14 Agosto 2015

Lane Assist, il sistema che legge la strada

Sempre più dispositivi popolano le nostre auto. Una diffusione massiccia in nome della sicurezza, pure delle flotte aziendali, non solo per facilitare la vita dell’automobilista a bordo ma anche per prevenire gli incidenti. Un esempio, in questo senso, è dato dal Lane Assist, il sistema di assistenza che avvisa il conducente distratto del superamento della linea che delimita la propria corsia. Così si cercano di evitare sinistri provocati da uscite improvvise dalla traiettoria regolare.

COME FUNZIONA – Il Lane Assist utilizza diversi tipi di sensori per monitorare la segnaletica orizzontale: sensori video, collocati dietro il parabrezza (di solito nella parte posteriore dello specchietto retrovisore centrale), sensori laser (collocati nel frontale del veicolo) sensori a infrarossi, (sistemati dietro lo specchietto retrovisore o nella parte bassa del frontale). In questo modo il sistema rileva le linee (continue o tratteggiate) che delimitano la corsia di percorrenza, aumentando la sicurezza delle flotte aziendali.

COME AGISCE – Esistono due tipi di sistemi per l’avviso del superamento della corsia di marcia: il primo avvisa il conducente con un allarme sonoro o una vibrazione del volante; il secondo invece, interviene anche sullo sterzo (se riconosce un abbandono involontario della corsia, effettua una leggera controsterzata, correggendo automaticamente la traiettoria e riportando il veicolo in carreggiata). Il Lane Assist non interviene se il conducente utilizza gli indicatori di direzione prima di oltrepassare la segnaletica orizzontale. Il sistema entra in azione durante la guida in autostrada e sulle strade extraurbane, fino a quelle urbane di scorrimento, ma non nel traffico cittadino.

STORIA – Concepito inizialmente per la sicurezza dei mezzi pesanti, il sistema ha debuttato sul Mercedes Actros nel 2000. Negli anni successivi il Lane Assist è arrivato anche sui veicoli commerciali e sulle auto, soprattutto dei segmenti superiori. Oggi è presente anche su varie vetture di fascia media, seppure con sigle e nomi differenti.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia