Smart, tutte le soluzioni per la ricarica dell’auto elettrica

Smart è il primo costruttore ad abbandonare il motore a combustione interna, passando alla trazione 100% elettrica. Accanto al prodotto, tante soluzioni di ricarica per la clientela.

Fin dalle origini, i modelli smart sono nati come auto elettriche. Infatti, già all’epoca dei primi studi di un veicolo destinato al traffico urbano, nel 1972, il concept era dotato di trazione a batteria. Pure Nicolas Hayek (l’ideatore del modello) aveva considerato fin dall’inizio l’idea di una smart con questo tipo di trazione a zero emissioni. Così, dal 2007, ogni generazione della citycar offre una versione 100% elettrica.

Motore nuova Smart EQ fortwo 2020

Oggi il brand si converte definitivamente all’elettrico. È il primo marchio automobilistico in assoluto a compiere questo passaggio drastico dal motore a combustione interna alla sola trazione a batteria.

Smart EQ fortwo cabrio

Non solo prodotto, ma anche soluzioni di ricarica. Perché l’infrastruttura è uno dei temi fondamentali per la diffusione di questo tipo di alimentazione green. In merito, abbiamo posto qualche domanda a Maurizio Zaccaria, smart & innovative sales Senior Manager Italia.

SMART HA DETTO ADDIO AL MOTORE TERMICO, PROPONENDO UNA GAMMA 100% ELETTRICA. QUAL È LA FILOSOFIA DI QUESTA DECISIONE?

In realtà, già dal concept iniziale, oltre 20 anni fa, smart era stata pensata per essere una citycar 100% elettrica. Oggi questa visione ha raggiunto la sua piena maturità, concretizzandosi in una scelta importante che vede ancora una volta il marchio smart front runner in una nuova era della mobilità.

Smart EQ forfour

Approfondisci: i 10 segreti della smart elettrica

LE SOLUZIONI DI SMART PER LA RICARICA DELL’AUTO ELETTRICA

La nostra soluzione è una strategia articolata, attraverso un’offerta multi channel che parte da casa con Charge@home: una wallbox di ricarica inclusa nelle offerte di acquisto di ogni smart, certificata Enel X e installata a casa del cliente (garanzia e manutenzione inclusa) per una ricarica efficace e sicura.

Ricarica smart auto elettrica

Il ventaglio si amplia con Charge@public, che offre ai driver l’esperienza di parcheggio e ricarica (identificazione, navigazione, prenotazione e pagamento) attraverso l’app Ready to Park & Charge, sfruttando un network di autorimesse convenzionate nelle città di Roma, Milano, Firenze, Genova, Bologna e Napoli. Un’ulteriore rete che si integra con i POC (point of charge) pubblici offerti da Enel X (ad oggi oltre 3.700), cui si aggiungeranno prossimamente quelli di altri provider.

App ricarica auto elettrica smart

Charge@dealer è un ulteriore elemento della strategia del brand: un network di infrastrutture di ricarica semipubbliche installate in tutta la rete di vendita smart, anch’esse identificabili e prenotabili attraverso l’app Ready to Park & Charge. Infine, Charge@street, il servizio di ricarica mobile on demand in collaborazione con E-Gap, per il momento offerto nelle città di Roma e Milano, dove è la ricarica che raggiunge la vettura e non la vettura che raggiunge la colonnina.

QUANTO COSTA RICARICARE LA SMART ELETTRICA?

Il costo dipende dalle tariffe e dai contesti. A casa, un pieno di energia per ricaricare fino a 160 km di autonomia costa in media 3,50 euro. Il prezzo sale se si effettua la ricarica dalle infrastrutture pubbliche, anche in questo caso a seconda del gestore che eroga il servizio, al momento circa 7,50 euro.

QUALI SONO I VANTAGGI DEL CARICATORE DI BORDO DA 22 KW, DISPONIBILE A RICHIESTA? 

La possibilità di ricaricare più rapidamente la vettura, in circa 50 minuti, ma molti clienti non ne sentono l’esigenza e optano comunque per il caricabatterie di serie da 4,6 kW, perfetto per l’utilizzo quotidiano cittadino.

SMART EQ CONTROL E READY TO SERVICES: COME SEGUIRE LO STATO DELLA RICARICA DA REMOTO

Tramite queste due app è possibile monitorare la percentuale di ricarica della batteria e l’autonomia residua. Inoltre, smart EQ control permette di usufruire di ulteriori funzionalità, tra cui la pre-climatizzazione da remoto e la funzione smart charging, per una ricarica intelligente che sfrutta le fasce orarie in cui, in base al nostro contratto energetico, l’energia elettrica ci costa meno, esattamente come avviene con i grandi elettrodomestici.

App ricarica smart auto elettrica

Leggi anche: le novità di smart che avremmo visto al Salone di Ginevra 2020

COME SUPERARE GLI OSTACOLI LEGATI ALLA SCARSITÀ DI INFRASTRUTTURE DI RICARICA? 

Abbiamo realizzato intorno alla smart un ecosistema di facilities e servizi ‘Charge@’, che estenderemo gradualmente anche alla gamma plug-in di Mercedes e ai prodotti del marchio EQ, che partono dalla wallbox di ricarica compresa nel prezzo di acquisto della vettura e arrivano fino agli accordi per le ricariche ‘on demand’ su strada, grazie all’accordo con E-Gap.

Smart EQ fortwo coupe

Detto questo, la mobilità elettrica è fatta di tanti attori, tutti impegnati verso il medesimo obiettivo, non soltanto i costruttori, ma anche istituzioni, provider energetici e mondo dell’impresa, sia pubblica che privata.

COME INCENTIVARE LA DIFFUSIONE DELLE AUTO ELETTRICHE?

Ciò di cui si sente il bisogno è di certo una forte governance che trasmetta segnali univoci e chiari relativamente a vantaggi e benefici connessi alla mobilità elettrica. Troppo spesso infatti, si riscontrano comportamenti incoerenti tra Governo centrale, Regioni e Comuni, che penalizzano l’avvicinarsi a modelli puramente elettrici o plug-in, che rappresenterebbero già oggi una soluzione di mobilità ideale per una larga parte della clientela.

Smart EQ forfour dinamica

Gli investimenti sul fronte delle infrastrutture e gli incentivi, a vario titolo, devono poter lavorare in maniera sistemica e coerente, per far sì che la mobilità ecosostenibile abbia una crescita omogena e sana.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia