Quali sono gli Adas indispensabili sulle auto aziendali?

I test degli Adas, ovvero i sistemi avanzati di assistenza alla guida, hanno rappresentato la novità assoluta del Fleet Motor Day 2018, l’evento organizzato da Fleet Magazine con il patrocinio dell’Osservatorio Top Thousand e di Aniasa.

Sul circuito di Vallelunga i Fleet e Mobility Manager presenti hanno avuto la possibilità di provare i dispositivi Adas più importanti presenti sulle auto di ultima generazione (scopri qui i vari sistemi nel dettaglio), come l’Adaptive Cruise Control (leggi qui come funziona), il Traffic Sign Recognition (scopri qui cos’è), l’Intelligent Speed Assist, il Forward Collision Warning, il Collision Avoidance System e l’Automatic Parking (Parking Sensor + Surround View). Test effettuati in collaborazione con Danisi Engineering, azienda di ingegneria torinese specializzata nelle attività di sviluppo e validazione degli Adas di ultima generazione e nelle soluzioni di self-driving.

Approfondisci: Quali sono i sistemi di assistenza alla guida più diffusi?

I FLEET MANAGER E GLI ADAS

Adesso scopriamo cosa pensano i Fleet Manager di questi dispositivi volti a facilitare la guida, diminuire le possibilità di distrazione e incidenti, realizzando, in definitiva, forme sempre più avanzate di guida autonoma.

Per Fulvia Del Vecchio, di Enel, “gli Adas indispensabili, che abbiamo inserito sulle auto del nostro parco, sono la frenata automatica di emergenza e il Cruise control adattivo, ma vogliamo ampliare la gamma di sistemi di assistenza alla guida su tutta la flotta”.

Adas Volvo XC40

Sulla stessa lunghezza d’onda Luciano Molè, di Avnet Emg: “In quasi tutte le nostre auto aziendali adottiamo l’adaptive cruise control, il Lane Assist, la frenata automatica di emergenza e il Forward Collision Warning. All’inizio i nostri driver hanno fatto un po’ di fatica a capire questi tipi di Adas. Da quando hanno iniziato a provarli sono diventati indispensabili”.

Leggi anche: Numeri da record per la quarta edizione del Fleet Motor Day

LE OPINIONI

“Siamo interessati a tutti i sistemi Adas per migliorare le condizioni di sicurezza degli utilizzatori delle auto aziendali. Oggi gli Adas sono essenziali in considerazione dell’alto tasso di incidenti legati alle distrazioni in auto. Quindi tutto ciò che consente di allertare il driver e impedire delle collisioni attraverso dei meccanismi automatici è benvenuto e abbiamo intenzione di adottarlo sulla nostra flotta”, sottolinea Riccardo Martorelli, di Lfoundry.

Per Ricciardo Muradore, di Beiersdorf, il Cruise control adattivo costituisce addirittura una discriminante per inserire nuove vetture all’interno della flotta. L’ingresso nel parco auto di Beiersdorf è negato a tutte quelle auto che non offrono il Cruise control adattivo.

L’AVANZATA DEGLI ADAS

Le persone che oggi in Europa acquistano auto nuove attribuiscono sempre più valore alla presenza di assistenti elettronici a bordo.

“La tendenza è chiara: presto sarà naturale avere vetture equipaggiate con sistemi di assistenza alla guida quanto disporre di una radio e di un sistema ESP”, ha affermato Dirk Hoheisel, membro del Board of Management di Bosch, facendo riferimento ai risultati di un’analisi condotta dall’azienda sulla base delle statistiche relative alle nuove immatricolazioni.

Leggi anche: I sistemi di assistenza alla guida saranno di serie su tutte le auto

LA SITUAZIONE IN EUROPA

I sistemi di assistenza al parcheggio e di segnalazione di cambio corsia, così come quelli della frenata di emergenza, stanno diventando sempre più popolari. Grazie a questi dispositivi il 38% delle vetture è in grado di aiutare i guidatori ad evitare incidenti.

In Francia il 67% delle nuove auto offre ai conducenti assistenza durante il parcheggio e, nel 63% di esse, il sistema fa parte della dotazione standard. In Germania questo valore si attesta al 42%. In Belgio e nei Paesi Bassi il 39% delle auto nuove (la percentuale più alta in Europa) dispone di un sistema di frenata di emergenza automatico.

Test Adas Kia OPtima SportswagonIn Italia e Russia c’è ancora margine di miglioramento per quanto riguarda i sistemi di assistenza alla guida rispetto agli altri Paesi. Ciò nonostante, il 18% delle auto nuove immatricolate in Italia dispone comunque di un sistema di segnalazione di cambio corsia a bordo. In Russia il trend si sta evolvendo, con una percentuale di installazioni del 6%. Lo stesso vale anche per i sistemi di frenata di emergenza automatici, che hanno anch’essi raggiunto il 6% nelle nuove vetture.

Gli Adas aiutano i driver in situazioni critiche o di traffico intenso e rappresentano un importante passo avanti nel cammino verso la mobilità del futuro, a zero incidenti e zero stress. Le percentuali delle installazioni di questi dispositivi sono in costante aumento. Attualmente il mercato sta crescendo a un tasso del 20% circa.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia