30 Aprile 2018

Quale è il significato dei loghi delle auto?

I loghi delle auto sono un aspetto fondamentale: ne determinano infatti la riconoscibilità e, ormai, sono entrati a far parte dell’immaginario popolare degli appassionati. Dal Biscione di Alfa, alla Losanga di Renault, passando per il Tridente di Maserati e il Fulmine di Opel.

Pochi, però, sanno effettivamente cosa significano i loghi delle auto. Spesso, infatti, la loro realizzazione richiama la storia e le origini di un determinato brand. Ecco perchè vi proponiamo qui una carrellata sugli stemmi più curiosi e sul perchè sono stati elaborati in questo modo. Partiamo, in rigoroso ordine alfabetico, proprio da Alfa Romeo.

LOGHI DELLE AUTO: IL SIGNIFICATO

ALFA ROMEO

Cosa significano i loghi delle auto di Arese? Beh, cominciamo con il dire che questo stemma richiama la terra che ha dato i natali al brand, ovvero la città e la zona di Milano.

logo Alfa Romeo

Nella parte sinistra del logo, c’è la croce rossa su sfondo bianco, che è il simbolo del comune meneghino, mentre a destra campeggia il Biscione, che è il simbolo distintivo della famiglia Sforza, che per anni ha dominato il capoluogo lombardo.

Leggi Anche: la nostra prova di Alfa Romeo Stelvio

AUDI

I famosi quattro anelli di Audi richiamano la nascita del brand tedesco. La Casa è nata, infatti, dalla fusione di quattro aziende (Audi, Horch, DKW e Wanderer), che nel logo diventano i quattro anelli intersecati l’uno con l’altro.

logo Audi

Da sottolineare anche che inizialmente questo logo veniva utilizzato solamente per le auto da corsa, mentre solamente dal 1985 viene usato anche per le vetture stradali che tutti noi conosciamo.

Leggi Anche: quanto costa noleggiare la nuova Audi Q2

BMW

I loghi delle auto BMW riportano un’elica bianca e azzurra. Secondo una versione accreditata da alcuni, è quella di un aeroplano che sfreccia su un cielo azzurro. Un omaggio alla “fabbrica bavarese dei motori”, che all’inizio della sua storia produceva propulsori per gli aerei tedeschi.

logo BMW

Secondo, però, un’altra versione ancora più probabile, l’elica rappresenta semplicemente un omaggio alla terra di origine del brand, ovvero la regione della Baviera.

Leggi Anche: il nostro primo assaggio della BMW X3

CITROEN

Il Double Chevron richiama le origini della storia di Citroen. La Casa francese fu fondata nel 1919 da André Citroen, possessore anche di un’industria che produceva ingranaggi bielicoidali.

logo Citroen

Il logo, dunque, non è altro che la rappresentazione stilizzata di questi ingranaggi. Un disegno molto semplice, quindi, che contiene una storia ormai entrata nel mito.

Leggi Anche: la nostra prova della Citroen C3 Aircross

FERRARI

Tra i loghi delle auto più conosciuti, c’è sicuramente il Cavallino Rampante di Ferrari. Anche in questo caso, lo stemma richiama la terra d’origine del brand, ovvero l’Emilia.

logo Ferrari

Il colore giallo che fa da sfondo al logo è quello che caratterizza la città di Modena, dove ha sede la Casa, mentre il Cavallino è l’insegna dell’asso dell’aviazione Francesco Baracca, che negli anni Trenta andò ad agghindare come portafortuna le vetture da corsa guidate dal patron Enzo Ferrari.

MASERATI

Anche per Maserati conta la terra d’origine. Il logo fu realizzato da Mario Maserati, artista della famiglia che creò l’azienda, e la scelta del soggetto è ricaduta sul tridente della statua di Nettuno, un vero e proprio simbolo di Bologna.

logo Maserati

Lo stemma faceva già bella mostra di sé sulla prima vettura prodotta dalle Officine Alfieri Maserati, che si chiamava Tipo 26. Sono passati quasi cento anni, dato che era il 1926.

Leggi Anche: la nostra prova della Maserati Ghibli

MERCEDES

Tra i loghi delle auto più popolari, c’è la Stella di Mercedes. Le tre punte simboleggiano altrettanti elementi naturali: la terra, l’aria e l’acqua. Il collegamento con il mondo delle quattro ruote non è immediato, ma c’è.

logo Mercedes

La terra, l’aria e l’acqua sono infatti i tre luoghi simbolici sui quali i motori delle vetture del marchio tedesco possono cimentarsi. Proprio le performance, non a caso, sono tra le caratteristiche portanti delle Mercedes.

Leggi Anche: il nostro primo assaggio della nuova Classe S

OPEL

Il Fulmine, ovvero il logo di Opel, trae origine dalla storia del marchio tedesco. Come sappiamo, lo stemma ritrae un cerchio sormontato da un fulmine. Che, in tedesco, si dice Blitz.

logo Opel

E Blitz è proprio il nome del primo modello di bicicletta uscito dalla fabbrica della Opel. Da allora, di strada ne è stata percorsa molta, ma il Fulmine è rimasto il simbolo della Casa.

Leggi Anche: la nostra prova della Opel Insignia Sports Tourer

PEUGEOT

Il logo del Leone, simbolo di Peugeot, è stato celebrato anche all’ultimo Salone di Ginevra. Ha origini antichissime. Lo stemma si ispira infatti alla regione Franche-Comté.

logo Peugeot

Secondo le pagine della storia transalpina, fu progettato da un gioielliere, Blazer Justin, nel lontanissimo 1847.

Leggi Anche: la nostra prova della nuova Peugeot 5008

RENAULT

Un altro dei loghi delle auto più conosciuti è la Losanga di Renault. Una forma geometrica simile a un rombo. Quest’ultimo, infatti, identifica le vetture della Casa francese fin dal lontano 1925.

logo Renault

Scelto per la sua semplicità, si è evoluto poi nel tempo, fino ad arrivare all’attuale losanga, introdotta nei primi anni Settanta. L’epoca, per intenderci, della mitica Renault4.

Leggi Anche: il nostro test drive della Renault Megane Grand Coupé

TOYOTA

Lo stemma di Toyota è caratterizzato da tre ellissi. Nato nel 1989, è stato adottato dalle vetture del marchio giapponese a partire dal 1991. Un logo, quindi, relativamente recente, anche se ricco di significati evocativi.

logo Toyota

Le tre ellissi, infatti, vanno a formare la lettera “T” e sono pensate per evocare la relazione tra la Casa e il suo cliente. L’ovale che racchiude il tutto, invece, è il simbolo della tecnologia del brand.

Leggi Anche: la nostra prova della Toyota C-HR

VOLVO

Chiudiamo con un altro logo molto popolare, quello di Volvo. Pochi lo sanno, ma la forma geometrica che circonda il nome della Casa è l’antico simbolo del ferro. Non è un caso.

logo Volvo

La resistenza e la sicurezza, infatti, sono da sempre due caratteristiche portanti delle vetture del Costruttore svedese. Lo stemma, quindi, racchiude in una sola immagine la filosofia del brand.

Leggi Anche: la nostra prova della nuova Volvo XC40

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia