovunque d’inverno, a patto che abbiano un codice di velocità uguale o superiore a quello indicato sulla carta di circolazione. 

Leggi anche: quando convengono le gomme 4 stagioni?

LA CAMPAGNA DI ASSOGOMMA E FEDERPNEUS

Assogomma e Federpneus, come ogni anno, promuovono una campagna dal titolo “Inverno in sicurezza..e in Regola”, con il patrocinio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e il Ministero dell’Interno, e il sostegno di ACI, AISCAT, Ania,  Aniasa, UNASCA. Obiettivo: sensibilizzare gli automobilisti.

sicurezza pneumatici

Gli pneumatici invernali, occorre sottolinearlo, non portano vantaggi solo per la sicurezza per chi guida ma, citando uno studio del Politecnico di Torino, in questa stagione convengono anche in termini di minori consumi e minore usura. 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia