4 Settembre 2019

7 giorni con la nuova Mercedes-Benz Classe E 300 de EQ Power: il test drive della Stella ibrida plug-in

La nuova Mercedes-Benz Classe E 300 de EQ Power rilancia il motore diesel nell’abbinamento con l’unità elettrica per la massima efficienza anche nei lunghi viaggi. Magistrale la messa a punto del sistema, che crea un piacere di guida al top.

Poche storie: il diesel a Stoccarda è una “core competence”.  E la dimostrazione arriva dalla nuova Mercedes-Benz Classe E 300 de EQ Power, versione ibrida plug-in dell’ammiraglia della Stella.  Allo stesso tempo, sono competenze distintive la progettazione e la costruzione di berline premium.

Poteva dunque mancare nel mondo Mercedes lo sviluppo di una tecnologia plug-in hybrid (Phev) che si affiancasse alla più diffusa interpretazione sul mercato, cioè benzina + elettrico?

Questo perché, va detto, superando l’ideologia anti-diesel, un sistema che abbina all’elettrico un motore a gasolio è più efficiente dal punto di vista energetico. E il test drive della nuova Mercedes-Benz Classe E 300 de EQ Power lo testimonia.

Nuova Mercedes Classe E 300 de EQ Power 2019

TEST DRIVE NUOVA MERCEDES-BENZ CLASSE E 300 DE EQ POWER

NUOVA MERCEDES-BENZ CLASSE E 300 DE EQ POWER: SPORTIVA E HI-TECH

Lunedì

La nuova Mercedes-Benz Classe E di quinta generazione di per sé non è una novità, ma la nuova Mercedes-Benz Classe E ibrida plug-in si propone in chiave decisamente attuale, cioè sportiva e hi-tech. In questo senso il contributo estetico degli esterni AMG Line in combinazione con gli interni Avantgarde è fondamentale. Grande berlina, dissimula bene le proporzioni classiche grazie a una brillante tinta Bianco Diamante (della linea Designo, un optional da 2.000 euro), ai cerchi da 18’’ (sempre linea AMG) e, all’interno, grazie alla pelle dei sedili nera come il cielo del tetto, i tanti particolari d’alluminio e la pedaliera sportiva.

frontale nuova Mercedes Classe E ibrida plug-in

Al feeling tecnologico pensano i due grandi schermi affiancati in apparente continuità sulla plancia, con la caratteristica linea a onda. Tutto è appagante alla vista e al tatto: materiali con un perfetto equilibrio tra morbidezza e consistenza, una seduta doverosamente ampia, per tradizione della Casa, rilassante ma non cedevole, per garantire il giusto comfort anche dopo molte ore di guida. Alcuni dettagli sono “simbolici” della qualità costruttiva Mercedes: i pomelli metallici di regolazione delle bocchette dell’aria, per esempio, o i tasti dei sedili elettrici sui pannelli porta anteriori. Minime differenze rispetto alle E non ibride: strumenti digitali specifici nel cockpit e il tasto EV sul tunnel.

Leggi anche: le novità della Stella al Salone di Francoforte 2019

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia