28 Febbraio 2018

Test Drive BMW X2: primo contatto con il suv sportivo [VIDEO]

La Casa di Monaco di Baviera presenta la nuova BMW X2, l’attesissima Suv compatta destinata ad ampliare la gamma delle Sport Utility e a portate una boccata di aria fresca e giovanile alla casa tedesca.

Nonostante il nome possa trarre in inganno la nuova la BMW X2 non va a posizionarsi tra la BMW X1 e la X3, ma si dimostra ancor più compatta di quella che era la Suv più piccola di Monaco.

La nuova BMW X2 si presenta sfoggiando forme più atletiche e slanciate con uno stile più da coupé. Nuovi concetti stilistici che ho provato su un percorso urbano ed extraurbano.

Il nuovo SUV compatto ha forme più atletiche della X1 (sulla quale è basata) e un girovita più abbondante, per effetto delle profonde scalfiture sui fianchi, mentre l’altezza inferiore non è vista come uno svantaggio perché rende l’auto più slanciata e in stile coupé.

BMW-X2-tre-quarti

La X2 appare infatti più modaiola della X1, da cui riprende la meccanica di base (a trazione anteriore o integrale) ma non le dimensioni generali, visto che è più corta di 8 cm e più bassa di 7 cm.

IL TEST DRIVE DELLA BMW X2

DESIGN E INTERNI: COUPÉ  SPORTIVA E MUSCOLOSA

Uno degli elementi che definiscono e sintetizzano la nuova BMW X2 è rappresentato dalla linea, definita come Sac (Sports Activity Coupé). A conferma di questo il design è caratterizzato dal tetto basso e il padiglione spiovente tipico di una Coupé che si integrano armonicamente in una carrozzeria muscolosa, con passaruota pronunciati e una coda massiccia.

La sportività emerge anche dai fanali: rastremati quelli anteriori, a forma di L quelli posteriori. Si può scegliere tra ruote da 17 a 20 pollici, bordi sulla carrozzeria a contrasto ed i motori a quattro cilindri, a cui sono abbinati i due grossi tubi di scappamento nel fascione posteriore (non disponibili con i motori a 3 cilindri).

BMW-X2-cruscotto

Il design è una combinazione di dettagli che derivano dal passato, come il logo dell’Elica integrato nel montante posteriore o i passaruota e minigonne tipiche della serie X, ed elementi nuovi come la calandra a doppio rene capovolta con un orientamento opposto rispetto agli altri modelli della gamma.

LEGGI ANCHE: BMW SERIE 2 ACTIVE TOURER AL SALONE DI GINEVRA

La X2 occupa uno spazio di 4 metri e 36 centimetri in lunghezza, 1.824 mm in larghezza e 1.526 mm in altezza ovvero di 8 cm più corta e 7 cm più bassa rispetto alla BMW X1. Il suo passo è di 2.670 mm e l’abitacolo, a cinque posti, si abbina a un bagagliaio da 470 litri che, all’occorrenza, raggiunge una volumetria di 1.355 litri. La casa tedesca parla di un abitacolo per cinque persone anche se l’abitabilità interna e la facilità di carico non dovrebbero essere i suoi cavalli di battaglia, ma su questo punto mi riservo una valutazione a posteriori con un test più approfondito.

BMW-X2-gruppo-ottico

Salendo a bordo mi sono trovato circondato dal solito ambiente BMW, quindi poche sorprese. La plancia dell’auto, quindi, mantiene le caratteristiche tipiche delle BMW più recenti, a partire dal cruscotto orientato verso il guidatore fino allo schermo rialzato ad effetto sospeso (può essere anche da 8,8 pollici). Il quadro strumenti ha i tradizionali indicatori a lancette, ma in opzione è ordinabile l’Head Up Display.

MOTORI E ALLESTIMENTI: SUBITO IL 4 CILINDRI

La BMW X2 è ordinabile in tre varianti: quella base, con protezioni in plastica nera sulle fiancate e rivestimenti in tessuto sui sedili; la più sportiva M Sport, con ruote maggiorate, dettagli in nero lucido sul fascione, sedili in pelle e finiture nella plancia in alluminio e l’inedita M Sport X, dotata di profili su fascione e fiancate di color grigio e materiali di rivestimento in tessuto/Alcantara.

Tra le dotazioni di serie sono interessanti i fanali Bi-Led, la verniciatura Alpin White con dettagli in Galvanic Gold e cerchi in lega da 19″. Sulla variante M Sport è possibile far montare cerchi da 20″, mentre sull’allestimento base sono disponibili cerchi da 17, 18 o 19 pollici.

 

In Italia saranno presenti anche gli allestimenti Advantage e Business X: il primo propone l’apertura confort del bagagliaio, gli specchietti ripiegabili elettricamente, i sensori di parcheggio posteriori, il cruise control adattivo e il climatizzatore bizona, mentre il secondo aggiunge l’impianto di infotainment da 6,5″, i fanali Bi-Led, il Parking Assistant con sensori di parcheggio anteriori e posteriori e lo specchietto interno con funzione anabbagliante automatica.

Per quanto riguarda le motorizzazioni saranno ordinabili subito i modelli a trazione integrale con i motori a benzina 2.0 da 192 CV (X2 xDrive20i) e diesel 2.0 da 190 CV 400 Nm erogati tra i 1.750 e i 2.500 giri/min (X2 xDrive 20d) o 231 CV e 450 Nm disponibili tra i 1.500 e i 3.000 giri/min (X2 xDrive25d), abbinati entrambi al cambio Steptronic automatico a 8 marce, ma successivamente arriveranno anche quelli con la trazione anteriore: sono il tre cilindri 1.5 della X2 sDrive18i ed i quattro cilindri delle X2 xDrive20i, X2 sDrive18d e X2 xDrive18d.

BMW-X2-motori

Per quanto riguarda la tecnologia e le dotazioni a bordo la nuova X2 eredita gran parte della nuova linea della serie X , come le tecnologie BMW ConnectedDrive e la sesta generazione dell’iDrive abbinata al Control Display da 6,5″ o al Touch Control Display da 8,8″.

Ovviamente presenti, anche se non così scontato, la compatibilità con Apple CarPlay e i sistemi di assistenza alla guida come la frenata autonoma in caso d’emergenza con riconoscimento dei pedoni e il Lane Departure Warning.

Sulle auto con pacchetto Driving Assistant Plus, inoltre, è disponibile il Cruise Control adattivo con funzione di Stop & Go e il Traffic Jam Assistant che, in alcune condizioni, può gestire sterzo e acceleratore fino a una velocità massima di 60 km/h.

SU STRADA: SPORTIVAMENTE SPORTIVA

Ho provato il modello X2 xDrive 20d M SPORT su un percorso urbano ed extraurbano per 100 km. Durante questa manciata di pochi km ho apprezzato fin da subito la facilità di guida e la precisione nel seguire le traiettorie.

BMW-X2-prova-su-strada

Le soddisfazioni e il rendimento migliore si hanno selezionando la modalità di guida più sportiva che rendono la piccola bavarese più reattiva nel cambio di direzione grazie ad uno status più rigido degli ammortizzatori.

LEGGI ANCHE: CRUISE CONTROL ADATTIVO, COME FUNZIONA

La X2 accelera da 0 a 100 km/h in 7”7 con una velocità massima di 221 km/h. Il cambio automatico si è dimostrato sempre all’altezza della situazione, sia in modalità automatica sia utilizzato manualmente usando le leve dietro al volante.

I consumi dichiarati dalla casa spaziano dai  4.6-4.8 l/100 km della 190 CV ai 5.1-5.3 l/100 km della versione più potente, ma su questo dato aspetto una prova pù lunga per poter verificare.

BMW X2: UNO SCOSSONE ALLE CAR POLICY

BMW X2 è un’auto che guarda fortemente al mondo aziende e flotte, con uno sguardo divero e un approccio grintoso. Abbiamo chiesto al direttore vendite BMW Italia, Massimo Senatore, un inquadramento del veicolo in questo settore.

  • Come si posizionerà la nuova BMW X2 nella vostra offerta flotte e quali sono gli obiettivi che vi ponete?

Si tratta di un’importante novità per BMW, che siamo convinti darà uno “scossone” alle car policy. La nuova BMW X2 è una vettura con tre importanti ingredienti: dinamicità brillante, piacere di guida e comodità quotidiana. Risponde alla necessità di una vettura destinata al lavoro e al tempo libero, godendo delle linee sportive di una coupé BMW e dei robusti volumi di un Suv BMW X. Con la X2 allarghiamo la nostra già ampia offerta flotte”.

  • Quale sarà, a suo avviso, il target di clientela privilegiato del modello?

“Questo modello è sinonimo di rinnovamento, non solo status symbol. I clienti sceglieranno la BMW X2 per le loro motivazioni personali, non per stupire. Crediamo infatti che questa vettura potrà trovare spazio in diversi livelli delle car policy”.

  • Ci saranno allestimenti/versioni dedicate alle flotte?

“Certamente, la nostra versione Business assicura un arricchimento rispetto alla versione Advantage, sia da un punto di vista funzionale sia da quello estetico. I contenuti più rilevanti sono il sistema multimediale Business da 6,5’’, i fari Bi-Led e il Parking Assistant”.

  • A livello di motorizzazioni, quali saranno le più appetibili per le car policy?

“Come evidenziato, la vettura può trovare spazio in diversi livelli delle car policy, anche a seguito dell’ampia scelta di motorizzazioni benzina e diesel. Ovviamente ci aspettiamo molte preferenze sulla motorizzazione 18d, diversificate tra S e xDrive, e una richiesta mirata su 20d e 25d xDrive. Ma abbiamo avuto modo di percepire che la 18i sDrive potrà essere una gradita sorpresa”.

LISTINO PREZZI

Il listino della nuova X2, che prevede quattro allestimenti, parte dalla versione di ingresso con un prezzo di 33.500 €, per l’ADVANTAGE ci vogliono 35.150 €, per la BUSINESS-X 36.850 € e per la M SPORT 40.300 €. Per il modello top di gamma, la M SPORT-X, ci vogliono 40.300 €.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia