Il Nlt per privati conviene? Ecco la formula

Il noleggio a lungo termine per privati conviene? La risposta cambia rispetto a quelle che sono le proprie esigenze e abitudini di guida. Ma orientarsi e capire cos’è meglio per sé non è così difficile. Per fare un confronto del rapporto costi noleggio auto – benefici bisogna partire da un’offerta concreta di noleggio a lungo termine. Compresi tutti i termini del contratto, si possono raffrontare i costi con quelli sostenuti per l’auto di proprietà.

noleggio a lungo termine privati

Quanto costa un’auto a noleggio? Per facilitare il raffronto, ecco come valutare il costo mensile reale della propria auto in rapporto a una delle offerte più diffuse sul mercato, il Be-Free di Leasys, che propone una Fiat 500 da 229 euro al mese (IVA inclusa) senza anticipo, comprendendo 75mila km di guida (ricalcolabili se aumenta le percorrenza annua) assicurazione RCA, bollo e assistenza stradale. Consideriamo, quindi, quanto costa noleggiare un’auto rispetto al costo di un’auto nuova per quattro anni di utilizzo.

VALORE RESIDUO: COME VALUTARE UN’AUTO

Una delle obiezioni al noleggio è che poi “non ti rimane in mano niente”. Questo è vero, nel senso che al termine del contratto di noleggio l’auto non è di nostra proprietà e non possiamo permutarla per comprare una nuova macchina. È anche vero, però, che non dobbiamo preoccuparci della svalutazione del nostro mezzo.

APPROFONDISCI: le differenze tra Leasing e Noleggio a lungo termine

Calcolare il valore residuo è una delle discriminanti per il Noleggio

Non tutte le auto si svalutano allo stesso modo, e per sapere con precisione qual è il valore residuo del proprio modello ci si può rifare alle quotazioni auto di Quattroruote, scelte anche dall’ISTAT per la definizione del valore del mercato dell’usato. Mediamente, dopo 4 anni, l’auto vale il 35% dell’importo pagato.

Per fare un esempio: se spendo 15.000 euro per un’auto nuova, il calcolo valore auto usata dopo 4 anni sarà di circa 5.250 euro. Dovrò quindi tenere conto nelle spese di 9.750 euro da dividere per i 48 mesi (203 euro). A questi vanno aggiunti eventuali costi finanziari sostenuti al momento dell’acquisto.

CALCOLO ASSICURAZIONE AUTO

Dopo il costo dell’auto, l’RCA è sicuramente il costo fisso più alto da considerare. Anche in questo caso, per non fare discorsi approssimativi, il costo assicurazione auto va calcolato tenendo conto della tipologia d’auto, della classe di merito, della provenienza geografica, del tipo di assicurazione stipulata. Se ipotizziamo un costo medio di 700 euro l’anno, si può calcolare un costo mensile di circa 58 euro.

Approfondisci: in Italia 1 auto su 10 non è in regola con l’assicurazione, ma non siamo i peggiori in Europa

Il vantaggio del noleggio è di proporre un costo fisso per l’assicurazione, indipendentemente se stipuliamo il nostro contratto a Napoli o ad Aosta. Allo stesso tempo si è al riparo dall’aumento dei costi assicurativi nel tempo: si può perdere la classe di merito (in caso si facciano sinistri attivi) ma il prezzo dell’RCA rimane lo stesso.

Bisogna però stare molto attenti nel valutare quale tipo di assicurazione è inclusa. Se consideriamo il Be-Free, per avere inclusa la copertura RCA con penale risarcitoria, copertura furto e incendio con penale risarcitoria, servizio di riparazione danni con penale risarcitoria, bisogna passare al Be-Free Plus, a 269 euro al mese.

CALCOLO BOLLO AUTO

Il bollo viene calcolato in base ai CV dell’auto. Si può agevolmente fare il calcolo del bollo sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Quando si paga il bollo auto? Il pagamento della tassa automobilistica deve essere effettuato in periodi fissi che, normalmente, coincidono con il primo mese di validità della tassa.
Ad esempio, per un autoveicolo con scadenza bollo auto ad aprile 2017 il versamento della tassa dovrà essere effettuato nel mese di maggio 2016. Anche questa spesa, poniamo di 200 euro l’anno, va suddivisa per calcolare l’importo mensile (con questo calcolo 16 euro). Il bollo è generalmente compreso in qualsiasi contratto di noleggio a lungo termine per privati.

MANUTENZIONE, IMPREVISTI E GUASTI

In questa voce vanno calcolati il costo dei tagliandi per la manutenzione ordinaria. Anche questo è un dato variabile, dato che il tagliando va fatto alla scadenza del chilometraggio previsto dal costruttore. Possiamo calcolare un tagliando ogni circa 20.000 Km, a un costo non inferiore ai 200 euro. Per avere una stima di questo costo bisogna quindi calcolare anche la propria percorrenza media annua.

Nel calcolo dobbiamo considerare anche i costi imprevisti dovuti a guasti non coperti da garanzia, imprevedibili per natura.

cambio-pneumatici-invernali-flotte-aziendali-2016

Inseriamo in questa voce anche il cambio dei pneumatici estivi e invernali, con le sperse di equilibratura e convergenza.

Per confrontare queste spese con quelle del noleggio, bisogna capire esattamente cosa è incluso nel nostro contratto di noleggio e cosa no. Ad esempio, il Be-Free Plus incluse manutenzione ordinaria e straordinaria, assistenza stradale, servizio di infomobilità I-Care; oltre all’utilizzo di una App gratuita per la gestione dei servizi.

KILOMETRAGGIO E COSTI INTANGIBILI

Se l’auto è di nostra proprietà possiamo fare tutti i chilometri che desideriamo (ovviamente più strada facciamo più aumentano l’usura del veicolo e le spese di manutenzione). I contratti di noleggio sono invece vincolati a un certo kilometraggio annuo. Se consideriamo il Be-Free, comprende un totale di 60.000 chilometri, pari a 1.250 Km al mese. Sono adeguati per le nostre esigenze? Se abbiamo la necessità di arrivare a 100.000 Km di percorrenza dobbiamo calcolare, in base al contratto di noleggio, 4 euro in più ogni 100 Km, pari a 1.600 euro (circa 33 euro di canone aggiuntivo al mese).

I mesi (e le stagioni) sono al centro dell’offerta LeasePlan 4Seasons, che propone una diversa Fiat 500 ( classica, 500 cabrio, 500 X e 500 L) per la primavera, l’estate, l’autunno e l’inverno.

Il primo dei costi intangibili, invece, è il nostro tempo, l’unica cosa che non possiamo comprare. Il noleggio ci solleva da pensieri come “Avrò pagato il bollo?” oppure “Fra quanto devo fare il tagliando?”, dalle file all’Aci, dal dubbio di chi chiamare per l’assistenza stradale. Sono vantaggi non monetizzabili, cui ciascuno può dare il valore che desidera.

LA “FORMULA” PER CAPIRE LA CONVENIENZA DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE PER PRIVATI IN BREVE

Calcolare il costo mensile dell’auto di proprietà per confrontare il prezzo con il canone di noleggio a lungo termine per privati è un’operazione piuttosto semplice, che possiamo effettuare raccogliendo le informazioni già in nostro possesso. Ovviamente dal calcolo escludiamo i costi della benzina, che sono un extra in entrambi i casi.

In sintesi si tratta di sommare le variabili derivanti dal possesso dell’auto, dividendo il tutto per la durata (in mesi) del contratto di noleggio:

infografica il noleggio a lungo termine per privati conviene

Confrontando la somma ottenuta con il canone proposto (facendo attenzione al kilometraggio, al tipo di assicurazione e servizi che vogliamo garantirci, che possono avere un costo aggiuntivo) possiamo vedere cosa ci conviene e fare una scelta ragionata.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia