Ferrari Roma, richiamo al passato con prestazioni da super berlinetta

Ferrari Roma è l'omaggio alla Città Eterna e un richiamo alla Dolce Vita a 60 anni di distanza. Stilemi di Ferrari 250 GT, design elegante e pulito, senza rinunciare a prestazioni elevatissime e un comparto tecnologico d'eccellenza

Modena, Maranello, Fiorano, Portofino, Monza e, alla fine, arriva Ferrari Roma. Luoghi del cuore e simboli, ciascuno omaggiato da una Rossa. L’ultimo va alla Città Eterna ed un richiamo alla Dolce Vita, per proporne una nuova, attraverso una berlinetta “due più”.

Ferrari Roma

FERRARI ROMA 

Due posti e due strapuntini posteriori, avvolti da un design piuttosto diverso dalle ultime elaborazioni del Centro Stile, futuristiche come la SF90 Stradale ibrida. Roma sceglie soluzioni all’insegna dell’estrema pulizia delle superfici. Volumi pieni e senza interruzioni, un frontale che richiama il passato nella griglia a maglie, evoca la 250 GT Berlinetta passo corto soprattutto.

Approfondisci: Ferrari SF90 Stradale, l’ibrido plug-in da un altro mondo

Lo fa anche nell’andamento della coda, rastremata e altrettanto essenziale, con i gruppi ottici che seguono perfettamente le linee dei passaruota. Dal 1959 della 250 GT Berlinetta, in piena Dolce Vita, al rinnovare quel ricordo 60 anni dopo.

Tutto così pulito e lineare da sembrare irreale. Il trucco c’è e si lega all’aerodinamica attiva. Integrata al lunotto e sul bordo del portellone, c’è un’ala attiva che si estende in velocità, per sviluppare la pressione necessaria a incrementare l’aderenza dell’asse posteriore.

Ferrari Roma si posiziona nella fascia d’accesso della gamma, dalla Portofino coupé-cabriolet (scopri le caratteristiche della “piccola” Ferrari) si passa a una berlinetta chiusa che nasce su un’architettura per il 70% con nuovi elementi, condividendo la lunghezza del passo, 2,67 metri su una lunghezza di 4 metri e 65 centimetri.

MOTORE DI FERRARI ROMA

Motore di Ferrari Roma

La Nuova Dolce Vita proposta si sviluppa intorno al motore V8 turbocompresso da 3.8 litri, installato in posizione anteriore e interno al passo, con una potenza massima incrementata dai 600 cavalli della Portofino ai 620 cavalli, con 760 Nm di coppia motrice. Numeri che la portano a essere la proposta migliore del segmento con un rapporto peso-potenza di 2,37 kg/cavallo.

Leggi anche: Il V8 Ferrari è ancora Motore dell’anno

Differenze tra le due proposte che sono nella trasmissione, vista la presenza del nuovo cambio doppia frizione 8 marce lanciato da Ferrari SF90 Stradale.

INTERNI DUAL COCKPIT 

I richiami al passato si ritrovano anche in un abitacolo modernissimo nel Dual Cockpit: passeggero e guidatore ciascuno in una propria dimensione, grazie alla separazione creata dal tunnel centrale a ponte.

Interni di Ferrari Roma

Un tempo, sul tunnel avresti trovato il cambio e la leva del manuale con la griglia del selettore. Dalla Dolce Vita ai piaceri di una cambiata perfetta e ultraveloce, oggi, con il doppia frizione: palette al volante e una simil-griglia reinterpretata da tre levette e 4 posizioni del cambio: dal selettore della retro a quelli della modalità automatica o manuale, fino al Launch Control.

Leggi anche: Monza SP1 e SP2, Ferrari celebra le barchette dei ’50

Storia e modernità che convivono, vista la proposta di un touchpad dal quale gestire anche la chiamata d’emergenza. Gli interni di Ferrari Roma sviluppano il Dual Cockpit con un’installazione verticale dell’infotainment da 8,4 pollici, replicato dal secondo schermo destinato al passeggero, che può operare in autonomia sull’impianto audio, la navigazione e verificare le prestazioni con le info rappresentate nella strumentazione principale dietro un volante evoluto e con diversi comandi touch sulle razze. Ecco, strumentazione interamente digitale, composta da un pannello da ben 16 pollici di diagonale.

PRESTAZIONI DI FERRARI ROMA

Prestazioni di Ferrari Roma

Oltre allo stile e alla tecnologia, ci sono i numeri delle prestazioni, da autentica supercar. L’architettura in alluminio limita il peso a 1.425 kg, un valore ben al di sotto del dato dichiarato da Ferrari Portofino. In accelerazione, Ferrari Roma realizza uno 0-100 km/h da 3″4, per proseguire fino ai 200 orari e raggiungerli in 9″3 dallo scatto da fermo. La velocità massima è posta oltre i 320 km/h. 

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia